Il Regno Federale di Jugoslavia

di Tommaso Mazzoni

Bandiera del Regno Federale di Jugoslavia

Bandiera del Regno Federale di Jugoslavia

.

Capitale: Mostar
Altre Città: Belgrado, Sarajevo, Lubjana, Trieste/Trist, Skopje, Prishtina, Pazin/Pisino, Banja Luka, Podgorica, Novi Sad, Klagenfurt am Wörthersee / Klognfuat / Celovec .
Forma di Governo: Monarchia Parlamentare con successione a preferenza maschile.
Monarca: Re Alessandro II Karadjeogevic.
Cancelliere Federale: Petar Kaiser (SPK) (Carinzia) (Lega dei Socialdemocratici Jugoslavi) dal 2015, anche Ministro degli Esteri .
Altri membri del Consiglio dei Primi Ministri: il Ministro degli Interni Oliver Spasovski (SDSM) (Macedonia) (LSJ) , il Ministro della Giustizia Duško Marković (DPSCG) (Montenegro) (LSJ) , Il Ministro della Difesa Petar Đokić (SP) (Kraina Bosniaca) (LSJ) , Il Ministro dell' Economia e dello Sviluppo Economico Nenad Čanak (LSV) (Voivodina) (LSJ), il Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Albin Kurti (V) (Kosovo) (LSJ),il Ministro della Pubblica Istruzione Fabrizio Radin (IDS) (Istria)(LSJ) il Ministro della Cultura e dello Spettacolo Ljubo Bešlić (UAPH) (Unione Agraria e Popolare Jugoslava) (Erzegovina), Il Ministro della Salute Ana Brnabić (SNS) (Serbia) (UAPJ) , Il Ministro dell'Ambiente e delle Risorse Agricole Andrej Plenković (HDZ) (Croazia) (UAPJ), il Ministro delle Politiche Comunitarie Janez Janša (SDP) (Slovenia) (UAPJ), il Ministro dello Sport e delle Politiche Sociali Šefik Džaferović (SDA) (Bosnia) (UAPJ) e il Ministro del Turismo e delle Telecomunicazioni Roberto Dipiazza (FVG) (Venezia-Giulia)(UAPJ)
Fondazione: 1929, dopo la convenzione di Mostar e la nomina di Stjepan Radić, scampato ad un attentato l'anno prima, a Cancelliere Federale.
Superficie: 266.018 km2
Abitanti: 23.394.180 abitanti
Densità: 87,94 abitanti per km2
Lingue: Serbo, Croato, Italiano, Friulano, Istriano, Triestino, Bosniaco, Tedesco, Austro-Bavarese, Bulgaro, Ungherese, Rumeno, Macedone, Albanese.
Religione: Cristiana Ortodossa, Cristiana Cattolica e Musulmana. La libertà religiosa è assicurata dalla costituzione.
Moneta: Euro (con la faccia del Re Alessandro II ).
Economia: In Jugoslavia convivono grande città industriali e comunità rurali nell'interno.
Inno nazionale: Hej, Slaveni
Prefisso telefonico: +38
Targa automobilistica: YU
Tld: .yu

Cultura: Il vero miracolo della Jugoslavia è essere riuscita a far convivere pacificamente ormai da quasi un secolo popoli che per secoli si sono odiati; specialmente negli ultimi decenni questo ha prodotto una società cosmopolita unica nel suo genere, dove splendide chiese, sia cattoliche che ortodosse sono affiancate da altrettanto splendide Moschee, specialmente nella capitale, Mostar. La Jugoslavia è tuttora fra le maggiori produttrice di film in Europa. Belgrado è soprannominata l'Hollywood dei Balcani. Negli ultimi decenni grandi passi avanti sono stati fatti sotto il profilo dei diritti civili ma molto deve essere ancora fatto.

Politica e istituzioni: Il Regno Federale di Jugoslavia è una federazione di 13 reami uniti nell'economia, nella difesa e nella politica estera, con degli standard comuni su sanità, infrastrutture, sicurezza e ambiente. I 13 Reami sono: Bosnia, Istria, Serbia, Carinzia, Croazia, Kraina Bosniaca, Kosovo, Macedonia, Montenegro, Slovenia, Venezia Giulia, Voivodina e il Regno d'Erzegovina, sede della Capitale Federale Mostar. Ogni reame ha il proprio parlamento ed elegge il proprio Primo Ministro. Il Consiglio dei Primi Ministri costituisce il Governo Federale. Il Parlamento Federale vota la fiducia ad uno dei Ministri, che il Re poi nomina Cancelliere. Ogni decisione del CPM è presa a maggioranza. Quando votano per il Parlamento del proprio reame i cittadini Jugoslavi designano anche i rappresentanti al Parlamento Federale. Il voto locale avviene con voto proporzionale con doppia preferenza di genere; accanto, può esprimere doppia preferenza di genere per i candidati della stessa lista per il Parlamento Federale. Non è possibile il voto disgiunto. In caso, il voto alla lista locale è considerato valido, senza preferenze, e di conseguenza il voto va anche alla lista federale collegata. Il Parlamento Federale può sfiduciare il Cancelliere, che assegna le deleghe del Governo Federale e decide l'ordine del giorno. Solo i parlamenti locali possono sfiduciare i singoli Primi Ministri. La Giustizia si articola in tribunali Civili, Penali, Amministrativi e Tributari; Ogni Regno possiede quattro Alte Corti; La Suprema Corte di Giustizia Federale è l'organo di vertice del potere giudiziario, e il suo presidente è il Re; Il Re nomina tutti i Primi Ministri dopo il voto di fiducia dei Parlamenti, è il Capo dell'esercito e ha il diritto di Veto, superabile con voto dei 2/3 del parlamento; Il Re ha l'ultima parola sui trattati e le dichiarazioni di guerra, può dichiarare lo stato d'emergenza per sei mesi, che deve essere approvato dal parlamento entro 30 giorni; durante lo stato d'emergenza può emettere decreti aventi valore di legge perché ratificati entro 60 giorni dal parlamento federale. Il Re può anche emettere perdoni, amnistie ed indulti, creare titoli nobiliari onorifici ed ereditari e determinare la legge di successione al proprio trono. Il Parlamento Federale è composto da 468 Deputati (36 per ogni stato membro)

Forze Armate: Ogni Reame dispone di una propria Guardia Nazionale che include una piccola flotta (fluviale o costiera) e una piccola aviazione, mentre a livello federale abbiamo quattro forze armate, Esercito Reale Federale Jugoslavo, Flotta Reale Federale Jugoslava, Aviazione Reale Federale Jugoslava e la Gendarmeria Reale Federale Jugoslava, che svolge compiti di intelligence e di polizia giudiziaria, di Guardia Forestale e di Guardia di Finanza.

Inno del Regno Federale Jugoslavo

Storia: La storia del Regno Federale di Jugoslavia comincia con il fallito attentato ai danni del Primo Ministro Stjepan Radić nel 1929, che, sopravvissuto, convince Re Alessandro I a convocare una grande Conferenza Costituente a Mostar alla quale partecipano anche moderati delle varie correnti nazionaliste e del partito socialista. I lavori durano quasi un anno, ma la nuova costituzione suddivide la Jugoslavia in 7 reami federati, compreso l'Erzegovina, Regno della capitale, che è posta nella multiculturale Mostar.
Stjepan Radić, ora Primo Ministro di Croazia è confermato Cancelliere Federale dopo l'elezione che vede i partiti della UAPJ, la coalizione di partiti Agrari e Popolari Jugoslavi conquistare la maggioranza in Croazia, Slovenia, Mostar, Bosnia e Montenegro; In Serbia e in Macedonia vincono i partiti Socialdemocratici della Lega dei Socialdemocratici Jugoslavi. Radić tiene per se il Dicastero degli Interni, affidando a Anton Korošec (Slovenia) il ministero della Difesa, a Vladimir Ćorović (Erzegovina) l'Istruzione, a Memhed Spaho (Bosnia, che ha fondato il Partito Agrario Islamico Bosniaco oggi SDA) l'Economia, a Sekula Drljević (Montenegro) la Giustizia, a Filip Filipović (Serbia) gli Esteri e a Dimitar Vlahov (Macedonia) le Infrastrutture e i Trasporti. Nel quinquennio 1930-1935 la Jugoslavia provvide a rafforzare le infrastrutture, riducendo il divario fra o vari reami, e introducendo numerose garanzie per le minoranze; ne consegui una notevole crescita economica; in politica estera, crescevano le tensioni con l'Italia, che portarono il governo federale Jugoslavo ad intessere relazioni con Cecoslovacchia, Romania, Albania e Grecia. Le elezioni del 1935 videro i partiti dell' UAPJ confermati ovunque fuorchè in Montenegro, dove la vittoria arride ai Socialisti locali guidati da Nikola Kovačević che sostituì Ćorović all'Istruzione, mentre alla Giustizia andò lo stesso Ćorović al posto di Drljević. Il quinquennio 1935-1940 vide l'acuirsi delle tensioni fra Jugoslavia ed Italia, culminate nella crisi del 1939 quando il tentativo di occupazione dell'Albania causò una netta reazione della Jugoslavia che fece fallire l'operazione; la stessa Jugoslavia minacciò di intervenire in armi contro l'Unione Sovietica in caso di invasione della Bessarabia; Perfino la Germania, poco desiderosa di aprire un fronte meridionale è costretta a lasciare Bucarest in pace nonostante l'insistenza dell'Ungheria; in questa timeline, con l'appoggio della Jugoslavia la Romania ha conservato un regime democratico e parlamentare, a differenza di Bulgaria e Ungheria. La Jugoslavia aveva ordinato la mobilitazione generale dopo Monaco, e, anche se nel 1940 le elezioni provocano una piccola rivoluzione: i partiti dell'LSJ conquistano a sorpresa la Maggioranza grazie alla vittoria Socialdemocratica in Slovenia dove il professor Josip Vidimar diventa Primo ministro;il crescente pericolo di un'invasione italiana e la passata simpatia per il fascismo mostrata da Korošec furono essenziali per questa vittoria; Re Alessandro I, dopo una lunga consultazione con Filipović accetta di nominare lo stesso Cancelliere; Il nuovo Consiglio dei Primi Ministri vede Filipović conservare la delega agli Esteri, con Vidmar alla Difesa, Kovačević alla Giustizia e Vlahov agli Interni; Spaho restò all'Economia, Radić passò alle Infrastrutture e ai Trasporti e Ćorović tornò all'Istruzione. Nel 1941 l'Italia invade la Jugoslavia. L'esercito Jugoslavo guidato dal Generale Dušan Simović respinge l'assalto raffazzonato degli Italiani e anzi, invade la Venezia Giulia; Ma l'intervento di Tedeschi ed Ungheresi costringe l'esercito Jugoslavo sulla difensiva; nonostante l'appoggio di Greci, Rumeni ed Albanesi, che dichiarano guerra all'Asse l'intervento della Bulgaria causa un netto arretramento del Fronte; ma dalla Grecia, rinforzi britannici permettono agli Jugoslavi e ai loro alleati di resistere; Intanto nei territori occupati dall'asse si scatena la lotta partigiana che si organizza nel Fronte Patriottico di Liberazione Jugoslava; il Principe ereditario Petar, che ha solo 18 anni, sfugge alla guardia personale e prende personalmente la guida delle operazioni partigiani; miracolosamente sfugge ad una serie di attentati, alcuni opera dei Nazionalisti filofascisti altri dei Comunisti che sperano di poter rovesciare la Monarchia. Gia nel 1944 l'insurrezione generale dei Partigiani Jugoslavi, guidati dal Principe Petar permette la liberazione del territorio nazionale; la Bulgaria, isolata dagli alleati si arrende, mentre gli Jugoslavi invadono la Venezia Giulia e la Carinzia; a parte qualche episodio, severamente condannato dal governo di Mostar, il trattamento riservato ai civili è inappuntabile; Nel 1945, appena finita la guerra, si tengono i referendum in Carinzia e Venezia Giulia; entrambe le regioni votano per entrare come Reami autonomi in Jugoslavia; tuttavia, l'Istria vota per diventare autonoma da ogni altro Reame Federato, e questo obbliga il governo di Mostar a creare un quarto nuovo Reame, che viene costituito in Voivodina ed è sostanzialmente affidato agli Esuli Ungheresi, che fuggono dall'Ungheria ormai sotto controllo sovietico. La Cecoslovacchia e l'Austria diventano stati neutrali, la Finlandia diventa uno stato Socialista come la Polonia e la Germania Est e l'Unione Sovietica annette la regione di Odessa, ma in questa TL le truppe sovietiche non hanno mai occupato la Romania che resta una Monarchia neutrale; a Est l'Urss annette il Turkestan Orientale, la Mongolia Esterna e la Manciuria, mentre il resto della Cina è diviso in due, il Tibet diventa indipendente e la Corea diventa uno stato unitario Socialista.
Le nuove elezioni consegnano la seguente fotografia: degli Undici Reami, 6 (Croazia, Istria, Slovenia, Bosnia, Montenegro e Carinzia) sono vinte dai Socialdemocratici mentre gli altri 5 ( Erzegovina, Serbia, Macedonia, Venezia Giulia e Voivodina) sono vinti dagli Agrari/Popolari. Il Socialdemocratico Croato Josif Broz è nominato Cancelliere Federale e assume la delega agli Esteri; l'Istriano Vittorio Vidali diventa Ministro degli Interni; lo Sloveno Vidmar resta alla Difesa, il Bosniaco Vojislav Kecmanović alla Sanità, Kovačević resta alla Giustizia, Hans Piesch della Carinzia va all'Economia; all'UAPJ vanno il ministero dell'Istruzione con Vladimir Ćorović, le Infrastrutture con il Serbo Dušan Simović, alle Risorse Naturali, il Macedone Ivan Gavrilov alle Politiche Agricole, il Giuliano Engelbert Besednjak alle Politiche Sociali e Dušan Popović della Voyvodina ai Lavori Pubblici.
Il nuovo governo gestisce la ricostruzione e sponsorizza l'ingresso della Jugoslavia nell'ONU dove ottiene un seggio permanente al posto della Cina, divisa in due. Il quinquennio 1945-1950 vede il Regno impegnato nella ricostruzione, e membro fondatore della Cec; Una nota lieta l'ha portata il matrimonio del Principe Ereditario Petar con Alexandra di Grecia e Danimarca nel 1944, dopo la liberazione di Mostar; Costei nel Giugno del 1945 dà alla luce l'unico figlio della coppia, il principe Alexander. Nel 1950 la maggioranza della LSJ si rafforza con la vittoria in Macedonia e la nomina di Lazar Koliševski a nuovo Primo Ministro di Macedonia e Ministro dell'Agricoltura.

Mappa del Regno Federale Jugoslavo

Mappa del Regno Federale Jugoslavo

Il Quinquennio 1950-1955 vede la costruzione di un moderno stato sociale con il potenziamento dell'istruzione pubblica e della sanità; nel 1955 le elezioni confermarono lo status quo.
Nel 1956 si rischia la guerra fra Jugoslavia e Unione Sovietica a causa della feroce repressione sovietica della Rivoluzione Ungherese da parte dell'Armata Rossa; la mediazione raggiunta salva la vita a Imre Nagy che dall'ambasciata Jugoslava viene portato in salvo in Jugoslavia.
Nel 1958 muore a 70 anni Re Alessandro I, Padre degli Jugoslavi, gli succede il figlio Pietro I di Jugoslavia.
Nel 1960 il Montenegro passa all'opposizione, con l'elezione del Principe Michael Petrović-Njegoš a Primo Ministro; Lo storico ritorno della famiglia reale Montenegrina in una posizione di potere non si traduce in nessun tentativo di indipendenza del Montenegro. Il Principe diventa Ministro dell'Agricultura con Koliševski spostato alla Giustizia.
Il quinquennio 1960-1965 vede Dragoljub Mihailović subentrare a Simović alla guida della Serbia vista la salute ormai compromessa, e una crescente insoddisfazione per il regime fiscale in Slovenia; proprio la Slovenia nel 1965 causa la fine della maggioranza dell'LSJ; Ljubo Sirc dell'UAPJ diventa Ministro dell'Economia, Veselin Misita, dell'Erzegovina, diventa Ministro degli Interni (aveva sostituito l'anziano Ćorović alla Cultura e come Primo Ministro d'Erzegovina, Mihailović diventa Cancelliere Federale e Ministro della Difesa, Petrović-Njegoš va alla Giustizia, Dušan Popović va agli Esteri e Engelbert Besednjak all'Istruzione e ai Beni Culturali; Kecmanović resta alla sanità, Broz va alle Infrastrutture e ai Trasporti, Koliševski torna all'Agricoltura, Vidali va ai Lavori Pubblici e Ferdinand Wedening, che ha sostituito Piesch, passa alle Politiche Sociali. Nel quinquennio 1965-1970 si consuma il tentativo di Golpe detto dei Colonnelli in Grecia; Ma Re Costantino II, consigliato dalla Regina Alessandra di Jugoslavia, si oppone al golpe e lo fa fallire. Nel 1968, quando la Primavera di Helsinki è soffocata nel sangue dai carrarmati del Patto di Varsavia, la Jugoslavia propone sanzioni contro l'Unione Sovietica ma il veto dell'URSS le blocca . Nel 1969 è approvata la riforma costituzionale che crea, a partire dal 1970, due nuovi reami, la Kranjia Bosniaca per i Bosniaci Ortodossi e Cattolici e il Kosovo per gli Albanesi. Nel 1970 a causa delle divisioni interne al Partito Popolare-Nazionale Serbo, l'UAPJ perde la maggioranza in Serbia ma mantiene il controllo del governo con la vittoria in Montenegro e, a sorpresa, in Kosovo, dove una minoranza favorevole all'unione con l'Albania impedisce ai Laburisti Kosovari di vincere le elezioni. Ljubo Sirc diventa Cancelliere Federale e mantiene il Ministero dell'Economia; Dragoslav Marković, nuovo Primo Ministro Serbo, diventa ministro della Previdenza Sociale, alla Difesa va l'ex Socialista Montenegrino Milovan Đilas, viene creato il ministero del Turismo e dei Beni Culturali per il Popolare Kosovaro Idriz Gjilani e quello delle Telecomunicazioni e lo Sport per il Socialista dell'Herzegovina Vladimir Dedijer. Il quinquennio 1970-1975 comincia con una nota triste, la morte di Re Pietro I; gli succede il figlio Alessandro II; dopodichè il quinquennio vede una certa espansione economica nonostante la questione petrolifera del 1973 dove la mediazione Jugoslava fù decisiva. Intanto nel 1972 il Re sposa Dona Maria da Glória of Orléans-Bragança. Nel 1975 la maggioranza di centro-destra cresce con il ritorno al governo in Serbia dei Popolari-Conservatori di Aleksandar Ranković che diventa Ministro della Difesa con Đilas spostato alla Previdenza Sociale, Ranković però non otterrà la maggioranza per diventare Cancelliere Federale, ruolo per il quale è confermato il più moderato Sirc con il voto decisivo dell'opposizione. Questo causa nella maggioranza una serie di conflitti che rendono il quinquennio 1975-1980 molto difficile,l'economia ne risente e la disuguaglianza sociale cresce. Nel 1980, con la gioia della nascita del sospirato erede, Petar, cambia tutto, in ben 11 Regni su 13 vincono i Socialisti. Solo la Serbia, dove a Ranković è succeduto il pupillo Slobodan Milošević che diventa Ministro dell'Agricoltura e la Venezia-Giulia, dove primo Ministro e Ministro delle Politiche Sociali diventa Franco Richetti restano all'UAPJ. Lazar Koliševski, Primo Ministro Macedone, diventa Cancelliere Federale e Ministro della Giustizia, Il Croato Ivo Perišin diventa Ministro dell'Economia, l'Istriana Ema Derossi-Bjelajac diventa Ministro degli Esteri e prima donna in ambo le cariche, il Voivodinese Radovan Vlajkovic diventa Ministro degli Interni, il Kosovaro Ali Shukriu diventa Ministro della Pubblica Istruzione, il Montenegrino Radivoje Brajović diventa Ministro dell'Ambiente e delle Risorse Naturali, l'Erzegoviniano Ante Marković diventa Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, il Bosniaco Milanko Renovica diventa Ministro della Cultura e del Turismo, lo Sloveno Janko Smole va al Lavoro e alle Politiche Industriali, il Carinziano Hans Sima va allo Sport e la Kanjio-Bosniaca Rada Vranješević, primo premier donna per il suo reame, diventa il primo Ministro delle Politiche Sociali.
Il Quinquennio 1980-1985 è allietato, come detto dalla nascita dell'erede e di due fratelli gemelli, Philip e Alexander. Ma al termine,la Regina Maria de Gloria scandalizza il regno chiedendo il divorzio; la pressione sociale del ruolo è stata troppa. Re Alessandro riceve la simpatia generale e la popolarità della monarchia aumenta. Intanto, il governo più di sinistra della storia Jugoslava si lancia in una seria di ardite riforme: Divorzio breve, unioni civili, Wellfare "dalla culla alla tomba", riforma meritocratica nell'università e nella pubblica amministrazione, leggi anticorruzione severe e lotta senza quartiere alla criminalità organizzata. Tutto questo, nel 1985 causerà la sconfitta Socialista in Carinzia, in Slovenia e in Croazia dove vincono rispettivamente Leopold Wagner, ex-socialdemocratico, nominato Ministro dello Sport; l'ex-Cancelliere ed ex ministro dell'Economia Ljubo Sirc che a sorpresa, è nominato nuovamente Ministro dell'Economia e Stjepan Mesić diventa Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e Ante Marković diventa Ministro del Lavoro e delle Politiche Industriale.
Il Quinquennio 1985-1990 vede l'ascesa di Gorbachev in Russia cher porterà al disfacimento del Sistema Sovietico; il crollo del Muro di Berlino e di quello di Pechino, nel 1989 e la caduta dell'URSS cementeranno questo status. A livello nazionale il Governo Socialdemocratico si prepara ad ospitare il Mondiale del 1990, mentre prosegue sulla via delle riforme sociali; Intanto, inizia il fenomeno delle apparizioni della Madonna Regina della Pace a Medjugorje; dopo attente valutazioni il Vescovo di Mostar proclama il Constat de Supernaturalitate per il primo mese di apparizioni, e Medjugorje diventa un santuario riconosciuto come Lourdes e Fatima. Le apparizioni continuano a tuttoggi.
La Jugoslavia vince il mondiale del 1990 in finale contro l'Italia. Le elezioni confermano lo status quo, ma il il quinquennio 1990-1995 vede la tassazione crescere cosa che porta l'UAPJ a tornare maggioranza nel 1995 conquistando la maggioranza in Kranja Bosniaca con Nikola Poplašen nuovo ministro degli Interni ed Erzegovina con Mate Boban, nuovo Ministro degli Esteri; Slobodan Milošević diventa Ministro della Difesa e Cancelliere Federale, Franco Richetti diventa Ministro della Giustizia, Sirc resta all'Economia, Mesić va al Lavoro e alle Politiche Industriali e Wagner va alla Pubblica Istruzione. Renovica resta alla Cultura e al Turismo, Ema Derossi-Bjielajac passa allo sport, mentre gli altri socialisti restano al loro posto. il quinquennio 1995-2000 è caratterizzato da un continuo scontro fra il Cancelliere e il Re che non approva la politica estera euroscettica e quella interna centralista del nazionalista Serbo; tuttavia la politica fiscale nel medio periodo è espansiva e l'UAPJ conquista la Bosnia con Alija Izetbegović che diventa ministro della Difesa, mentre Mate Boban va alla cultura e al Turismo e Milošević prende gli Esteri; Nel Quinquennio 2000-2005 Milosevic vorrebbe appoggiare gli Stati Uniti in Iraq ma il Re pone il veto; Milošević allora decide di puntare sulla carta repubblicana; e mal gliene incoglie nel 2005 il Referendum vede la Monarchia vincere con il 93%; Milošević si ritira dalla politica la Serbia passa al campo Socialdemocratico con Zoran Đinđić che diventa il Nuovo Cancelliere Federale e Ministro degli Esteri, e così fa la Slovenia con Borut Pahor che diventa Ministro dell'Economia; il quinquennio 2005-2010 vede il governo impegnato a rimediare alle politiche sciagurate di Milošević; La Jugoslavia entra nell'Euro.
Nel 2010 tutto resta immutato e il governo Đinđić continua le sue politiche ma anche a causa della crisi iniziata nel 2008 il quinquennio 2010-2015 è un quinquennio difficile; le elezioni del 2015 sparigliano le carte; La Lega dei Socialdemocartici Yogoslavi conserva la maggioranza ma con equilibri molto diversi:Petar Kaiser (SPK) (Carinzia) (Lega dei Socialdemocratici Jugoslavi) , anche Ministro degli Esteri diventa Cancelliere Federale . Gli altri membri del Consiglio dei Primi Ministri sono: il Ministro degli Interni Oliver Spasovski (SDSM) (Macedonia) (LSJ) , il Ministro della Giustizia Duško Marković (DPSCG) (Montenegro) (LSJ) , Il Ministro della Difesa Petar Đokić (SP) (Kraina Bosniaca) (LSJ) , Il Ministro dell' Economia e dello Sviluppo Economico Nenad Čanak (LSV) (Voivodina) (LSJ), il Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Albin Kurti (V) (Kosovo) (LSJ),il Ministro della Pubblica Istruzione Fabrizio Radin (IDS) (Istria)(LSJ) il Ministro della Cultura e dello Spettacolo Ljubo Bešlić (UAPH) (Unione Agraria e Popolare Jugoslava) (Erzegovina), Il Ministro della Salute Ana Brnabić (SNS) (Serbia) (UAPJ) , Il Ministro dell'Ambiente e delle Risorse Agricole Andrej Plenković (HDZ) (Croazia) (UAPJ), il Ministro delle Politiche Comunitarie Janez Janša (SDP) (Slovenia) (UAPJ), il Ministro dello Sport e delle Politiche Sociali Šefik Džaferović (SDA) (Bosnia) (UAPJ) e il Ministro del Turismo e delle Telecomunicazioni Roberto Dipiazza (FVG) (Venezia-Giulia)(UAPJ); Il quinquennio che si avvia alla fine ha visto la ripresa economica e l'impegno Internazionale della Jugoslavia per il clima e la sostenibilità, e il contrasto a Putin e al suo neo-Imperialismo; Durante l'emergenza per il Covid-19 il sovrano si è mostrato alla televisione mecessitando visibilmente di un taglio, e perciò mostrando la propria vicinanza ai suoi sudditi.

Tommaso Mazzoni

Mostar, la capitale del Regno Federale di Jugoslavia

Mostar, la capitale del Regno Federale di Jugoslavia

.

Sempre Tommaso ha iniziato per noi anche un'ucronia bulgara:

PoD: Il colpo di stato contro Stamboliyski in Bulgaria non riesce.

1923
Dopo il fallito colpo di stato il primo ministro Aleksandar Stamboliyski, con l'appoggio dello Zar Boris III provvede a purgare i vertici delle forze armate; Lo Zveno è costretto a trasformarsi in un vero partito.

1924
Dopo aver fallito la strada del colpo di stato, l'ex-Zveno, ora ribattezzato Partito Nazionalista Bulgaro, capitalizza sull'insoddisfazione della classe dirigente. e riesce a vincere regolari elezioni ma deve allearsi proprio con il Partito Agrario; Kimon Georgiev diventa primo ministro, Stamboliyski ministro degli Esteri.
Inizia il riarmo, ma non si crea nessun regime autoritario; 
Di fatto, in Bulgaria si crea un sistema in cui il partito di Centro è un alleato indispensabile sia per la destra che la Sinistra.

1925
L'incidente di Petrich è risolto senza il ricorso alla violenza. La Bulgaria firma con la grecia un accordo di mutua difesa contro eventuali aggressioni (nella mente dei Greco-Bulgari, Turchia, Unione Sovietica e, per i Greci, l'Italia).

1926
Restaurata la democrazia in Grecia, grazie alla mediazione Bulgara.

1927
Trattato Bulgaro-Yugoslavo, con il quale la Bulgaria si impegna a interrompere i finanziamenti al VRNO in Macedonia, in cambio del rispetto della minoranza bulgara in Macedonia. Sancito anche un patto di mutua difesa.

1928
Nuova costituzione, federale e democratica, in Jugoslavia.

1929
Trattato di mutua difesa con la Romania, in chiave Anti-Ungherese e Anti-Sovietica.
Georgiev è rieletto, ma il Partito Agrario cresce.
Ripristinata la costituzione in Romania.

1930
Nasce la Piccola Alleanza fra Bulgaria, Grecia, Romania e Jugoslavia.

1932
La Cecoslovacchia aderisce alla Piccola Alleanza.

1934
Stamboliyski torna Primo Ministro, sostenuto dai Socialisti, cambia politiche sociali, ma non quella estera.

1938
La Piccola Alleanza è pronta alla Guerra se Hitler molesterà la Cecoslovacchia; L'Ungheria entra nell' Asse.

1939
Hitler oltre alla Polonia invade la Cecoslovacchia, insieme all'Ungheria, la Piccola Alleanza dichiara guerra all'Asse. 
L'Ungheria è in grave difficoltà e chiama in aiuto la Germania che facilmente invade la Yugoslavia; tuttavia, Romania, Grecia e Bulgaria oppongono un inaspettata resistenza.

1940
Il Re Vittorio Emanuele III si rifiuta di acconsentire l'entrata in Guerra contro suo genero lo Zar Boris III, e Mussolini, notando la grande fatica fatta dalla Germania nei Balcani, lo usa come scusa, e resta neutrale.

1941
Nonostante i Balcani diano ancora filo da torcere Hitler invade l'URSS.

1942
Inizia la faticosa riconquista dei Balcani.

1943
l'Italia entra in guerra a fianco degli Alleati.

1945
L'Urss non può accampare diritti sui Balcani, anche se la Slovacchia diventa uno stato Comunista, come la Totalità della Germania e la Finlandia.

E poi?

Tommaso Mazzoni

.

C'è anche l'ucronia albanese di Federico Sangalli:

Avni Rustemi non viene assassinato nel 1924 ed è Zogu a lasciarci le penne al suo posto. In HL la crisi postbellica si tradusse in Albania in una lunga lotta tra le forze di sinistra basate sul ceto contadino e i latifondisti conservatori di Ahmed Zogu. Nel 1922 Zogu si impone come Primo Ministro e la lotta tra le due fazioni subì un escalation: nel 1923 Zogu rimase ferito in un tentativo di assassinio, nel 1924 ne subì un altro. Lo stesso anno gli zogisti risposero assassinando Rustemi, giovanissimo (28 anni) esponente di punta dell'opposizione, molto popolare per aver personalmente assassinato un generale ottomano che opprimeva gli albanesi durante la Grande Guerra. Il suo omicidio scatenò una rivolta (Rivoluzione di Giugno), che cacciò Zogu e portó Noli al potere. Zogu però ottenne l'appoggio degli iugoslavi, arruolò un esercito di mercenari tra gli esuli russi bianchi e marciò su Tirana, riuscendo a riprendersi il potere, per poi proclamarsi Re.

Ma se Zogu viene assassinato nel 1923/1924? Gli zogisti sono sconfitti e dispersi, mentre Noli, Rustemi, Luigi Gurakuqi, Bajran Curri e Suleajman Delvina portano l'opposizione al potere. Rustemi diventa Primo Ministro al posto di Noli, al quale invece è poi offerto il meno impegnativo incarico di Presidente. L'Albania si modernizza coltivando in alleanza con l'Inghilterra per tenere a bada le mire greche, italiane e iugoslave. Nel 1938, subito dopo Monaco, Mussolini invade il paese davanti alle resistenze di Tirana alle sue mire: Rustemi e Noli fuggono a Londra dove formano un Governo in Esilio come già fatto dal Negus d'Etiopia. Ali Këlcyra, amico di giovinezza di Rustemi, fonda il Balli Kombëtar (Fronte Nazionale) che guida la resistenza. Alla fine della guerra Rustemi torna a Tirana da eroe dopo un'insurrezione generale: Hoxha si oppone con forza, ma rifiuta l'aiuto di Tito, condizionato all'annessione dell'Albania come repubblica iugoslava, ed è dunque impossibilitato materialmente a insorgere. Se lo fa farà la fine dei comunisti greci. Dopo la rottura tra Tito e Stalin Tirana cade nelle retrovie della Guerra Fredda e rimane piuttosto tranquilla. L'Albania entra nella NATO e poi nel 1975 nella CEE (la Grecia avrebbe dovuto entrare allora, come deciso nel 1961, ma poi il golpe congelò tutto). Nel 1998 l'Albania, col suo esercito piccolo ma addestrato ed armato in mezzo secolo di appartenenza NATO, si oppone a muso duro alla pulizia etnica di Milosevic in Kossovo: il dittatore serbo attacca le forze albanesi accusandole di spalleggiare i guerriglieri kossovari. Tirana invoca l'Articolo 5 e scatena l'ira atlantica su Belgrado, anche se Milosevic viene rovesciato prima di un'invasione vera e propria. Dopo il ritiro serbo Kossovo e Macedonia Occidentale votano per aderire all'Albania, attirati dai ricchi e progrediti fratelli di Tirana che sono stati per decenni metro di paragone oltre Cortina.

Presidenti dell'Albania:
1 Theofan Noli 1925-1950 Indipendente/Partito Popolare
2 Avni Rustemi 1950-1960 Fronte Nazionale
3 Abaz Kupi 1960-1970 Fronte Nazionale
4 Hasan Dosti 1970-1980 Fronte Nazionale
5 Rexhep Krasniqi 1980-1990 Fronte Nazionale
6 Aleksander Meksi 1990-2000 Fronte Nazionale
7 Sali Berisha 2000-2010 Fronte Nazionale
8 Fatos Nano 2010-2020 Partito Socialista
9 Arta Ade 2020-... Partito Socialista

Primi Ministri dell'Albania:
Avni Rustemi 1924-1950 Patria/Fronte Nazionale
Hasan Dosti 1950-1970 Fronte Nazionale
Rexhep Krasniqi 1970-1980 Fronte Nazionale
Victor Dosti 1980-1996 Fronte Nazionale
Sali Berisha 1996-2000 Fronte Nazionale
Fatmir Mediu 2000-2011 Fronte Nazionale
Edi Rama 2011-... Partito Socialista

.

Chiudiamo per ora con la pensata di Alessio Mammarella:

Il Regno d'Irlanda

Nome completo: Regno d'Irlanda
Nome ufficiale: (GA) Riocht na hÉireann (EN) Kingdom of Ireland
Lingue: irlandese (ufficiale) inglese (ufficiale) scozzese dell'Ulster (tutelata a livello regionale)
Capitale: Dublino
Forma di governo: Monarchia parlamentare
Sovrano: Edward II (dinastia Kennedy)
Taoiseach (Capo del Governo): Micheál Martin (Bròd)
Indipendenza: 6 dicembre 1922 dal Regno Unito
Ingresso nell'ONU: 14 dicembre 1955
Ingresso nell'UE: 1º gennaio 1973
Superficie: 84.116 km²
Popolazione: 6.614.033
Nome degli abitanti: Irlandesi
Inno nazionale: Ireland's call
Fuso orario: UTC+0 (in estate UTC+1)
Valuta: Euro
Codici ISO: IE, IRL
Prefisso telefonico/TLD: +353/.ie
Sigla autom.: IRL

Il Regno d'Irlanda (inglese Kingdom of Ireland; irlandese Riocht na hÉireann) è un Paese membro dell'Unione europea, costituito dall'omonima isola, la seconda per estensione delle Isole Britanniche, con una popolazione di poco più di 6,5 milioni di abitanti. Istituzionalmente il paese è una monarchia parlamentare, e la sua capitale è la città di Dublino, sede di Governo, Parlamento, residenza del sovrano e organi giudiziari. La città di Belfast ospita le istituzioni del Ducato dell'Ulster, già noto come Irlanda del Nord, che in base al Trattato di Riunificazione del 2009 ha il diritto di conservare per un massimo di 50 anni (fino al 2059) le medesime autonomie istituzionali di cui vigenti quando faceva parte del Regno Unito.
L'Irlanda come stato nazionale è frutto di un processo iniziato al termine della guerra d'indipendenza irlandese (1922) con la nascita dello Stato Libero d'Irlanda, proseguito con la trasformazione (1949) in una Repubblica Irlandese priva di qualsiasi legame con la corona britannica, poi con il ripristino della monarchia sotto la nuova dinastia Kennedy (1982) e infine con la riunificazione con l'Irlanda del Nord (2009) che era rimasta fino ad allora parte del Regno Unito.
A lungo paese di povero e di emigrazione, dagli anni '90 in poi l'Irlanda ha conosciuto una fase di grande sviluppo economico, tanto da essere soprannominata "tigre celtica". Il livello di sviluppo raggiunto, anche in termini di libertà di stampa, sistema d'istruzione, libertà politica e democrazia è stato un elemento importante per persuadere la popolazione dell'Irlanda del Nord della convenienza di una riunificazione.
L'Irlanda è membro delle organizzazioni per la cooperazione e lo sviluppo economico, del commercio e delle Nazioni Unite. Fa parte dell'Unione Europea sin dal 1973.

Storia: dalle origini alla conquista inglese
Tra il V e il IV secolo a.C in Irlanda si insediarono i gaeli, una popolazione di origine celtica. Visitata probabilmente già dai navigatori greci e chiamata dai romani Hibernia, certamente l'isola ebbe contatti diplomatici e commerciali con l'Impero, che tuttavia non ne intraprese mai la conquista, forse considerando poco interessanti le risorse locali. Dopo il 400 ebbe inizio l'opera di evangelizzazione del paese a cura dei primi missionari cristiani, tra cui il monaco Patrizio, poi patrono dell'isola. Durante il Medioevo l'isola divenne un importante centro per il monachesimo cristiano e numerosi missionari irlandesi furono protagonisti dell'evangelizzazione nella isole vicine come sul continente.
Le incursioni vichinghe solo interrotte dalla temporanea ed effimera unificazione dell'isola sotto Brian Boru, furono il preludio all'arrivo dei normanni. Già nel 1171 un sovrano inglese, Enrico II, conquistò buona parte dell'isola e si proclamò "Signore d'Irlanda" trasformando il paese in uno stato feudale normanno. La Signoria d'Irlanda ebbe comunque ben poca attenzione dai sovrani britannici successivi, che non si curarono di completare la conquista dell'isola né di accentrare la gestione del potere, lasciandola nelle mani di una nobiltà normanna, in buoni rapporti con i clan locali e portata ad assimilare la cultura originaria del paese. Nel 1541 tuttavia il sovrano inglese Enrico VIII si proclamò Re d'Irlanda dando inizio a un periodo di dominazione inglese più diretta e inevitabilmente più oppressiva.

Storia: il regno "britannico" d'Irlanda
Gli irlandesi furono coinvolti nelle lotte interne del regno d'Inghilterra e pagarono cara la scelta di restare cattolici e l'adesione al movimento giacobita. A quelle drammatiche lotte si deve la profonda idiosincrasia delle classe dirigente inglese per gli irlandesi, l'adozione di leggi vessatorie e l'installazione di coloni protestanti nella regione dell'Ulster. Nel XIX secolo la sofferenza del paese raggiunse il livello massimo: il Regno d'Irlanda fu ufficialmente unito alla corona britannica, restringendo ulteriormente gli spazi di libertà per gli irlandesi, e una grande carestia diede inizio alla massiccia emigrazione negli Stati Uniti e in molti altri paesi.
Dopo tante sofferenze, iniziò il moderno movimento di emancipazione, volto dapprima a ottenere l'autogoverno (Home Rule) e successivamente l'indipendenza. Dopo la Grande Guerra, lo storico partito irlandese Sinn Fein proclamò l'indipendenza del paese e la repressione britannica condusse alla guerra d'indipendenza irlandese: il 6 dicembre 1922 nasceva finalmente lo Stato Libero d'Irlanda (gaelico: Saorstát Éireann, inglese: Irish Free State). Il nuovo Stato avrebbe dovuto coprire in teoria l'intera isola, ma le due parti concordarono che l'Irlanda del Nord (già diventata nel frattempo un'entità autonoma) potesse scegliere se rimanere sotto il Regno Unito, e così avvenne.
Lo Stato Libero aveva istituzioni proprie, ma il suo status internazionale era ancora quello di dominion dell'Impero britannico. Troppo poco per una parte degli indipendentisti, guidati da Éamon de Valera, che cercarono, fallendo, di opporsi in armi agli accordi. La nuova Costituzione del 1937, la Bunreacht na hÉireann, sostituì la denominazione di Irish Free State con quella di Éire/Ireland e la natura di dominion della corona britannica con quella di stato indipendente. Sebbene questa struttura costituzionale dello Stato prevedesse un presidente invece che un re, il monarca britannico rimase ancora per qualche anno Capo dello Stato, fino al Republic of Ireland Act entrato in vigore il 18 aprile 1949, che dichiarò l'Éire fuori dal Commonwealth e permise l'elezione del suo primo Presidente.

Storia: la Repubblica d'Irlanda
L'Irlanda indipendente aderì alle Nazioni Unite nel 1955 e alla CEE (ora Unione europea) nel 1973. I governi irlandesi lavorarono per una pacifica riunificazione dell'isola e cooperavano con la Gran Bretagna per dissipare i violenti conflitti fra i gruppi paramilitari nell'Irlanda del Nord, conosciuti come i Troubles. Anche la prestigiosa famiglia americana dei Kennedy si adoperò a titolo privato per favorire iniziative di pace, soprattutto dopo che Ted Kennedy, temendo di subire la stessa sorte dei fratelli John F. e Robert, decise di lasciare gli Stati Uniti e trasferirsi in Irlanda (1970). Diversi partiti irlandesi cercarono di convincerlo a candidarsi ma Kennedy dichiarò sempre di sentirsi troppo innamorato del paese per schierarsi con un qualsiasi partito contro gli altri.
Le elezioni politiche del 1981 ebbero un esito inconcludente e neppure quelle successive, all'inizio del 1982, furono risolutive. Nei giorni in cui i partiti politici discutevano di un eventuale ricorso a ulteriori elezioni, il Presidente Patrick Hillery morì in un tragico incidente stradale. Rimasti improvvisamente privi di un arbitro, e incapaci di disegnarne uno nuovo in modo concorde, i partiti sembravano avviati a deliberare nuove elezioni presidenziali e in seguito nuove elezioni parlamentari. Tuttavia l'esasperazione popolare per una politica bloccata e inconcludente nel corso di una dura crisi economica sfociò in manifestazioni popolari ampie e violente.
In quei giorni l'Irlanda indipendente appariva più caotica e sofferente della problematica Irlanda del Nord e Margareth Thatcher, primo ministro britannico, si lasciò andare a una dichiarazione sprezzante sul paese ("Deprived of the guidance of an authoritative monarch, the quarrelsome and inconclusive Irish are proving the reasons for their underdevelopment"). Dopo questa umiliazione i due principali politici irlandesi, Fianna Fail e Fine Gael, svoltarono verso una inedita coesione e pur di riuscire a coinvolgere Ted Kennedy nelle istituzioni, decisero di proporgli di diventare non Presidente per qualche anno, bensì sovrano del paese per sempre.
Formato un governo di coalizione, i due partiti diedero inizio immediatamente a un progetto di riforma della costituzione in senso monarchico, che contemplava anche una revisione della bandiera. La procedura fu incredibilmente rapida, tanto che Edward I veniva incoronato come Re d'Irlanda il 6 dicembre 1982 in occasione del sessantesimo anniversario dalla nascita dello Stato Libero d'Irlanda.

Storia: il nuovo Regno d'Irlanda e la riunificazione
La stabilità politica dovuta all'alleanza tra Fianna Fail e Fine Gael unita a una serie di fortunate riforme, consentirono uno sviluppo economico particolarmente brillante, che fruttò al paese il nomignolo di tigre celtica. La monarchia Kennedy divenne molto popolare, in patria e all'estero e il matrimonio dell'erede al trono, il principe Edward, con la principessa Stefania di Monaco stabilì un record come evento mondano più seguito dai media per molti anni. Nella seconda metà degli anni '90, complice anche la fine della Guerra Fredda, l'IRA e altri gruppi terroristici conobbero una fase di declino e ciò rese possibile un accordo di pace per l'Irlanda del Nord, conosciuto come Good Friday Agreement o Accordo di Belfast.
Negli anni successivi, Edoardo I continuò con tenacia a insistere nella riconciliazione tra unionisti e nazionalisti, convinto che fosse possibile spingersi ancora più avanti. Ormai punto di riferimento per tutti gli irlandesi, indipendentemente dalla loro origine etnica e confessione religiosa, era già gravemente malato nel 2008, quando incontrò a Belfast il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, e Carlo, Principe di Galles per imprimere una svolta al processo di riunificazione. Sfortunatamente, non fece in tempo a vedere realizzato il frutto dei suoi sforzi: morì l'anno successivo, alla vigilia del referendum che sancì il via libera alla riunificazione, con elevati consensi anche in aree dell'Ulster di salda tradizione unionista.
Il Trattato di Riunificazione, stipulato pochi mesi dopo, prevedeva il trasferimento dell'Irlanda del Nord sotto la sovranità irlandese, con il subentro delle istituzioni irlandesi in tutti i poteri, le funzioni e le responsabilità prima esercitate da quelle del Regno Unito. L'Irlanda del Nord, venne ribattezzata come "Ducato dell'Ulster" ma ottenne il diritto di conservare, per 50 anni, le forme di organizzazione istituzionali esistenti. Nel 2012 il principe Patrick, fratello di Re Edoardo II, sposò a Belfast Zara Phillips, nipote di Elisabetta II. In occasione del matrimonio, Edward II conferì ai coniugi il titolo di Duca e Duchessa di Ulster.

Istituzioni
L'Irlanda è una monarchia parlamentare dal 1982. Il primo sovrano, Edward I, è stato scelto direttamente dal Parlamento. Alla sua morte, la corona sarebbe spettata alla figlia primogenita Kara, che ha tuttavia rinunciato volontariamente alla corona in favore del fratello, salito poi al trono come Edward II. Il sovrano (Ri na hlÉireann) rappresenta l'unità nazionale ed è tenuto a vigilare sulla conservazione della memoria storica e sul rispetto delle tradizioni popolari degli irlandesi di ogni origine, lingua e confessione.
Come Capo dello Stato, nomina i senatori e indìce le elezioni per il Dàil, la camera bassa del Parlamento, e i referendum. Nomina il Taoiseach, capo del Governo, normalmente il leader del partito che ha ottenuto il maggior numero di seggi nelle elezioni politiche. Il Governo (Án Rialtas) presieduto dal Taoiseach, è costituzionalmente limitato a 15 membri. Il Parlamento bicamerale, detto Oireachtas, è formato dal Senato, Seanad Éireann, e dalla Camera dei Rappresentanti, Dáil Éireann.
Il Senato è quella tra le due camere che ha subito le maggiori modifiche nel passaggio dall'ordinamento repubblicano a quello monarchico e poi con l'ultima revisione costituzionale. I suoi 64 membri sono nominati dal sovrano in numero di due per ciascuna delle contee tradizionali, indipendentemente dalla corrispondenza delle medesime con le circoscrizioni di governo locale. I requisiti per la nomina a senatore sono piuttosto ristretti ed attengono a titoli di studio, età ed esperienza al servizio dello Stato.
Il Dàil o Camera è invece eletto a suffragio universale e sono eleggibili tutti coloro che hanno raggiunto la maggiore età. I seggi attualmente previsti sono 256, e vengono attribuiti con un tipico sistema elettorale, il voto singolo trasferibile ideato da Hare, che associa la scelta ordinale dei candidati a un'alta proporzionalità. Gli irlandesi apprezzano molto questo sistema elettorale: ne è la prova il fallimento di due referendum per modificarlo. Inoltre i critici del plurality inglese lo propongono spesso come alternativa più rispondente al sistema partitico del Regno Unito.
Il processo di formazione delle leggi è gestito dalla Camera, che è autosufficiente dall'iniziativa all'approvazione finale, salvo che per le leggi di rango costituzionale e per altri casi particolari indicati nella costituzione, per i quali è necessaria la consultazione del Senato. La Camera gestisce in esclusiva il rapporto fiduciario con il Governo, la cui eventuale rimozione è disciplinata dal meccanismo della sfiducia costruttiva. Il Senato provvede alla nomina di vari funzionari pubblici indipendenti dal Governo, esamina le richieste di grazia presentate al sovrano e può disporre inchieste su materie di pubblico interesse con poteri equivalenti a quelli dell'autorità giudiziaria.
Il territorio del Regno è diviso in distretti. Nella maggior parte dei casi, i distretti coincidono con le contee tradizionali, le limitate differenze in termini di circoscrizione territoriale dipendono essenzialmente dal cambiamento di distribuzione della popolazione dovuto alla moderna urbanizzazione. I distretti sono a loro volta divisi in municipalità. Tanto i distretti quanto le municipalità sono dotati di assemblee democraticamente elette.
Il Ducato dell'Ulster, nuovo nome dell'entità precedentemente nota come Irlanda del Nord, dispone di istituzioni proprie, con organizzazione, funzioni e procedure che fino al 2059 non possono essere modificate senza il consenso di queste ultime, secondo un protocollo procedurale allegato alla costituzione irlandese.

Bandiera e altri simboli nazionali
La bandiera del Regno d'Irlanda è basata sul tricolore della preesistente Repubblica d'Irlanda, con l'aggiunta dello stemma della dinastia Kennedy nella zona centrale bianca e di tre parole iscritte sotto lo stemma. Per quanto riguarda i colori, essi rappresentano la popolazione irlandese gaelica e cattolica (verde) e quella anglosassone e protestante (arancio), mentre il bianco simboleggia la pace e l'unione tra le due. Lo stemma della famiglia Kennedy è quello che fu donato a John F. Kennedy dall'allora Repubblica d'Irlanda e si richiama all'effettivo lignaggio della famiglia, discendente di uno dei fratelli dell'eroe medievale Brian Boru.
Le tre parole hanno una doppia chiave di interpretazione. A livello linguistico, esse sono una in gaelico irlandese, una in latino e una in inglese. Da questo punto di vista, corrispondono esattamente ai tre colori della bandiera. Per quanto attiene al significato, fanno riferimento a quelli che dovrebbero essere i riferimenti ideali della società e delle istituzioni irlandesi: orgoglio, pace e prosperità.
Altri simboli dell'Irlanda sono l'arpa, che viene utilizzata come simbolo di numerose istituzioni statali, e il trifoglio irlandese.
L'inno nazionale dell'Irlanda indipendente è stato per molti anni Amhrán na bhFiann (la canzone del soldato). Poiché l'intenzione delle moderne istituzioni irlandesi è quella di cercare quanto più possibile il riconoscimento e l'inclusione degli unionisti nella comunità nazionale, si è deciso di accantonare un inno che richiama la guerra d'indipendenza.
Come nuovo inno è stata scelta la canzone Ireland's Call, già ampiamente nota perché usata in occasione delle partite della nazionale di rugby e di altre che già rappresentavano tutta l'isola quando l'Irlanda del Nord era ancora parte del Regno Unito.
La festa nazionale dell'Irlanda cade il 17 marzo (Festa di S. Patrizio), tuttavia in tempi recenti si è pensato di stabilire anche una data laica, in aggiunta a una data che è fondamentalmente cristiana. E' stato in particolare il Green Party a sollevare la questione.

Partiti politici
Il sistema politico irlandese, molto frammentato in epoca repubblicana, è andato consolidandosi con l'affermazione di due partiti maggiori. Attualmente ci sono 5 partiti rappresentati nel Dàil, e 4 di essi hanno anche eletto dei rappresentanti al Parlamento Europeo.
Bròd (orgoglio) è un partito di centrodestra, che deriva dall'unione degli storici partiti Fianna Fail (nazionalista/conservatore) e Fine Gael (centrista/liberale). Il partito è profondamente inserito nelle istituzioni irlandesi, vi appartenevano i principali autori della costituzione irlandese del 1982 e della sua revisione del 2009. La proposta politica di Bròd si basa sul liberismo economico, abbinato a una politica estera europeista e moderatamente atlantica, pur nel rispetto della neutralità del paese. Sulle questioni sociali il partito tende a lasciare ai propri membri libertà di coscienza, poiché in quei casi tendono ad emergere le differenze di sensibilità delle due famiglie politiche originarie.
Together è un partito di tendenza socialdemocratica che deriva dalla trasformazione subita dallo Sinn Fein, partito nazionalista intransigente, dopo l'avvenuta riunificazione. Negli anni Together si è fuso con altri partiti di sinistra, in particolare il partito laburista, gravemente indebolito dalla scelta del suo occasionale alleato Fine Gael di unirsi al Fianna Fail e con l'affermarsi del "pensiero unico" liberista. Together, nonostante il notevole peso elettorale, non è mai riuscito a battere il Bròd a livello nazionale e gestisce esclusivamente amministrazioni di livello locale. Del partito originario, lo Sinn Fein, Together conserva tendenze populiste, terzomondiste ed euroscettiche.
Il Green Party è un partito in crescita e molto amato dalle fasce più giovani della popolazione. E' stato negli ultimi anni ago della bilancia tra i partiti maggiori, e attualmente i verdi partecipano al governo in coalizione con il Bròd. I verdi si descrivono come alternativa di sinistra maggiormente moderna ed europeista rispetto a Together.
L'Ulster Party è un raggruppamento comprendente gli unionisti protestanti che nell'Assemblea dell'Ulster appartengono a formazioni diverse. Malgrado l'intento di formare un fronte compatto a livello nazionale, in varie occasioni gli esponenti dell'UP hanno votato in modo disgiunto, schierandosi con la maggioranza o l'opposizione.
Saoirse Nàisiùnta, formazione di estrema destra cattolica, ha una visione conservatrice in ambito sociale e restrittiva in materia di immigrazione. Si tratta di un partito decisamente marginale, che in modo discontinuo riesce ad eleggere una minima rappresentanza a livello nazionale e che generalmente non riesce ad accedere al Parlamento Europeo.

Alessio Mammarella

.

Se volete farci sapere che ne pensate, scriveteci a questo indirizzo.


Torna indietro