La civiltà isocronica

di Perchè no?

Ecco un'idea che mi é venuta questa sera. Ho voluto immaginare una civiltà basata sul viaggio nel tempo, però non sono sicuro di avere reso tutta la complessità del progetto che ho chiamato "La civiltà isocronica".

In un'epoca indeterminata della storia umana viene inventata una macchina del tempo, ed i viaggi temporali si mostrano facili e poco costosi. Per di più, una certa coerenza della storia impedisce i più gravi paradossi temporali immaginati nella fantascienza (quando si viaggia nel tempo il mio futuro viaggia con me, e non si sa perché non riesco mai a entrare in contatto con il mio passato). Però c’é il rovescio della medaglia: si sa quando il mondo finirà.

Infatti si é potuto scoprire che, in un'epoca lontanissima nel futuro, l’umanità e la Terra saranno annientati da un asteroide delle dimensioni della Luna (forse era la Luna). E poi? Più niente…

Questa realtà ha scosso l’intera umanità: impossibile cambiare il futuro, troppo difficile con i loro mezzi, sarà un punto finale. Tutti i modi di pensare la vita e il tempo sono spazzati via, non può essere una linea o un ciclo se tutto finisce cosi semplicemente. Il mondo cade in una profonda crisi morale mandando nel profondo tutte le antiche religioni, non c’é più futuro, non serve a niente di avanzare.

A questo punto, un geniale uomo di Stato senza scrupoli convince il mondo a reagire: l’umanità non deve mai arrivare a questa epoca! Mette in piedi un grande progetto. Primo obiettivo: l’unificazione temporale dell’umanità!

Il governo mondiale del futuro prende contatto con tutti i governi e regni del passato e del suo futuro per convincerli ad unirsi. Cosi é firmato il trattato di Rûmah (antica Roma) che fonda la Repubblica Panumana Isocronica. Il nuovo Stato prevede:

- la libertà totale per tutti gli uomini di tutte le epoche di stanziarsi nell’epoca che vogliono;
- la repubblica possiede tutte le risorse naturali di tutte le epoche e deve gestirle per il benessere di tutte le generazioni (sviluppando le energie rinnovabili e persino portandosi nella preistoria per preparare grandi campi di petrolio artificiale);
- la validità dei diritti umani per le razze neandertaliane, erectus, habilis, australopitheci, neo sapiens etc.
- l’obbligo di aiutare tutte le epoche a superare le loro difficoltà, anche fornendo loro tecnologie anticipate con il Programma di Sviluppo Isocronico;
- la creazione di un tribunale criminale isocronico, che ha il compito di giudicare i crimini contro l’umanità di tutti i tiranni e dittatori di ieri/oggi/domani (il processo ad Hitler é stato il primo, altri come quelli di Cesare e Napoleone sono stati meno riusciti ma hanno permesso la messa in punto di una giurisprudenza temporale).

In breve tempo la storia muore, tutte le epoche aderiscono al nuovo Stato anche se conservano le loro civiltà. Le parole « storia » e « tempo » spariscono del vocabolario, lasciando l’umanità in uno sistema-mondo totale e senza limite.

La nuova repubblica é diretta da un consiglio esecutivo di 7 membri eletto a suffragio universale, i mandati sono ristretti a un solo programma (i mandati non funzionano più in anni ovviamente ma secondo la realizzazione del programma promesso alle elezioni). La capitale é insédiata nella città di Niurork (antica New York) nel XXIX secolo, epoca di stabilità climatica e di civiltà avanzata, e allo stesso momento capitale del primo governo mondiale).

Il primo consiglio esecutivo della Repubblica Panumana Isocronica era/é/sarà composto di: Augustus Caesar, Confucio, Abraham Lincoln, Richelieu, Joao Dominguez (16mo presidente dell’impero bresiliano), Ba Zhijua (primo presidente del secondo governo mondiale), Richard Billingston (ignoto alla sua epoca ma diventato importante nella politica isocronica). Da notare che i grandi capi religiosi e profeti non sono ammessi al consiglio (con gran collera di Maometto e Hiram Bingham, ma con gran sollievo di Gesù e Buddha).

Nei fatti la gente non vive troppo diversamente da prima, ma in un modo detto « di universalizzazione ». Il mondo era/é/sarà governato in uno modo federale con i capi tradizionali al comando se il popolo lo vuole, ma la vita é piu facile e si incontrano delle persone piuttosto strane nelle strade; la tecnologia, l’informazione, la medicina diventano presto uniformi in tutte le epoche.

Da notare alcuni epifenomeni strani, come la formazione del partito politico dei Rossi composto solo dai membri genetici della famiglia Rossi che erano/sono/saranno e che hanno permesso al signor Mario Rossi di farsi eleggere per un programma al consiglio esecutivo.

Una delle più grandi imprese riuscite della repubblica é il suo sistema d’educazione isocronico, che ha reso l’alfabetizzazione universale, e il suo programma sarà sintetizzato dalle parole « Perché No ? », proponendo a degli studenti di seguire corsi nelle facoltà di loro scelta, all’epoca da loro scelta (Filosofia con Socrate, Fisica con Einstein etc.) [piccola nota autobiografica, NdA]

Presto si parla di un'umanità universalizzata, e di una cultura, sopratutto per le élite, composta di un po' tutte le epoche e paesi.

Pero c’era/c’é/ci sarà ancora il problema della fine del mondo e della sua popolazione. L’umanità rimane con una fine davanti che impedisce al sistema isocronico di svilupparsi come dovrebbe. Cosi é stato messo in azione il piano Clarke-Asimov.

Il piano prevedeva che delle astronavi con esploratori sarebbero state mandate in diverse epoche della storia secondo il momento della fine (2 anni per la missione a 2 anni luce dalla Terra della Fine, 1000 anni prima per la missione a 1000 anni-luce etc.). La missione di questi esploratori e di costruire una macchina del tempo su pianeti simili alla Terra scelti per permettere alla popolazione della Terra della Fine di emigrare, cosi non ci sarà più nessuno al momento della Fine. Per di più questi nuovi pianeti possono accogliere la sovrappopolazione pericolosa del Terzo millennio dopo Cristo che rappresentava uno pericolo per tutti i paesi di tutte le epoche, preoccupati dell’immigrazione temporale.

Così dopo un po' si sviluppano le colonie extra-solari, e nella prima colonia di Aurora é firmato il trattato che dà nascita alla Repubblica Umana Universale.

Io sono un esempio perfetto di come può vivere un uomo che ha soldi nella nostra repubblica. Numerose persone non si muovono della loro epoca perché hannola  loro famiglia, i loro luoghi preferiti, io no. Ho tre case: un appartamento a Bisanzio-IX secolo, una villa nella Provenza-metà del XX secolo, e un piccolo appartamento quando devo viaggiare verso Trantor (78esima colonia). Posso permettermelo perché ho un posto importante nel giornale « Passato anticipato » che si vende in quasi tutti i secoli, e lavoro duro per scrivere articoli interessanti per vincere la gara con il giornale concorrente « Futuro remoto » che appartiene a Silvio Berlusconi. Ho sposato una ragazza con grandi occhi neri nata a Luoyang nell'VIII secolo. Ho fatto i miei studi a Oxford nel XIX secolo, ad Alessandria nel III secolo e a Kinshasa nel XXXVI secolo. Ho solo una perversione: provare a scrivere una storia della Repubblica Universale, é diventato lo scopo irrefrenabile di tutti gli autori degli mondi e dei secoli. Numerosi tra loro sono diventati pazzi in questo tentativo, un mio discendente alla decima generazione che lavora con me mi dice che non riuscirò mai, ma sapendolo forse potrò fare meglio?

Ed ora, una variazione sul tema. Il risultato dal programma di studio isocronico ha dato grandi risultati. Così l'esempio di Muammar-Hans Teshigara, cittadino dell'antica repubblica dell'Alto Amazonas (XXVII secolo), senza questo programma sarebbe rimasto garimpeiro e sarebbe morto per una coltellata a 35 anni, ma é stato identificato dal programma di ricerca dei potenziali come uno genio, è stato educato fin dall'infanzia e a 35 anni riesce a mettere a punto la tecnologia del viaggio verso altre dimensioni parallele (si sapeva infatti da tanto tempo che l'universo è uno multiverso). Cosi in poco tempo le Terre parallele sono contattate, conquistate o distrutte (per esempio quella dei dinosauri intelligenti o quella di Britney Spears, dove tutta la popolazione si é fatta modificare il DNA per assomigliare a Britney Spears), facendo della repubblica universale una repubblica multiversale (ma con litigi senza fine per stabilire di chi é la Terra originale). Per differenziarsi l'una dall'altra le diverse terre si accordano per darsi nuovi nomi diversi (ma ci sono alcuni che vanno a vivere in comunità chiuse, c'é anche un uomo che si é trovato donna in un altro universo, e si é sposato con lui/lei stessa: secondo l'insieme del multiverso é un grande perverso/a!)

Se volete aggiungere idee a aspetti inediti a questa storia vi prego di scrivermi a questo indirizzo. Non posso pensare a tutto da solo per un mondo cosi complesso!

Perchè no?

Bandiera della Repubblica Isocronica realizzata da Perchè no?

Bandiera della Repubblica Isocronica realizzata da Perchè no?

.

Questa straordinaria proposta ha ispirato MorteBianca:

Ucronia per eccellenza: Se vi dicessi che tutta la nostra storia, originariamente, era destinata diversamente, per la precisione a un futuro peggiore, ma che gli abitanti di quel futuro, tornando indietro nel tempo, hanno cambiato la storia facendo nascere la nostra epoca, più pacifica e tollerabile della loro ma cessando di "esistere" come universo?

Estendendo tale concetto: Se tutta la nostra storia non sia che un continuo situazione brutta - viaggio nel tempo - situazione migliore - viaggio nel tempo, che conduce a una linea temporale sempre più perfezionata?

Per gli Asimoviani questo potrebbe sembrare un richiamo a "La fine dell'eternità", ma io intendo qualcosa di più sottile: Che il cambiamento parta dal futuro, ogni epoca futura tenta di rimediare ai propri problemi correggendo il passato, portando alla nascita di un futuro alternativo (e migliore) che però cercherà di migliorarsi ancora, senza essere consapevole del "sacrificio" di un intero universo, pur "peggiore". Ipotesi affascinante: Se rimanesse qualche traccia? Qualche ricordo nella mente di individui che esistono in entrambi i futuri, individui in grado quindi di "vedere" nella loro vita alternativa e quindi di prevedere il futuro e altre catastrofi.

Possiamo ipotizzare quindi una storia "peggiorista", in cui tutto va nel peggiore dei modi, che poi si è evoluta nella nostra, e che continua ad evolversi (cancellando, di volta in volta, le precedenti civiltà) fino ad una utopia che, scoprendo il viaggio del tempo, tenterà di "esportarlo" anche nelle epoche precedenti, dapprima per scopi archeologico-storici, poi economici, infine per instaurare la repubblica "Isocronica" di cui questo sito ha già trattato, ovvero l'Eternità Asimoviana.

L'Eternità di Asimov, governata dalla casta degli Eterni che viaggia nel tempo per correggere anche le più piccole imperfezioni, è destinata a crollare in quanto uno dei membri al suo interno, per amore, si mette contro l'Eternità e scopre inoltre che i popoli del futuro (un futuro posteriore all'Eternità!) calcolando i vari "universi alternativi" hanno scoperto che l'Eternità, nel suo proteggere l'uomo, lo ha anche limitato, gli ha tolto il valore propedeutico dell'errore, causando una stagnazione, appunto, eterna.

Il protagonista quindi impedisce la nascita dell'eternità (nata grazie a un viaggiatore nel tempo che inventa la macchina del tempo lui stesso al posto dello scienziato che doveva istruire).

L'universo è dunque privato della macchina del tempo, di tutti i miglioramenti apportati dall'Eternità, si ritorna dunque ad un futuro "imperfetto", seppur molto migliore del nostro.

Mi piace immaginare, però, che alcuni tentino di instaurare ancora l'Eternità, forse appunto per "reminiscenza", mentre altri continuino a combatterla per tenere il futuro aperto a tutte le possibilità.

Infine un'ipotesi nietzschiana: supponiamo che si riparta invece dall'inizio, ovvero che venga distrutta la prima macchina del tempo mai creata, quella dell'universo "peggiorista", e che dunque la storia si ripeta in eterno, con nuovi viaggi e nuove distruzioni, e che quindi si verifichi un continuo eterno ritorno che, però, sia grazie all'indeterminismo della fisica dei quanti, sia grazie alle "reminiscenze" dei vari universi, è possibile modificare e spezzare.

Immaginate qualcuno che si accorga che l'universo si ripete da miliardi di anni allo stesso modo, e sappia prevedere come! Finora solo gli stoici e Nietzsche hanno sostenuto questa affascinante quanto distopica teoria...

.

Lord Wilmore ha aggiunto di suo:

La copertina di Focus Storia n°140 del giugno 2018 che vedete illustrata qui sotto mi ha suggerito un'idea rivoluzionaria. In essa si vedono Luigi XVI, Al Capone ed Hermann Göring insieme alla sbarra di un ideale processo contro di loro. E se esistesse una "tempolizia" in grado di catturare i più famosi criminali di tutte le epoche e giudicarli di fronte a un ideale "tribunale isocronico"? Cosa ne salterebbe fuori?

.

Questo invece è il commento di MorteBianca:

Spesso le ucronie hanno connotati neutri, con eventi positivi e negativi. A volte sono Utopiche e tendono ad una massificazione del bene dell’umanità, a volte sono Distopiche e sono invece veri e propri incubi socio-politici. Questo mi ha spinto ad una riflessione che ho “impiantato” in questo piccolo esperimento ucronico.

Dopo i primi esperimenti sul Viaggio nel Tempo e la fine del Terrore dell’Oblio (la diffusissima fobia, alimentata dai media, di venire “cancellati” alla prima alterazione), ci furono sempre più discussioni di natura etica sul come impiegare la nuova tecnologia per migliorare la condizione umana. Gli scienziati rassicuravano dicendo “Se i Viaggi nel tempo sono possibili, stiamo certi che non saremo i primi enti di questo Universo a compierli. E se tramite un viaggio nel tempo è possibile alterare la storia, stiamo pur certi che questo è successo e succede di continuo anche se non siamo noi a farlo. Se dunque siamo ancora vivi è perché O il nostro universo ogni volta che viene resettato ricrea nuove persone con nuove memorie e vite ininterrotte fino ad ora, e questo processo è così rapido che ogni nuova linea temporale “crede” di esserci da sempre (ma questo contrasta con il nostro istintivo “sentire” di continuità, noi sentiamo di continuare ad esistere qui ed ora, e l’universo non si è ancora fermato, anche se secondo il Principio Antropico Temporale è possibile avere una simile percezione in un universo che non è ancora stato cancellato), oppure tale cambiamento è irrilevante ed in qualche modo i cambiamenti più piccoli non “bastano” ad uccidere enti macroscopici, anche se la loro vita cambia. E dunque se un piccolo atomo ha fatto un viaggio nel tempo chissà dove nell’universo e cambia qualche minuscola posizione non collassa tutto quanto, i minimi cambiamenti avverranno e le due versioni si “sincronizzeranno”, oppure esistono infiniti universi ed ognuno continua ad esistere per conto suo”.

Dato che di viaggio in viaggio sempre più cose venivano alterate, ma il mondo non sembrava collassare, ci si chiese se fosse il caso di provare a cambiare qualcosa di concreto, ma il più grande Tabù era ancora vivo nelle coscienze: l’Omicidio Temporale (Alterare la storia in modo da causare la morte anticipata, o la non nascita, di qualcuno).

Il primo cambiamento venne fatto per impedire preventivamente una rapina a mano armata conclusasi con un brutale omicidio. Il crimine venne prevenuto, l’universo (di nuovo) non collassò, numerose vite vennero salvate.

Da questo momento ogni nazione con la tecnologia del Viaggio nel Tempo poteva alterare il continuum storico per salvare vite umane, a patto che altre vite umane non fossero alterate e che non venissero alterati eventi storici importanti. Il limite temporale massimo era di Un mese a partire dalla data attuale, oltre il quale la nostra linea temporale si considerava troppo “evoluta” e quindi eventuali cambiamenti avrebbero avuto effetti troppo macroscopici e troppo rilevanti. Inoltre si temeva che certe superpotenze potessero tornare molto indietro per cambiare la storia a proprio vantaggio. Il limite temporale e di azione, tuttavia, venne esteso, e la cosa continuò fino a quando non ci scappò il primo morto. Infatti per prevenire un doloroso attentato terroristico il viaggiatore nel tempo compì una serie di azioni che risultarono nella salvezza delle vittime, ma la morte per incidente d’auto di qualcuno che “prima” era sopravvissuto. Subito il viaggio nel tempo venne annullato, e la persona ritornò in vita, senza memoria alcuna dell’accaduto. Questo diede parecchio da discutere a filosofi in tutto il mondo, che si chiedevano “dove” fosse finito quell’uomo, e le informazioni che lo costituivano, durante quel momento di “buio ontologico”. La spiegazione ufficiale era che, come ogni cosa “futura”, non esisteva ma esistevano le cause che lo avrebbero generato, e che lo contenevano “in potenza”, solo che tale potenza era stata nullificata. Numerosi teologi discutevano del destino delle anime “morte” in una linea temporale e poi “risorte”, e si chiedevano se non vi siano infiniti Paradisi per infiniti Universi, ognuno con destini diversi per tutti. Un Concilio si espresse sulla questione, affermando che il Viaggio nel Tempo è uno strumento estremamente pericoloso, e che bisogna trattarlo come si tratta l’Energia Nucleare: utile per salvare qualcuno ma anche pericolosa e capace di uccidere. Le “anime” dei deceduti a causa dei viaggi nel tempo erano considerate morte nel momento in cui tale modifica temporale diventava irreversibile. In parole povere il viaggio nel tempo era come una delle tante cause di “morte temporanea” a cui la scienza può porre rimedio ripristinando lo stadio vitale. Alla domanda “Cosa avviene in caso di un cambiamento annullato dopo secoli o millenni? Se tutte le morti sono considerabili potenzialmente non definitive, il Paradiso è una stazione dei treni da cui si può andare e tornare?” come risposta il Conciliò sancì una distinzione fra “Paradiso Definitivo” (alla fine dei tempi, quando ogni destino sarà fissato per l’eternità e i viaggi nel tempo non saranno più possibili) e “Riposo dell’Anima”, riprendendo dalla Teologia Ortodossa e da Dante Alighieri l’idea che l’anima abbia uno stadio differente prima della Fine del Mondo (idea già presente in precedenza).

In Confessionale era inoltre richiesto che chi commetteva una cattiva azione, per ottenere la penitenza, doveva annullarla temporalmente. Lo stile di vita delle persone più abbienti si modificò grazie ai Viaggi nel Tempo, le famiglie più ricche avevano delle vere e proprie “biografie ideali” da cui cancellavano ogni macchia e ogni pericolo, vivendo delle vere e proprie vite auree. Di contro certe persone venivano arrestate preventivamente per crimini futuri, mentre i bambini (a seconda del loro futuro) venivano preventivamente educati: i semi del successo venivano trattati meglio, i potenziali criminali venivano trattati con cura e affetto. Il Limite dei Viaggi nel Tempo venne esteso ad un Anno.

Inoltre in quel periodo nasceva il Ministero Temporale, con il compito di giudicare i vari viaggi nel tempo e organizzarne le priorità, dato che il viaggio nel tempo per curare la vita di un individuo non deve contraddire quello voluto dallo stato o dall’ONU per i grandi destini. Inoltre, quando viene fatto un viaggio nel tempo che rischia di “sovrascrivere” tutti gli altri, bisogna assicurarsi che i benefici portati da questi ultimi siamo trasposti in modo più fedele possibile.

Il mondo, man mano che si abituava ai Viaggi nel Tempo, migliorò le proprie condizioni, ma dopo il limite di un Anno le cose iniziavano a diventare incontrollabili: persone mai nate, persone morte. Era ormai impossibile non ottenere qualche cambiamento drastico, tuttavia come per tutte le cose il Tabù venne superato per gli eventi peggiori, prima, e poi per eventi sempre più veniali. L’Umanità credeva in questo modo di fare la cosa migliore, che ci fosse un solo universo che poteva avere infinite impostazioni diverse, e di viaggio in viaggio andavano verso il “Binario Dorato”, e tutte le eventualità brutte e gli universi possibili negativi erano banditi nel Nulla, dove non-esistevano (e dunque anche la sofferenza al loro interno non esisteva), venendo in questo modo esorcizzati. L’umanità non comprendeva il proprio madornale errore e la propria ingenuità, e non lo comprese fino al Grande Evento.

Il Grande Evento fu la prima, drastica ed insuperabile alterazione temporale. Si tentò di cambiare la storia da un punto di divergenza remoto (anche rispetto al più recente), ed in modo estremamente consistente. Qualcosa andò storto con i calcoli, e il risultato fu un vero disastro. Dal “Binario dorato” l’umanità passò ad una linea temporale piena di Crisi economica e delle risorse, Guerre, Epidemia Zombie ed infine una gigantesca Guerra Nucleare. Il mondo post-apocalittico non aveva alcun ricordo del “mondo prima”, di essere il figlio non voluto di una linea temporale migliore e di cui pagava il prezzo della tracotanza, e soprattutto aveva perduto per sempre la tecnologia del viaggio nel tempo, divenendo impossibilitato a “rimediare”. L’Umanità lentamente ricostruì dalle macerie, nuove civiltà e fazioni post-apocalittiche sorsero. Ma non tutti erano immemori. Uno dei viaggiatori originali, uno di quelli che partecipò all’Alterazione del Grande Evento, riuscì a sopravvivere a questi terribili cataclismi e a vivere nei secoli successivi, cambiando ogni volta identità e facendosi una vita in mezzo ai coloni post-apocalittici. Trovò una nuova patria, una nuova casa, nuovi amici. Trovò qualcuno da amare, e si abituò a questo nuovo mondo con la sua lingua, la sua cultura, il suo stile di vita, le sue contingenze storiche. La sua missione originale restava la stessa: sopravvivere fino a quando qualcuno non avesse scoperto il viaggio nel tempo, ed a quel punto porre rimedio al Grande Evento e restituire a chi di dovere una Penna contenente tutte le variazioni temporali pre-G.E., per ripristinare il mondo che fu.

L’uomo per questo viveva di epoca in epoca cambiando ruolo ed identità, aiutando la civiltà a riemergere ma sempre in modo distaccato, limitando i rapporti umani. Tuttavia questo suo distacco non perdurò, e finì per affezionarsi a questo nuovo mondo, comprendendo che ne avrebbe rimpianto la cancellazione. Sebbene infatti fosse obiettivamente un mondo orribile in cui vivere, e parecchie persone avevano sofferto al suo interno, c’erano anche molte persone uniche ed irripetibili, che sarebbero andate perdute per sempre in caso di ripristino. Il viaggiatore non poteva non chiedersi quale senso avesse questo nuovo universo nell’ottica della sua missione, se “fare bene” in questo mondo e migliorarlo, salvo poi doverlo distruggere, non fosse del tutto inutile. Quando venne il momento dell’addio e tutto il mondo venne ripristinato al suo stadio originale, il Viaggiatore rimase per molto tempo a chiedersi cosa fosse realmente accaduto a quel vecchio universo di cui aveva fatto parte, e finì per progettare una macchina basata su un’idea all’epoca ancora controversa: che gli altri universi e le altre linee temporali esistano veramente, e che quindi sia possibile viaggiare fra queste. A lui dobbiamo la nascita del Viaggio Interuniversale, con il quale si possono inserire cinque coordinate (tre spaziali, una temporale, ed una che identifica la linea temporale definita) e viaggiare in tutto il Multiverso. Si scoprì in tal modo che non esisteva solo una linea temporale, ma infinite linee temporali con tutte le possibili combinazioni di particelle in qualsiasi luogo dell’Universo, e che dunque il viaggio nel tempo perdeva in gran parte il proprio significato: non si trattava più di cambiare la storia, ogni universo esisteva per i fatti suoi, il viaggio nel tempo semplicemente “cambiava il binario” su cui si trova il viaggiatore, ma gli altri binari continuano ad esistere. Il viaggiatore potè con piacere constatare che l’universo che si era lasciato alle spalle esisteva ancora, ma anche con dispiacere che tutti i mali e tutte le crudeltà accadute nei vari universi erano ancora là, non erano state toccate.

L’ipotesi di un Multiverso venne accolta con estremo scetticismo inizialmente, e si pensò che i vari universi paralleli fossero meri universi-bolla vicini al nostro. Quindi l’Universo Aureo (così venne denominato l’universo migliore, che aveva accuratamente disegnato il proprio destino con la Macchina del Tempo, governato dagli Eterni) inviò dei veri e propri colonizzatori verso gli altri universi, per “Ideoformarli”, ossia trasformarli (agendo nelle varie epoche chiave) in proprie colonie ideali ed ugualmente meravigliose. Questo grande Impero Multiversale si ingrandì in maniera esponenziale: ci sono voluti Mille miliardi di anni (con l’aiuto dei viaggi nel tempo però) per raggiungere l’universo ideale nell’Universo Aureo. La prima colonia ci mise la metà (solo cinquecento miliardi di anni). La terza colonia la metà, e così via. Giunti a tempi ragionevolmente brevi (e ricordando che il tempo impiegato per Ideoformare un universo è del tutto irrilevante per una civiltà che trascende il tempo) iniziarono ad Ideoformare due universi per volta, poi quattro, poi otto. Era insomma possibile modificare più universi paralleli per renderli ideali. Questo grande Impero Aureo disponeva delle risorse di un numero incalcolabile di universi paralleli, della capacità di modificare il continuum spaziotemporale e una tecnologia di massimo grado nella Scala di Kardashev. I Confini dell’Impero, ossia gli universi appena incontrati e in corso di Ideoformazione, erano le Colonie Penali su cui venivano inviati i criminali più difficili da controllare, i cui poteri derivavano dall’intima unione con le loro versioni alternative. Era infatti noto che due universi molto simili, nei loro punti in comune, erano “connessi”, e non era raro uno scambio di informazioni fra individui identici in due universi paralleli, specialmente man mano che l’Ideoformazione andava avanti e il confine fra i due veniva ridotto, fino all’effettiva fusione dei due. La Bolla crescente dell’Universo Aureo. Ma per quanto si espandessero ci si rese conto che il numero di universi pareva infinito, e che ogni tanto vecchi universi “spuntavano fuori” di nuovo. La teoria del Multiverso restava l’unica spiegazione: esiste un universo per ogni possibilità fisicamente possibile, il che significa che cambiare un universo non cambia il Multiverso in toto, perché il Multiverso continua ad avere tanti universi quante sono le possibilità, e quindi se uno viene “trasformato” automaticamente ne nasce un altro che riprende il vecchio pattern.

Ci si chiede a questo punto da dove provenisse l’energia per creare tutti questi universi, e soprattutto come faceva l’energia a “saltare fuori” proprio quando c’era bisogno di un nuovo universo. La Spiegazione risiedeva appunto nel fatto che gli Universi non erano realmente separati. I vari universi si “toccano” nei punti in comune, e sono separati nei punti in cui sono diversi, e come tale partono tutti assieme (come i rami che sono inizialmente un unico ramo e poi si dividono). In tal modo il Multiverso venne identificato non più come un Mare di bolle, bensì un gigantesco albero il cui cuore pulsante (il Big Bang) aveva infinite diramazioni in tutte le direzioni. Dunque due universi possono interagire, scambiarsi informazioni ed energia o addirittura fondersi, ma esistono tanti universi “fantasma” quante possibilità ci sono. Se un universo cambia il proprio vicino (così come una particella cambia la propria “gemella” virtuale) ciò non cambia lo Stato Generale di “Entropia Quantistica” (la distribuzione di informazione del Multiverso), e anzi il Multiverso sembra tendere al maggior caos (ossia i vari universi tendono tutti quanti verso il caos, poiché il caos ha maggiori microstati consistenti, e quindi più “universi figli possibili”, è più pregno di possibilità).

Viaggiare indietro nel tempo e cambiare la storia è come diminuire l’entropia di un sistema chiuso: ciò implica l’aumento di Entropia dell’Universo in generale. Quindi quando un Universo devia dal proprio percorso originario venendo modificato e modificando quelli vicini, ciò che sta accadendo realmente è che tramite i viaggi nel tempo due linee temporali si scambiano informazioni e si “avvicinano” diventando sempre più simili e sempre più “ideali” (secondo i canoni che l’umanità decide di adottare), di contro la linea temporale “ideale” che esisteva già di suo diventa “corrotta” fino a diventare come l’universo originale che in lei si è trasformato. Insomma avviene uno scambio, se un universo diventa ideale un altro diventa meno ideale, il numero totale di universi resta uguale così come le loro specifiche caratteristiche. Ma per trasformare un universo serve energia, e gli universi più “energetici” sono quelli più caotici e probabili. E quindi per “mantenere” un tot di universi ideali serve un’energia maggiore di quella richiesta per lo stesso tot di universi “normali”. Si giunse così alla situazione attuale, in cui esiste un gigantesco Impero Aureo di universi paralleli tenuti in condizioni ideali, e poi una rosa dei venti (a partire dal ramo centrale) sempre meno ideale, che racchiude il nostro “spicchio di universo” che contiene tutti gli universi che abbiamo deciso di salvare e migliorare, e poi al lato opposto di questa Rosa dei Venti ci sono gli universi peggiori, quelli che hanno un livello di esistenza talmente basso da risultare minimo. Di fatto abbiamo scelto di “salvare” un numero di universi un po’ più basso, pur di migliorarne l’esistenza, e di condannare gli universi peggiori alla non-esistenza, prendendo la loro energia.

Oggi quindi non cerchiamo più di colonizzare e perfezionare tutti gli universi vicini, sappiamo che non c’è abbastanza energia per tutti e che ciò sarebbe in ogni caso inutile, cerchiamo invece di migliorare ogni universo un certo tot, in modo da “disperdere” le energie fra le varie linee temporali. In questo modo invece di avere solo una manciata di universi perfettissimi abbiamo una sfilza di universi decenti, e un’armata di universi buoni. Concentrare tutti i nostri sforzi verso la perfezione avrebbe creato un piccolissimo spicchio di multiverso “perfetto”, invece così abbiamo una grossa porzione che teniamo collegata e in cui cerchiamo di effettuare piccole migliorie.

In questo modo gli universi peggiori, quelli dove tutto è andato storto o la vita non è neanche possibile, dove indicibili sofferenze sono avvenute, sono condannati a quel lato di Multiverso così oscuro da essere quasi non-esistente (la chiamiamo Eutanasia Universale), quelli migliori sono preservati. Secondo alcuni dovremmo abbandonare i nostri lussi per cercare di distribuire le energie su più universi possibile (consci del fatto che alcuni richiedono molta più energia di altri). In ogni caso ciò che conta è che ora non si guarda più alla Storia, ma al contesto.

È risaputo che ci sono universi in cui tutto è andato bene, altri in cui ci sono state Guerre Nucleari. Ora non si cerca più di cambiare questo stato di cose, perché ci sarà sempre da qualche parte qualcuno che soffre, si cerca invece di aiutare coloro in quell’universo (e in quello stato) a vivere meglio. Ed è questo il motivo per cui quel grande viaggiatore, William Riker, si sposò e visse fino alla fine dei suoi giorni in quel mondo post-apocalittico, dirigendo però l’avanzatissima Facoltà costruita con le tecnologie di altri universi e i sussidi dell’Impero, di cui dirigeva la Cattedra di Ucronia ed Utopistica. Ed è sua la massima che io oggi ripeto nell’Unione degli Universi Socialisti Sovietici, che il Granduca Tommaso Mazzoni ripete nella Lega degli Universi Imperiali e che ogni professore di Ucronia ripete ai suoi alunni nel mondo che ha scelto: « Il multiverso è bello perché è vario, ognuno può trovare il luogo adatto alle sue idee e i suoi gusti. Non importa quali eventi abbiano afflitto la storia nel passato, conta quello che noi possiamo fare per coloro che sono stati afflitti, e coloro che invece non hanno subito nulla, in un altro mondo ».

.

E ora, la trovata di MattoMatteo:

Idea venutami ripensando alla serie televisiva "Primeval": l'esperimento del CERN per trovare il Bosone di Higgs, provoca invece l'arrivo di piante ed animali di tutte le epoche... tra cui anche qualche migliaia di umani (dai primi ominidi a persone del 19° secolo, passando per gli uomini di Neanderthal).

Cosa farà l'uomo di fronte a questi animali? Li ucciderà senza pietà, li imprigionerà per spettacolo, cercherà di rimandarli indietro... o cercherà di farli moltiplicare ed ambientare?

.

Gli risponde di getto Paolo Maltagliati:

Il mio sogno di quando ero bambino... fino a che non mi sono reso conto che molto probabilmente sarebbe stato un incubo.

Magari i dinosauri no, se non i dromeosauri più piccoli (cui però andrebbe opportunamente segato l’artiglio a falce) o i troodontidi, ma un bel po' di mammiferi sarebbero addestrabili e introducibili.

Vuoi mettere un bel velociraptor come animale per i poliziotti?

Le donne che lottano per le pellicce di rinoceronte lanoso o mammuth per essere all’ultima moda?

L’hyracoterium potrebbe essere un simpatico animale da compagnia per i più piccini!

Ad ogni modo, come prima cosa, inizierei cercando di reintrodurre e ambientare animali estinti dall’uomo in epoca storica.

A parte il dodo ed il piccione viaggiatore, che va beh, conoscono tutti, ma anche animali un po’ meno noti come l'Alca (cui il pinguino deve il nome), la ritina di steller, il moa (che potrebbe essere allevato come gli struzzi), il pica sardo (che però forse rientra nella categoria seguente)... Già così mi potrebbe bastare.

Poi quelli sempre estinti dall’uomo, ma in epoca paleolitica e neolitica, con una certa oculatezza... i mammuth e i mastodonti, per dire, o i bradipi terricoli giganti e i rinoceronti lanosi.

Beh, la tigre dai denti a sciabola mi piacerebbe, ma no, non sarebbe ambientabile, e nemmeno i terror birds (dyatrima, gastornis, titanis walleri, il fororaco, etc. etc.) anche se mi affascinano da matti. Beh, forse i terror birds più piccoli in Amazzonia...

Quelli che si ambienterebbero benissimo, paradossalmente, sarebbero mammiferi più antichi. Gli antenati semiacquatici di elefanti (più il platibelodonte e forse il piroterio) e cetacei si troverebbero da Dio in certe aree del Rio delle amazzoni, del Paranà o di qualche fiume equatoriale africano.

Ah, beh, si ambienterebbero bene anche le machrauchenie (anche se le metterei nella savana africana, non nella pampa) e il Gliptodonte, magari in arizona o giù di lì.

Poi ci sono quelli che puoi tenere SOLO negli zoo, tipo l’andrewsarchus, gli oreodonti, gli hyanedon, il baluchiterium, i canguri carnivori...

Capitolo bestie acquatiche: basilosauro e dorudonte sarebbero un sogno! E forse un posticino nel Golfo del Messico o in Indonesia lo si trova per loro. Forse.

Ma andiamo ai dinosauri. Il problema è che in genere sono un po’ troppo oversize per il nostro mondo, quindi potrebbero esistere solo in ambienti controllati e solo da una certa stazza in giù (se salta la corrente tipo Jurassic Park siamo tutti morti, sennò).

Addestrabilità zero poi. Non ritengo che fossero bestie stupide, ma non sono neanche uno di quelli che sopravvalutano la loro intelligenza. Non sarebbero più addestrabili di un normale uccello, cui non è che puoi far fare proprio le stesse cose di un cane. Discorso a parte meritano i troodonti e i dromaeosauridi, che sono un paio di gradini più su, e che potrebbero avere notevoli potenzialità (ma questo li renderebbe anche pericolosi se non maneggiati con estrema cautela).

Sull’acquatico, gli ittiosauri, ma non so... per me sarebbero troppo perdenti nei confronti dei cetacei. Considerate che non si sono estinti 65 milioni di anni fa ma intorno ai 95, in corrispondenza con l’evoluzione dei moderni pesci ossei, che erano diventati troppo veloci per loro. (e questo fa anche riflettere sul fatto che lo squalo è forse il modello più di successo della storia dell’evoluzione dei vertebrati, dato che è cambiato pochissimo in 300 milioni di anni).

Però un bel dunkleosteus in un acquario... con la testa corazzata che si ritrova devi fare un vetro parecchio resistente!

Ma poi perché fermarsi ai dinos? qualche bel tetrapode anfibio del Devoniano o del Carbonifero, tipo l’ichtyostega, o i rettili mammiferi del Permiani, come i dimetrodonti... Ma no, gli abitanti della terra del Carbonifero forse nemmeno sopravvivrebbero all’impatto con la nostra atmosfera (molto meno ricca di ossigeno e anidride carbonica).

Va beh, scusate, mi sono lasciato andare ad una fantasia di bambino...

.

Citiamo anche la proposta di Enrica S.:

Il 29 agosto 2016 Mark Zuckerberg, cofondatore e CEO di Facebook, in compagnia della consorte Priscilla Chan è stato ricevuto prima da Papa Francesco in Vaticano, e poi da Matteo Renzi a Palazzo Chigi, come se fosse un capo di stato. E dopotutto è come se lo fosse, dato che il suo patrimonio personale supera di gran lunga il PIL di molti paesi del Terzo e Quarto Mondo. Orbene, che accade se Facebook, ma anche Twitter, Google, Youtube e naturalmente Apple venissero ammessi all'ONU come se fossero stati sovrani? E se Facebook volesse diventare il 51° stato degli USA, seguito a ruota dagli altri colossi della realtà virtuale? Tutti gli iscitti a Facebook potrebbero votare per le elezioni presidenziali degli Stati Uniti? Con quali conseguenze sulla storia del XXI secolo?

.

Le risponde, scettico, MattoMatteo:

Facebook e gli altri siti da te menzionati non hanno un territorio fisico (https://it.wikipedia.org/wiki/Stato), pertanto per legge non possono essere considerati stati. Anche perchè, quale loro parte potrebbe essere considerata "territorio", nel caso di un sito?

1) L'azienda che lo crea?

2) L'azienda proprietaria dei server su cui gira (che magari non è la stessa del punto 1... soprattutto nel caso che l'azienda 1 sia un singolo individuo o al massimo poche persone, nel caso di siti piccoli)?

3) I computer su cui appare il sito? Ma in tal caso ogni utente che usa quei siti sarebbe contemporaneamente suddito di 2 o più stati (il primo quello fisico in cui abita, poi i vari siti su cui naviga).

.

Iacopo però non è così perentorio:

Però potrebbero richiedere uno status di sovranità analogo a quello del Sovrano Militare Ordine di Malta (che ha già lo status di osservatore all'ONU pur non avendo un territorio proprio) o della Terra di Francesco Giuseppe nella mia ucronia degli Asburgo del Nord. In sostanza i Romanov concedono graziosamente agli esploratori austriaci di rivendicare quelle isole sperdute nel Mare Glaciale per gli Imperatori d'Austria-Ungheria. Dopo la Grande Guerra gli Asburgo continuano a rivendicare quelle terre (malgrado l'occupazione militare sovietica) e ottengono una rappresentanza nella Società delle Nazioni prima e all'ONU poi...

.

MorteBianca invece ne è entusiasta:

Ottimo spunto! Vediamo un po'...

1) Una nazione virtuale. Questo è un pallino ucronico vecchio come il mondo. Internet è considerato come una terra vergine in cui le varie nazioni cercano di estendere i propri tentacoli (la Cina con la censura, gli Stati Uniti chiudendo i siti scomodi, la Russia che di recente ha riscoperto l'hacking in politica). Wikileaks è praticamente la moderna forma di spionaggio statale, che però non lavora per nessuno, gli Anonymous sono già considerati potenti a metà fra un'organizzazione criminale da combattere e dei potenziali alleati contro pedopornografia e governi oppressivi, anche se incontrollabili. In molti romanzi (come quelli di Tom Clancy) c'è il concetto di Nazione Virtuale. Che sia la Lega degli Hacker, che sia la F-Society (collegata ai Ladri Gentiluomini, collegati agli Assassini), che sia un vero e proprio "Libero Stato di Internet", un mondo parallelo totalmente virtuale e senza alcun territorio, che però è abbastanza ricco da asfaltare numerose nazioni del terzo mondo e abbastanza potente e rilevante da lasciare senza luce il pentagono, con uomini fedeli in ogni paese e ubiquitario. Un solo sito? Difficile che un solo sito sia così potente, anche perché la sua utilità sarebbe limitata: Facebook ha tanti membri, che sono ovunque, ed è molto ricco, ma a parte la funzione di Social Network non è molto utile, venendo invece battuto da Google in termini di motore di ricerca e video (Youtube), da Amazon e Ebay per gli acquisti, da Wikipedia per le informazioni, da 4-Chan per lo scambio di immagini. Immaginare una "Nazione di Internet" senza tutte queste cose sarebbe immaginarla monca. Sarebbe più credibile invece che una corporazione molto potente come Google ottenga la creazione di uno "Stato Legale vuoto" in cui le compagnie informatiche possono comprarsi uno spazio, e a ruota seguono Facebook e tutte le altre, che poi si accordano fra loro per la nascita di una Nazione Virtuale con account condivisi (grazie a Google+ questo è già parzialmente possibile!).

Bandiera dello Stato Sovrano di Facebook2) Una possibilità sarebbe che venisse riconosciuto un seggio all'ONU (o un'associazione alternativa) ad una compagnia. Questo è successo in varie opere di fiction. In Call of Duty Advanced Warfare il mondo ha rinunciato agli eserciti nazionali, affidandosi ad una sola compagnia mercenaria di gigantesche proporzioni chiamata Atlas, talmente potente da avere un suo seggio all'ONU. Oppure, in Star Wars, la Federazione dei Mercanti ha un seggio al Senato Galattico.

3) Una ulteriore possibilità sarebbe il monopolio assoluto. Mi viene in mente Consonno. Una compagnia fondamentalmente possiede tutto, dai territori agli edifici di una certa zona, da lavoro a tutti gli abitanti e ha il potere materiale di modificare l'aspetto di una certa località e la sua produttività, fino a guadagnarsi il rispetto come autorità para-statale.

4) Una seconda possibilità sarebbe una nazione (magari una micronazione) totalmente privatizzata, e in cui tutti i mobili e gli immobili appartengono ad una compagnia, rendendo in tal modo la compagnia e la nazione tuttuno. Avevamo già affrontato questa possibilità nell'ucronia su "Trump Privatizza tutto", la crisi ucro-greca esagerata et similia. C'è un'ucronia molto simpatica in cui la ESSO compra una nazione africana (se non sbaglio era il Sierra Leone).

Una compagnia estremamente ricca che indebita a dal punto una nazione estremamente povera da spingerla a svendere ogni cosa, compresi terreni, risorse, attività ed edifici, fino a quando la nazione non si riduce ad una forza di polizia che obbliga i cittadini a "ripagare il debito" e lavorare per la compagnia stessa. E al governo i seggi non si ottengono col voto, ma proporzionalmente con l'acquisto di parte del debito della nazione.

5) Una terza possibilità sarebbe che qualche ricco sceicco o qualche governo dell'Oceania metta in vendita delle piccole isole, dove la compagnia può stabilire la propria sede centrale e imporre un governo totalmente lassista che la favorisca nella forma di Paradiso Fiscale. Ci sarà l'Isola Facebook, l'Isola Microsoft, l'Isola Apple eccetera. Le compagnie più grosse, oltre ad avere la semplice sede centrale, avranno anche numerosi server, banche centrali e acconti, servizi vacanzieri e possibilmente possono comprare anche dare lavoro ai cittadini locali.

6) Stato? E Chi lo vuole? Se si realizzasse il sogno degli Anarco-Capitalisti e lo stato venisse abolito (ma non la proprietà privata, lasciando totale libertà agli imprenditori) ben presto ognuno dovrebbe pagare di tasca propria tutti i servizi per sé (comprese sanità e protezione), cosa ovviamente impossibile per quasi tutti i lavoratori che a stento riuscirebbero a pagarsi cibo acqua e un tetto sulla testa. Di contro, favoriti dal liberismo assoluto, si formerebbero dei monopoli capaci di imporre prezzi altissimi e sfruttare a proprio piacimento i lavoratori e capaci di provvedere alla sicurezza, la sanità e tutti i servizi (privati) da soli. Visto che i lavoratori da soli non sono capaci di provvedere (neanche con lo stipendio) per sé e le proprie famiglie, i loro datori di lavoro concedono una sorta di "contratto servile": i lavoratori lavorano quanto e come dicono loro, senza alcun limite, e senza alcuno stipendio. In cambio, con una parte dei profitti, l'imprenditore paga la sicurezza, la sanità e altri servizi comuni per tutti i suoi lavoratori. Di fatto i lavoratori (di tutti i settori, compresi i guardiani) sono "servi" che vivono al servizio del padrone e dipendono da lui per ogni cosa, e in cambio rinunciano al salario e alla loro capacità di obiettare su quasi tutto. In questo modo Google, Microsoft e Facebook sarebbero di fatto le nuove nazioni...

.

Sempre MorteBianca ha avuto in proposito un'ulteriore idea:

La Democrazia Elettronica o Digitale (E-Democracy) è una forma politica che utilizza i mezzi telematici, informatici e soprattutto Internet come veicolo per la politica attuale e di comunicazione, si affermano grazie al sostegno dei vari Partiti Pirati, Movimento Cinque Stelle e il Partito Transumanista Europeo.

1) Innanzitutto è ufficialmente reso legale, facile, sicuro e di uso comune il voto in Rete per Comunali, Regionali, Nazionali e Referendum.

2) I partiti si organizzano secondo i principi della E-Democracy: hanno un sito ufficiale in cui si può votare, se si è iscritti, le varie proposte da portare a livello di programma. Hanno dei profili Facebook e Twitter, misurano il gradimento e le condivisioni. Il nuovo piano di dibattito e diffusione della politica è la Rete. Si invoca il voto della Rete, si discute in Rete tramite Live e Pagine ufficiali, gli iscritti possono proporre qualcosa che, se riceve abbastanza likes, sale di posizione fino a diventare (d'obbligo) una proposta del Partito.

3) Change.Org continua a diffondersi fino a diventare il primo sito al mondo per le petizioni, e viene riconosciuto da quasi tutte le nazioni (Italia compresa). Si può fare una mozione e raccogliere firme per qualsiasi scopo, e queste possono venire firmate online o condivise o persino sostenute economicamente, le petizioni con più firme riescono ad ottenere il proprio scopo ai vari livelli della politica.

4) Re-Vote viene implementato nel sistema elettorale: questo sistema consiste nel voto elettronico tramite un'App. Questa App permette diverse cose, soprattutto la valorizzazione del voto, infatti in ReVote il voto non vale sempre 1, ma può anche valere 0.9 o 0.5 a seconda del "Punteggio Elettorale". Ogni elettore infatti, prima di votare una legge, deve fare un quiz breve sulla legge stessa che verifichi che abbia compreso il contenuto dell'emendamento. Per ogni domanda sbagliata il punteggio si abbassa. Non si tratta di domande specialistiche o che scendono nei dettagli tecnici, semplicemente di comprensione del testo e con eventuali estratti da altre leggi che non c'entrano nulla, per verificare che chi vota sappia di cosa parla, e dare quindi peso diverso all'Elettore "Gold" rispetto a quello "Bronze".

5) C'è però chi vorrebbe (come il Partito Transumanista) estendere tale concetto oltre, trasformando la politica in una Meritocrazia Tecnocratica, in cui sin dall'infanzia vengono fatti test su test per determinare QI, livello di cultura generale, logica e competenza in Legge e in cui il voto sia proporzionale a tali conoscenze, rendendo il "Voto che vale 1" o addirittura "10" di pertinenza di una ristreta cerchia di Legali, e di lasciare la politica soltanto a Tecnici competenti.

6) Gli Hacker in questo mondo sono incredibilmente più importanti e potenti, ora che le transizioni monetarie sono fatte interamente nella virtualità, che tutto è connesso ad un solo "Account Universale" che gestisce anche Chiavi, Soldi, Identità e che il processo politico è del tutto virtuale. Nasce una Lega degli Hacker (istituzionalizzazione di una parte di Anonymous) che combatte per la libertà informatica e la Net Neutarality, ma nasce anche la sua versione politicamente rivoluzionaria (la F. Society) che vuole rubare il denaro dell'1% dell'1% della popolazione (non è una ripetizione data da errore) per redistribuirlo agli account dei poveri, ed infine la Gilda degli Hacker che ha semplice intento fraudolento e di danno. Le moderne guerre al crimine, alla droga, al terrorismo e soprattutto alla pedopornografia si combattono in Rete grazie alla Net security. In questo mondo i Diritti d'Autore, il Copyright e la Pirateria sono insieme all'Hacking le questioni etiche fondamentali, sostituendo la Bioetica.

7) Un Aristotele moderno sostiene che, proprio come l'Aristocrazia degenera nell'Oligarchia, la Monarchia nella Tirannia, la Democrazia nell'Oclocrazia, il Comunismo nello Stalinismo, il Capitalismo nella Plutocrazia e il Fascismo in sé stesso, anche la E-Democracy può degenerare nella BlogCrazia, la versione demagogica della E-Democracy in cui un uomo ottiene fama virtuale, like, condivisioni, visibilità e potere mediatico parlando alla pancia delle persone, in cui le decisioni vengono prese solo da quest'uomo (è lui a decidere su cosa si vota nei Blog), la diffusione dei dati è fatta con Cherry Picking e fonti ricche di bufale, gente senza alcun credito viene fatta votare su questioni vitali trattate in modo demagogico (come urlare ad una folla urlante, riguardo ad un politico accusato di non aver pagato una Multa "Che il Traditore sia messo a morte, o rimesso sulla poltrona a spese nostre?", e dove insomma dominano gli Urli, gli Slogan e gli Hashtag irrazionali.

8) La Democrazia Diretta, stile Svizzera, è molto più accessibile grazie alla E-Democracy. Tutti possono proporre le leggi invece di guardare dal Menù offerto dai partiti, tutti possono votarle per determinarne il successo a livello di Partito, di Governo o come votazioni in generale. I politici dialogano con gli utenti, le proposte e le domande più gettonate riescono a raggiungerli, tutti possono sapere in tempo reale le discussioni della politica e seguire dibattiti e forum dediti ai dibattiti.

.

Il saggio Enrico Pellerito aggiunge poi:

Vorrei ricordare che, come ha scritto il grande Massimo Gramellini sul "Corriere della Sera", un'inchiesta del New York Times ha svelato che Facebook scambiava con Amazon e altri compagni di merende le informazioni sugli utenti e addirittura le loro conversazioni. Se un industriale tradizionale non paga le tasse, sfrutta gli impiegati e viola l’intimità dei clienti, viene subito crocefisso dai sindacati e boicottato dal mercato. Invece per anni le multinazionali della rete hanno goduto di uno status di extraterritorialità innanzitutto emotiva, facendo il chip che pareva a loro nel disinteresse diffuso delle vittime. Gli anziani non si indignavano perché frequentavano poco le nuove tecnologie, i giovani perché le consideravano indispensabili. I leoni rampanti della Silicon Valley apparivano alla mano come i loro vestiti casual, sostenevano di trattare i dipendenti da amici e si autoproclamavano apostoli del bene, abbracciando ogni causa politicamente corretta del pianeta. Vendevano se stessi come la prima generazione di imprenditori in grado di conciliare etica e profitto, solidarietà e avidità. Anziché tassarli, i politici di sinistra smaniavano per farsi fotografare accanto a loro. Anziché svergognarli, i politici di destra dirottavano la rabbia popolare contro intellettuali e banchieri: robetta, al confronto. E anziché smascherarne le magagne, alcuni giornalisti, anche italiani, li dipingevano come principi rinascimentali. Ora però la verità è venuta a galla. I nuovi padroni del mondo sono avidi e spregiudicati quanto i vecchi. Con un’aggravante: vogliono farci credere di esserlo per il nostro bene.

.

Chiudiamo per ora con il consolante parere di Bhrghowidhon:

Bisognerebbe che ognuno dichiarasse i proprî massimi Valori e poi li si organizzasse in modo coerente e aperto a includere eventuali altre combinazioni. Per me sono:

1) proteggere la Vita (compatibilmente con la protezione del maggior numero di vite, ma una volta assicurato che gli altri non muoiono è meglio che tutti stiano ‘male’ purché tutti vivano piuttosto che il benessere della schiacciante Maggioranza al prezzo della morte foss’anche di uno solo), assolutamente degli uomini (perché la Società è, finora, umana) – quindi anche della Natura (che ne è precondizione) – e ogni volta che è possibile anche degli animali, perlomeno a partire da quelli cui gli uomini sono più legati affettivamente (i relativamente più rari ed ‘evoluti’);

2) aiutare chi è in difficoltà (Assistenzialismo, anche al prezzo di sacrificare qualche libertà), di modo che, una volta assicurata (nei limiti delle nostre capacità) la vita a tutti, si possa tentare di renderla sopportabile per il massimo numero possibile;

3) proteggere chi è debole (quindi anche le Minoranze, di qualsiasi tipo, anche semplicemente linguistico-culturale, dove non si tratta più della sussistenza);

4) per realizzare tutto ciò, unificare il Mondo in un unico Stato (ovviamente federale, sussidiario dal basso, commercio equo e solidale, chilometro zero, decentramento, interconnessione, libertà dal bisogno di spostarsi o comunque spendere energia per vivere, come il pendolarismo sanitario, lavorativo, amministrativo, commerciale &c.: tanti piccoli ospedali, piccole banche e poste dappertutto, trasporti locali, ma anche connessione telematica e copertura di Rete diffusa nelle regioni marginali e periferiche e vosì via), Sistema Monetario unico a Cambi Fissi (donde stampabilità illimitata di Moneta e quindi niente più Tasse né Imposte), Mercato Unico del Lavoro (con Parità di Potere d’Acquisto del Salario a parità di energia impiegata nel Lavoro);

5) assicurato quanto precede, lasciare per il resto la massima libertà a chiunque (questo viene dopo il resto, perché altrimenti farebbe saltare il punto precedente), sia in possibilità di arricchirsi senza limiti o di godere di patrimonî vergognosamente grandi (per quello zero virgola qualcosa percento – ma molto influente –dell’Umanità che ce li ha) sia – che più conta – nell’applicazione di sperimentazioni scientifiche (purché appunto secondo i primi due punti nella tutela della Vita e della Salute, per quanto riguarda rischi di Contagi, Scorie &c.: Libertà inversamente proporzionale ai rischi per gli altri, per cui per esempio chi vuole tenersi in casa i proprî Cari estinti lo può fare purché si accolli le spese – che può sostenere prima indebitandosi e poi lavorando molto, visto che c’è Lavoro per tutti – di assoluta sicurezza ambientale).

Il punto 1 è per la Vita e l’Ecologia, il 2 per l’Equità, il 3 per le Periferie, il 4 per la Geopolitica come condizione per la Ricchezza e lo Sviluppo (di nuovo delle Periferie), il 5 per la Libertà, di nuovo la Ricchezza e la Scienza. Come Livello Tecnologico presupposto basta quello attuale, mi pare chiaro che per realizzare questo programma si deve partire dal punto 4, poi 1-2-3-5.

.

Per partecipare alle discussioni in corso, scriveteci a questo indirizzo.


Torna indietro