FantaRisorgimento con Pio IX presidente della Repubblica Italiana!


Cari amici, sono rimasto colpito dallo speciale di "SuperQuark" recentemente dedicato alla vita di Giuseppe Garibaldi, e mi è dispiaciuto che gli ideali mazziniani siano tutti falliti, che Pio IX sia passato alla storia come il nemico della modernità, e che Anita Garibaldi sia morta prematuramente. Ho così deciso di dare un finale diverso alla storia.

Dopo la morte di Gregorio XVI, di idee reazionarie, il 2 giugno 1846 (esattamente 100 anni prima della nascita della nostra repubblica!) viene innalzato al soglio di Pietro Giovanni Maria Mastai Ferretti, che prende il nome di Pio IX. é figlio di un nobile marchigiano convertitosi alle nuove idee liberali, ed egli stesso è esponente di spicco del cattolicesimo liberale. Per prima cosa promulga un'amnistia per tutti i prigionieri politici, quindi abolisce la pena di morte e la tortura, nomina un governo di laici presieduto da un primo ministro anch'esso laico, ed istruisce una commissione mista di laici e di ecclesiastici per studiare riforme istituzionali che modernizzino lo Stato della Chiesa. Le riforme non piacciono all'imperatore d'Austria, al re di Spagna, al re di Napoli e al re di Sardegna, mentre sono accolte con favore da Luigi Filippo d'Orleans, in Inghilterra e negli Stati Uniti.

Questa politica raggiunge il suo culmine allorché Pio IX accoglie nel suo stato Giuseppe Mazzini, ritornato dall'esilio londinese, e lo nomina membro della suddetta commissione, dietro promessa che la Giovine Italia non organizzi più attentati e guerriglia. La leggenda racconta che Mazzini, per saggiare le intenzioni del Papa, abbia consegnato una lettera scritta di suo pugno ad un suo uomo, che poi la lancia nella carrozza del Papa al suo passaggio davanti a San Giovanni in Laterano. Il pontefice la legge e decide di spedire una missiva a Mazzini perché si stabilisca a Roma. Nel gennaio 1848 egli è nominato addirittura ministro della difesa del governo presieduto da Vincenzo Gioberti, anch'egli chiamato a Roma da Sua Santità.

Tutto questo produce una coalizione delle forze reazionario che organizzano un complotto per uccidere il Papa. Mazzini sventa la congiura e fa arrestare i responsabili, che il Papa rinuncia a punire, espellendoli verso l'impero d'Austria. Nel frattempo Luigi Filippo è scacciato da un moto rivoluzionario che proclama la Repubblica, e le rivolte dilagano in tutta Europa. A Vienna il popolo si solleva e proclama a gran voce la costituzione. In Germania l'assise dei popoli tedeschi offre la corona imperiale al re di Prussia Guglielmo IV, che però rifiuta. Milano e Venezia si sollevano a loro volta e proclamano la repubblica. Il re di Sardegna Carlo Alberto, timoroso e reazionario, detto il "re tentenna" per il suo comportamento irresoluto di fronte ad ogni pericolo, si coalizza con l'Impero d'Austria, con la Toscana e con il Re delle Due Sicilie per soffocare i moti milanesi e veneziani, ma Pio IX rifiuta alle truppe borboniche il passaggio sul suo stato. Ferdinando invade allora lo stato pontificio, deciso a conquistare Roma e ad abbattere il governo dei liberali, ma Mazzini chiama in soccorso i patrioti di tutto il mondo. Giuseppe Garibaldi rientra dall'Uruguay, è nominato dal Papa generale in capo delle truppe pontificie e, con l'aiuto dei suoi volontari in camicia rossa, sconfigge l'esercito borbonico a Castelfidardo. L'insurrezione a Napoli scaccia re Ferdinando II che ripara a Vienna, e rinasce la Repubblica Partenopea di napoleonica memoria, mentre la Sicilia si erige a sua volta a repubblica indipendente sotto protezione inglese.

Mazzini e Garibaldi convincono Gioberti ad intervenire a favore delle popolazioni del Nord, perché Carlo Alberto ha stretto d'assedio Milano che rischia di capitolare. Il Papa dà l'assenso e le truppe pontificie, cui si sono aggiunti i garibaldini e volontari provenienti dal mezzogiorno. invadono la pianura padana. Milano è liberata dall'assedio e le truppe sabaude respinte al di là del Ticino; Garibaldi infligge all'Austria due pesantissime sconfitte a San Martino e Solferino, costringendo gli austriaci a ripiegare al di là delle Alpi, mentre il vecchio Radetzky si asserraglia nelle fortezze del Quadrilatero. L'imperatore Ferdinando d'Asburgo abdica a favore del nipote Francesco Giuseppe, appena diciottenne. Il duca di Toscana abdica a sua volta e lascia il paese. Si forma così una confederazione di stati: repubblica cisalpina con capitale Milano, repubblica di Venezia, repubblica cispadana (resuscitata) con capitale Reggio Emilia, Toscana, Stato Pontificio e Repubblica Partenopea. Mazzini subentra a Gioberti nella carica di primo ministro e promulga la costituzione della Federazione Italiana, come lui la battezza, che riconosce al Papa il titolo di capo di stato dell'intera federazione, ma che la organizza in pratica come una Repubblica, con a capo lo stesso Mazzini. Garibaldi è il capo di stato maggiore dell'esercito. A metà 1849 si tengono elezioni a suffragio universale, maschile e femminile, e si riunisce nel palazzo di Montecitorio il primo parlamento dell'unità italiana, che però esclude Piemonte, Liguria, Trentino, Trieste, Sicilia e Sardegna. Per ringraziare il Signore del successo ottenuto, Pio IX promulga il Giubileo del 1850. Londra, Parigi (Luigi Napoleone), Berlino e Washington riconoscono la Federazione, ma Spagna, Austria e Russia si rifiutano di farlo, riconoscendo al Papa il solo titolo di capo spirituale della cattolicità.

Ma non è finita. Nel settembre 1849 Carlo Alberto attacca a sorpresa la Lombardia, e Garibaldi accorre a difenderla. Gli Asburgo ne approfittano, sbarcano negli Abruzzi e ben presto riconquistano Napoli ed il meridione, minacciando la stessa Roma. Pio IX ed il governo fuggono nella piazzaforte di Orbetello. E qui si rivela un'altra volta il genio militare di Garibaldi: sfondata la resistenza sabauda, varca il Ticino e distrugge l'esercito piemontese a Novara (la "fatal Novara"), ma rinuncia a marciare su Torino; costringe il Piemonte alla pace separata, poi nel marzo 1850 si imbarca e raggiunge la Sicilia, dove Nino Bixio sta tentando di tenere testa ai borbonici che cercano di riconquistare Palermo. Vince a Marsala, Milazzo e Calatafimi, ricaccia i realisti oltre lo stretto, lo supera, ottiene la sollevazione delle popolazioni borboniche ed infine riconquista Napoli. Il 16 ottobre 1850 Pio IX, Mazzini e Garibaldi si incontrano a Teano e proclamano la morte definitiva della monarchia delle Due Sicilie; Ferdinando va in esilio in Inghilterra. Si ristabilisce la repubblica partenopea e la Sicilia entra a far parte della Federazione.

L'Austria tuttavia istiga ancora Carlo Alberto ad attaccare il nuovo stato; nel dicembre 1850, mentre la marina austriaca bombarda a sorpresa Venezia e Ravenna, Radetzky ed il re tentenna marciano da parti opposte su Milano. Ed a questo punto si rivela invece il genio diplomatico di Mazzini.

Questi stringe alleanza con il re di Prussia, che vuole sì la corona di Kaiser, ma vuole conquistarsela con la forza delle armi, espellendo l'Austria dalla confederazione germanica. La Prussia del giovane Bismarck ottiene l'adesione all'alleanza anche di Franconia, Sassonia e Meclemburgo e la neutralità della Baviera, e soprattutto della Repubblica Francese, garantendole che non avanzerà pretese su Alsazia e Lorena. E così l'Austria si trova presa in una morsa: da nord subisce la terribile sconfitta di Sadowa (aprile 1851), mentre a sud Garibaldi vince a Custoza e poi a Bezzecca. Intanto la flotta italiana riporta a Lissa una vittoria decisiva. Le truppe italiane e prussiane si ricongiungono a Vienna, da cui Francesco Giuseppe fugge, riparando a Budapest. La Russia, che aveva promesso aiuti all'Austria, è tenuta impegnata dalle ribellioni in Polonia, Estonia, Lettonia, Lituania e Finlandia che sono state fomentate dalla Prussia, e dalla minaccia di una rivoluzione interna di stampo socialista. La Santa Alleanza così crolla definitivamente.

Alla fine, nel maggio 1852 si svolge la conferenza di pace di Versailles. La Prussia ottiene la trasformazione della confederazione germanica in un impero federale, e Bismarck può proclamare la nascita dell'Impero Tedesco con capitale Berlino. Ad essa sono aggregate anche la Baviera, l'Austria, la Boemia e la Moravia, sancendo così la nascita di uno stato gigantesco nel cuore dell'Europa. Francesco Giuseppe d'Asburgo perde Vienna e lo sbocco al mare, ma resta sovrano d'Ungheria, Slovacchia e Transilvania; regnerà addirittura fino al 1916. Carniola, Slovenia, Croazia e la Bosnia che si è ribellata all'impero Ottomano ormai in piena disgregazione danno vita al regno di Croazia, sotto l'influenza italiana. Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia e Finlandia ottengono l'indipendenza dalla Russia zarista, in piena crisi politica, economica e sociale, ed entrano nella sfera d'influenza tedesca. Lo Zar deve concedere la costituzione e convocare la Duma, dominata dai partiti di sinistra. La Norvegia si separa consensualmente dalla Svezia dei Bernadotte.  L'Irlanda ottiene l'autogoverno nell'ambito dell'Impero Britannico, che concederà anche autonomia ai dominions di Canada, Sudafrica, Australia, nuova Zelanda e India. La Spagna, in piena decadenza, vede drasticamente ridimensionato il suo prestigio politico. Il Portogallo si erige a sua volta a repubblica. L'Impero Ottomano si sfascia sotto il peso delle ribellioni dei popoli grecoslavi, che sotto l'esempio del '48 italiano e tedesco esigono l'emancipazione da Costantinopoli. Ottengono l'indipendenza Serbia, Montenegro, Albania, Romania e Bulgaria, mentre la Grecia annette la Tessaglia, la Macedonia meridionale, Rodi e l'isola di Creta. Anche l'Egitto si libera dalla soggezione turca e si erige a regno. La Francia occupa Algeria e Tunisia, l'Inghilterra occupa Cipro e la Libia ma restituisce Malta, che entra nella Repubblica Italiana, e le isole Jonie alla Grecia. La Turchia è ridotta al Vicino Oriente e deve pure accettare il protettorato italo-francese sui Luoghi Santi. Teodor Herzl fonda il Sionismo.

All'Italia invece vanno il Trentino escluso Bolzano, che rimane parte dell'Impero Tedesco con la promessa di autonomia per gli italofoni, Gorizia, Trieste, l'Istria e gran parte della costa dalmata. Carlo Alberto è costretto all'esilio in Portogallo, dove muore poco dopo di crepacuore, e così Piemonte, Liguria e Sardegna entrano a far parte della Federazione italiana. La Savoia è ceduta alla Francia come contropartita per la sua neutralità, ma Garibaldi ottiene di conservare Nizza; Luigi Napoleone concede anche l'autogoverno ai corsi italofoni. Mazzini proclama la Repubblica Italiana con capitale Roma e Pio IX presidente, mentre Saffi è il primo capo del governo, ed egli regge il Ministero degli Esteri. Alessandro Manzoni regge il Ministero della Cultura, Massimo d'Azeglio quello dell'Economia, il principe Fabrizio Salina (meglio noto come il Gattopardo) quello per lo sviluppo del Mezzogiorno. Pio IX celebra il "recupero" del Giubileo nel 1853, ed in quella data indice il Concilio Vaticano I con lo scopo di modernizzare la Chiesa Cattolica e di dare slancio alla collaborazione con le altre confessioni cristiane; egli "regnerà" sino al 1878, tanto che il suo risulta il più lungo pontificato della storia della Chiesa. Mazzini si spegnerà invece nel 1872. Garibaldi lascia la carica di comandante in capo dell'esercito e si ritira a Caprera con l'amata moglie Anita de Jesùs, anche se di lì ad un anno lascia l'isola per vivere nuove, fantastiche avventure. Eccole in sintesi:

1857: combatte accanto al mitico generale inglese Gordon per difendere l'Oman dall'invasione egiziana (vedi sopra)

1858: tenta di difendere anche i Kenyoti, ma riesce solo a ritardare la loro sconfitta

1861: accetta l'offerta di Lincoln di comandare una brigata nordista durante la Guerra di Secessione Americana

1865: assieme ad Ulysses Grant ottiene la resa del generale Lee ad Appomatox

1868: proclama l'indipendenza di Cuba dalla Spagna, rifiuta però di esserne il primo Presidente

1870: difende la repubblica francese da una guerra civile scatenata dai partiti di ultrasinistra che vorrebbero instaurare la dittatura del proletariato (la Comune). Diventa inoltre deputato del parlamento di Parigi e viene esaltato da Victor Hugo

1871: difende anche lo Zar da un analogo colpo di stato tentato da tale Vladimir Ilic' Ulianov detto Lenin per abbattere i Menscevichi ed instaurare una dittatura del proletariato (cioè la sua). Lenin finirà i suoi giorni nell'isola di Sakhalin

1875: ridotto in carrozzella da una gravissima forma di artrite, l'Eroe dei Due Mondi si ritira a Caprera con la moglie Anita e vi morirà nel 1882 dopo essersi convertito in ultimo al cattolicesimo

La carta d'Europa che risulterebbe dalle mie fantasie ucroniche fantarisorgimentali

In Europa, la cui carta geografica è stata completamente ridisegnata rispetto allo sciagurato congresso di Vienna, si instaura un'era di pace che dura tuttora da oltre centocinquant'anni, innescando un notevole progresso scientifico e tecnologico. "Ma questa è un'altra storia, e andrà narrata un'altra volta" (Michael Ende)...


Torna indietro