Der rote Totenkopf

di Lorenzo Anteri

I

Neuhamburg Stadt, Vereinigten Reiche Amerikas, 2023

Il vento ghiacciato di gennaio investì in pieno Winston Smith, che si chiuse ancor di più nel cappotto. Finalmente giunse alla sua meta, Zeitens Quadrat. Camminò fino al centro della piazza, dove il simbolo dell’Hydra, la piovra con la testa di teschio rossa era stata dipinta sull’asfalto.

Si guardò intorno. Gli schermi luminosi sui grattacieli intorno alla piazza riflettevano gigantografie del Führer Zola, che, dallo schermo che replicava la sua faccia sul suo corpo da androide, salutava i suoi cittadini ripetendo in continuazione lo slogan dell’Hydra, ovvero: “Heil Hydra! L’Hydra è immortale! Tagli una testa, ne crescono due al suo posto!”, aggiungendo “Così come i Reiche d’America, uniti sotto il loro Führer!”

Su un altro schermo, il Barone Von Strucker, capo della Wehrmacht, della Kriegsmarine e della Luftwaffe, si complimentava con i Rächer, i supereroi ufficiali del Führer, per essere riusciti nella cattura del ribelle Nick Fury, definito “un pericoloso terrorista comunista”. Alla fine del messaggio pre-registrato, Kapitän Amerika, il leader del gruppo, facendo risplendere al Sole il suo scudo bianco, nero e rosso con al centro la svastica, invitava i cittadini a seguire in televisione, sul canale ufficiale dei Reiche, la Caccia al Comunista, la trasmissione in cui i cacciatori dei Reiche stanavano in diretta dei ribelli al Führer e, al termine di ogni puntata, mostravano al pubblico le loro teste, dicendo: “E questo, concittadini, è ciò che succede a chi si oppone al Führer e quindi a noi tutti. Heil Hydra!”

Winston passò oltre e si diresse verso la stazione del treno che l’avrebbe portato a casa sua, a Brooklyn. Fortunatamente riusciva ad avere un’abitazione decente, essendo l’assistente di uno scienziato che lavorava al Progetto Rinascita, talmente segreto che nemmeno Winston poteva sapere di cosa si trattava, e non era costretto a vivere nelle baraccopoli del Queens e del Bronx.

Si sedette ad un tavolo e lesse il giornale che il Führer regalava gratis a tutti i cittadini, purché leggessero solo le notizie che lui dava.

Ad essere in prima pagina era ovviamente la cattura di Fury. Sull’immagine in copertina il leader dello S.H.I.E.L.D., l’organizzazione fuorilegge che si ribellava al Führer con svariati atti sovversivi, appariva in ginocchio, senza la sua tipica benda, con di fianco due cacciatori in uniforme, con la scritta “Gott mit uns” sulla cintura e la svastica affiancata all’idra sulla fascia rossa sul braccio del cappotto.

“Ti sembra inerme il direttore, vero, Winston Smith? Peccato che se ti tirasse uno schiaffo non smetteresti più di girare. E parlo per esperienza” chiese una voce alle spalle di Winston. Questi, spaventato, si voltò e vide un uomo alto, vestito in un completo blu navy, con i capelli castano chiari tagliati corti e due occhi azzurri. L’uomo, mostrando il distintivo, disse: Agente Philip J. Coulson dello Strategic Homeland Intervention, Enforcement and Logistics Division, o S.H.I.E.L.D. E, prima che tu possa chiamare le autorità, farò questo.” E, così dicendo, tirò fuori una pistola e sparò un colpo sonnifero, che fece perdere coscienza a Winston.

.

II

Winston si svegliò dopo un’ora. Era legato ad una sedia, che gli sembrava però alquanto comoda, in una sala circondata da schermi.

Si dimenò per liberarsi. “Dove sono?” urlò.

“Calmati, Winston, ci penso io.” gli disse la voce calma dell’agente Coulson, che iniziò a slegarlo.

Una volta slegato, Winston chiese di nuovo: “Dove sono?”

“In un posto sicuro” rispose, enigmatico, il suo interlocutore.

“Lo spero bene.” ribatté il prigioniero, freddo.

“Seguimi” gli ordinò l’altro, quasi ignorando la sua affermazione.

“Dove?”

“Lo scoprirai ben presto.”

Tutta quella segretezza dava sui nervi a Winston, che, tuttavia, non si oppose più e seguì l’agente.

I due uscirono dalla stanza e si diresso lungo una serie di corridori di stile moderno, finché non giunsero in quella che sembrava una sala comune di un’astronave di Star Wars, la trilogia fantascientifica in cui un abile politico, Sheev Palpatine, ribaltava il corrotto e debole governo democratico di una galassia lontana lontana per stabilirne un forte Impero. Nella stanza, oltre a Winston e a Coulson, c’erano altre quattro persone.

“Questa è la mia squadra e,” disse l’agente, “visto che volevi tanto saperlo, ti trovi sul Bus, l’aereo affidatoci da Fury. È invisibile a vista e ai radar, grazie ad una tecnologia sofisticata, tale e quale a quella dell’Elivelivolo.”

Una donna dai tratti asiatici chiese a Coulson: “Phil, perché stai dicendo tanto a questo sconosciuto? Sei sicuro che ci possiamo fidare di lui?”

“Non preoccuparti, Melinda. Possiamo fidarci.” replicò l’agente, poi riprese, rivolgendosi nuovamente a Winston: “Dove eravamo rimasti? Ah, sì. Benvenuto sul Bus. Come ti stavo dicendo, prima di essere interrotto” e, dicendo questo, lanciò un’occhiataccia alla donna, “questo è il mio team.”

Poi prese ad indicare e presentare tutti i presenti, partendo dalla donna asiatica, quella che aveva chiamato Melinda: “Hai già avuto il piacere di conoscere l’agente Melinda May, la nostra pilota.”

Proseguì puntando il suo dito verso due ragazzi in camice nell’angolo: “Quelli sono gli agenti Leo Fitz e Jemma Simmons, i nostri scienziati, due delle menti più brillanti di tutto lo S.H.I.E.L.D.”

“Non esagerare, Phil” disse quello che doveva essere l’agente Fitz, arrossendo un pochettino.

Coulson concluse indicando una ragazza dai capelli scuri, seduta davanti ad un computer: “E, ultima, ma non per importanza, la nostra recluta più recente: l’agente Daisy Johnson. Era una hacker, ma siamo riusciti a convincerla a stare dalla nostra parte. Hai presente il blocco degli SNW dell’Hydra dell’Hydra di qualche settimana fa? Tutto merito suo.”

Winston la guardò, stupito: “Quindi è lei…?”

La ragazza annuì: “Skye. Sì, sono io.”

Winston si riprese dalla sorpresa e tornò scettico: “Perché mi avete portato qui?”

“Questa è una storia molto lunga, Winston,” gli disse Coulson. “Che merita di essere raccontata per bene.”

L’agente Johnson aggiunse, scherzosa: “Siediti pure su quel divanetto, che è molto morbido. Fidati, ti servirà essere comodo: Coulson, quando inizia a raccontare, non finisce più.”

Winston rise per la battuta e seguì il consiglio dell’hacker.

Dopodiché, il capo di quel team iniziò a raccontare.

.

III

“La nostra storia inizia nel 1936”, esordì l’agente. “Ma non il 1936 che piace raccontare all’Hydra, no; non l’anno della vittoriosa e rapida vittoria della Repubblica Sociale Italiana in Etiopia, o quello in cui la Francia elesse come suo Presidente il maresciallo Philippe Pétain, che concesse ad Hitler di militarizzare nuovamente la Renania; nemmeno l’anno in cui il Generalissimo Franco iniziò a combattere contro i suoi oppositori in Spagna, no; sarà il vero 1936, non quello riscritto da Zola e compagni.”

“Scusami”, intervenne Winston, “ma come faccio ad essere sicuro che sia la tua la vera versione dei fatti?”

“Questo è un’ottima osservazione, Winston. Tuttavia, alcuni dei nostri agenti (noi li chiamiamo History Savers), sono riusciti a conservare e conservare alcuni documenti e libri antecedenti all’ascesa dell’Hydra che raccontano come sono andate davvero le cose. Sono molti libri, ma concordano tutti sugli avvenimenti: quindi siamo sicuri che sia quella la vera Storia. So che sembra strano, ma ti prego di fidarti di me.”

L’assistente del Progetto Rinascita annuì e decise di continuare a sentire la storia che Coulson voleva raccontargli. Anche perché non aveva scelta.

L’agente riprese: “Allora, riprendiamo da capo: nel 1936, anno in cui Hitler mandò effettivamente 2000 soldati in Renania, ma di certo non su invito francese, il Führer decise di potenziare scientificamente il suo esercito affidandosi all’Hydra, una loggia massonica che esisteva già dall’Ottocento. In quel momento, il capo della loggia era Johann Schmidt, un membro del NSDAP, che aveva deciso di investire la maggior parte delle risorse dell’Hydra sulla creazione di un supersoldato, in modo da potenziare gli uomini che combattevano per il Führer e assicurargli la vittoria. Nel 1939, Abraham Erskine, lo scienziato che lavorava al progetto, riuscì a realizzare un siero sperimentale, che Schmidt volle provare su sé stesso. Tuttavia, il siero non funzionò e il volto di Schmidt divenne rosso e divenne simile ad un teschio: da quel giorno, Johann Schmidt smise di esistere e nacque il Teschio Rosso.

“Erskine allora fuggì negli Stati Uniti d’America dove, nel 1940, produsse un siero funzionante, grazie anche all’imprenditore Howard Stark, e lo fece iniettare ad un ragazzo di Brooklyn, Steve Rogers: l’esperimento funzionò e Rogers divenne quello che doveva essere, il primo di molti supersoldati americani. Dopo la fuga di Erskine, però, il Teschio Rosso era andato su tutte le furie e aveva mandato un sicario ad uccidere lo scienziato, prima che potesse far funzionare il siero per gli americani. Alla fine, l’assassino riuscì nel suo compito e sparò ad Erskine il giorno stesso in cui a Rogers fu iniettato il siero.

“Il Presidente statunitense, Franklin Delano-Roosevelt, decise che Rogers era troppo importante per fargli rischiare la vita in battaglia, quindi lo usò solo come strumento di propaganda e di sostegno alle truppe, organizzando per lui un tour dei vari accampamenti. Rogers divenne Capitan America, decisamente un’icona. Su di lui vennero realizzati fumetti, documentari e album fotografici. Infine, Roosevelt si decise a lasciar partire Rogers per il fronte. Lui e gli Howling Commandos, un gruppo di soldati che lo seguivano nelle sue imprese, compirono molte avventure e, in una di esse, sulle Alpi, Capitan America perse il suo più grande amico, James ‘Bucky’ Barnes. Nel 1945, l’anno in cui finì la Seconda Guerra Mondiale, Rogers si ritrovò ad affrontare il Teschio Rosso da solo su un aereo, alimentato dal Tesseract, il Cubo Cosmico, una fonte di energia aliena che l’Hydra si era riuscita a procurare; Schmidt, durante questo scontro, impugnò il Tesseract e sparì alla vista di Rogers (e delle telecamere impiantate sull’aereo). Capitan America, a questo punto, si sacrificò, impedendo all’aereo di schiantarsi su New York, dirottandolo e facendolo precipitare in Groenlandia.

“La guerra finì, Hitler si suicidò (e non fu ucciso da dei terroristi comunisti nel suo momento di massima gloria, come piace raccontarla a Von Strucker) e l’Hydra fu apparentemente sciolta. Molti dei suoi membri emigrarono negli USA ed iniziarono a lavorare per il governo americano, mentre continuavano a tramare per riportare ai fasti la loro organizzazione; il leader di questi fu uno scienziato di origine svizzera, tale Arnim Zola.

“Nel 1960 divenne Presidente degli Stati Uniti d’America John Fitzgerald Kennedy, del Partito Democratico. JFK, come lo chiamavano prima che la sua figura fosse sottoposta alla damnatio memoriae, venne a sapere di queste inflitrazioni naziste all’interno della Cia e del governo americano. Zola allora decise che Kennedy sapeva troppo e andava eliminato. Pagò un sicario, che, il 22 novembre 1963, uccise il Presidente.

“Kennedy fu rimpiazzato da Zola stesso, che il giorno stesso, con la Marcia sul Campidoglio, occupò Washington e si proclamò, dal balcone della Casa Bianca, Führer dei Vereinigten Reiche Amerikas. Washington D.C. cambiò nome e divenne Hitler Distrikt Kolumbien, così come New York City Neuhamburg Stadt.

“Furono molte le ribellioni, ma i soldati dell’Hydra (che si erano infiltrati negli organi governativi dopo la Seconda Guerra Mondiale) riuscirono a schiacciarle tutte. Solo lo S.H.I.E.L.D. sopravvisse clandestinamente, grazie all’allora direttrice, la veterana Peggy Carter.

“Anche il resto del mondo fu scioccato. In Italia, il Movimento Sociale Italiano truccò le elezioni per vincere; Arturo Michelini divvene il nuovo Duce d’Italia. Le truppe dei VRA occuparono la Germania Ovest e stabilirono un Governo collaborazionista, dichiarando Rudolf Hess Führer del Quarto Reich (poi rinominato Terzo in seguito alla riscrittura della Storia). Il Reich, la rinata RSI, la Spagna franchista e il Portogallo di Salazar si allearono con Zola a fine anno nell’Asse Hitler-Bonn-Roma-Madrid-Lisbona; uno dei primi obiettivi che l’Asse si prefisse fu l’eliminazione del comunismo dal mondo.”

“Phil”, lo interruppe la voce dell’Agente May.

“Dimmi, Melinda”, replicò Coulson.

“È arrivato il rapporto di Ward”, spiegò Johnson.

“Oh, significa che questa storia la continueremo un’altra volta”, disse lui, alzandosi dalla sua sedia ed andando verso Skye e il suo computer, seguito da Fitz, Simmons e May.

Winston li interruppe: “Scusatemi, chi è Ward?”

“L’agente Grant Ward è la nostra spia all’interno dell’Hydra”, gli spiegò Simmons. “Ci manda rapporti giornalieri.”

“Già” annuì Coulson. “Chissà cosa ci ha scritto oggi.” Poi, si chiarì la voce con un colpo di tosse ed iniziò a leggere.

Zeitens Platz

.

IV

“Colleghi dell’Egida”, esordì Coulson, leggendo il messaggio.

L’agente Johnson sussurrò a Winston, per spiegargli: “Egida è il nome in codice che Ward usa per indicare lo S.H.I.E.L.D.”

Il capo del team proseguì: “Oggi non ho scoperto niente di che. Il Progetto Rinascita è sempre più chiacchierato, ma ancora non sono riuscito a capire di cosa si tratta. Ah, a proposito: giusto oggi è scomparso l’assistente di uno degli scienziati che sta lavorando al progetto… immagino sia opera vostra.”

Tutti guardarono Winston con il sorriso sulle labbra e anche lui rise insieme a loro.

“Comunque”, terminava il messaggio della spia, “ho un piano, ma ho bisogno del vostro aiuto per realizzarlo. Incontriamoci a Schiekago domani mattina, sul presto. Vi trasmetto le coordinate del posto.”

Sullo schermo del computer seguiva una serie di lettere e numeri. Winston immaginò che fossero le coordinate.

Coulson ordinò: “May, vai in cabina e portaci a Schiekago. Fitzsimmons, andate in laboratorio ad occuparvi della copertura. Skye e Winston, restate qui. Non ho finito con la storia.”

Tutti annuirono e si recarono dove il capo aveva loro ordinato.

Winston e l’agente Johnson si sedettero sugli stessi divanetti di prima.

“Bene”, riprese Coulson. “Dove eravamo rimasti? Ah sì, alla nascita del nuovo Asse. Nel Patto di Neuhamburg, che segna la nascita di questa alleanza, Zola definì per la prima volta il concetto di ‘DemoComunismo’, secondo il quale chiunque non sia nazista o fascista è comunista.

“Un’altra delle prime mosse di Zola fu quella di ritirare le truppe dei VRA dal Vietnam. Sapeva che era una guerra inutile in cui stava sprecando solo uomini… cha sarebbero stati utili più avanti per un suo altro piano.

“Tuttavia, nel 1965, Zola morì. I suoi oppositori non fecero in tempo ad esultare che l’Hydra rivelò il suo piano segreto dal fallimento del siero del supersoldato a quel punto: trasferire le coscienze dei propri capi in computer e poi in androidi, come accadde per Zola. Solo allora il mondo capì la vera potenza tecnologica dell’Hydra.

“In molti paesi ci furono golpe fascisti, come in Cile, che cadde sotto la dittatura di Augusto Pinochet, in Brasile, in cui prese il potere il maresciallo Humberto de Alencar Castelo Branco, in Bolivia, in Grecia e in Argentina. Anche in Giappone tornarono al potere i fascisti, promettendo una rivincita. Tutti questi Paesi aderirono all’Asse, che, per motivi di brevità, cambiò nome in Asse Contro il Comunismo, ACC in breve. A fine 1965 si unì all’Asse anche la Repubblica Nazionalista di Cina. Dovete sapere che, all’epoca, dopo una sanguinosa guerra civile, la Cina era divisa tra la Repubblica Popolare Cinese, che controllava il continente, e, per l’appunto, quella Nazionalista, che controllava solo l’isola di Taiwan.

“La reazione del mondo comunista a quell’affronto non si fece attendere: Cina e URSS riallacciarono i rapporti e, insieme alla Mongolia, alla Corea del Nord, al Vietnam e ai Paesi membri del Patto di Varsavia si unirono nell’alleanza che venne denominata Internazionale Comunista.

“Allo scoppio della guerra mancava poco. L’Internazionale, convinta di poter vincere, cercava costantemente un casus belli. L’Hydra no. Il 1° marzo 1966 i VRA dichiararono guerra all’Internazionale, attaccando su molteplici fronti: mandarono di nuovo dei soldati in Vietnam; sbarcarono in Cina da Taiwan, mentre le truppe giapponesi e sudcoreane attaccavano la Corea del Nord e, successivamente, la Manciuria. La RSI entrò in Istria, mentre il Quarto Reich attraversava i confini con la Repubblica Democratica Tedesca, sacrificando momentaneamente Berlino Ovest.

“Quella che però doveva essere una guerra sanguinosa fu un Blitzkrieg: infatti, terminò con il lancio di bombe atomiche su Mosca, Pechino, Stalingrado e Leningrado. Dopidiché, la Cina e l’URSS si arresero e, uno ad uno, anche gli altri staterelli minori dell’Internazionale capitolarono. Il mondo fu riorganizzato nel seguente modo: la Germania fu riunificata e si annesse anche tutta la Polonia; Jugoslavia, Bulgaria e Romania tornarono regni, a patto che i Re sostenessero dei regimi nazifascisti; anche l’Ungheria fu data ad Ottone d’Asburgo-Lorena con le stesse condizioni; l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche fu disciolta e al suo posto nacquero vari stati clienti dei Reiche, come la Repubblica Sociale Ucraina, lo Stato Nazionale Bielorusso e molti altri. Il più grande di questi Stati, con capitale Mosca, divenne il Reichsprotektorat Ostland, retto dal Barone Zemo, a cui fu intitolata la città che nacque dalle ceneri di Leningrado, cioè Zemoburg, così come Stalingrado divenne Hitlerburg.

“Inoltre, la Repubblica Sociale Italiana riottenne Trieste ed Istria, oltre alla Dalmazia. La Corea fu riunificata e divenne un protettorato giapponese, così come la Manciuria. Il resto della Cina tornò in mano ai Nazionalisti; lo stesso accadde in Vietnam. Cuba divenne un Reich parte dei VRA. “

Winston era dubbioso su ciò che Coulson raccontava, ma questi lo faceva così bene che si trovò ad essere assorto. Nel frattempo, l’agente May uscì dalla cabina di pilotaggio e annunciò: “Phil, mi dispiace interormperti, ma siamo arrivati a Schiekago.”

.

V

Il Bus atterrò a Schiekago, sul tetto di un palazzo popolare probabilmente disabitato. Solo quando scese, chiudendo la fila composta da Coulson, May e Johnson, si rese conto che l’aereo era effettivamente invisibile.

Davanti a loro c’era un uomo dai capelli neri, la barba incolta (probabilmente per il tempo passato in missione) e due profondi occhi castani. Indossava dei jeans blu scuro, una maglia bordeaux e una giacca di pelle nera.

“Ti aspettavamo domattina” osservò la pilota dell’aereo.

“Sorpresa! Sono qui” fece l’altro.

“Wilson, questo è Grant Ward. Ward, questo è Wilson Smith.” li presentò Coulson. I due si strinsero la mano. La presa di Ward era forte e decisa.

“Come il protagonista di 1984”, fece notare l’agente.

Winston annuì. Ormai ci era abituato. Quasi tutti conoscevano quel romanzo, che le scuole consigliavano come ‘dimostrazione della brutalità di un regime comunista’, il cui personaggio principale aveva il suo stesso nome.

“Comunque” riprese Ward. “Ho un piano per scoprire di più sul Progetto Rinascita. Uno degli scienziati che ci lavora, tale Timothy Wells, darà una festa domani sera, per festeggiare i suoi quindici anni al servizio dell’Hydra. Ci saranno molti invitati, troppi per i buttafuori. Io, te e Melinda ci entreremo, debitamente camuffati. Faremo ubriacare il buon dottor Wells (operazione che non sarà difficile, dato che è noto per presentarsi frequentemente sbronzo al lavoro) e gli faremo sputare il rospo. Sarà facile come bere un bicchiere d’acqua.”

“E io?” chiese Skye.

“Starai sul Bus con Fitzsimmons e Winston a supervisionare tecnologicamente la missione.”

“Ma…”

“Perfetto”, la zittì Coulson. “A quando l’appuntamento?”

“Domani sera, alle 9. Davanti all’ingresso del club ‘Heil Zola’.”

“A domani, allora. Agente Ward” si congedò Coulson.

“Agenti Coulson, May e Johnson… Winston” replicò Ward, prima di prendere una porta ed entrare nel palazzo.

Quando fu sparito dalla loro vista, anche gli altri quattro rientrarono nel Bus.

“Non è possibile!” si lamentò l’agente Johnson. “Non posso mai partecipare ad una missione!”

“Skye, è una missione pericolosa, che richiede molta competenza. Ti prometto che, non appena sarai pronta e il tuo addestramento completo, parteciperai ad una missione di importantissimo livello.”

Lei sbuffò mentre si sdraiava sul divanetto. “Dici sempre così. Invece di parlare a vanvera, continua la tua storia.”

Sebbene contrariato, Couslon riprese: “Dunque, l’Asse aveva appena vinto la sua guerra contro l’Internazionale. Tuttavia, i suoi nemici non erano finiti. Restavano Francia ed Inghilterra, ovvero quello che rimaneva della NATO, 'gli ultimi baluardi della democrazia’ li definì Charles de Gaulle nel suo ‘La svastica sul sole. Come i Nazisti hanno perso e poi vinto’, il libro che scrisse durante il suo esilio, ovviamente censurato dal Führer.

“Questa volta, i VRA trovarono non uno, ma ben tre casus belli: le rivendicazioni argentine sulle isole Falkland, quelle tedesche sull’Alsazia-Lorena e, dato che anche in Irlanda c’era stato un colpo di Stato fascista, pure le richieste irlandesi di annettersi l’Ulster.

“Così l’Argentina, la Germania e l’Irlanda dichiararono guerra a Francia ed Inghilterra che, per sopravvivere, diedero vita all’Unione Franco-britannica già proposta durante la Seconda Guerra Mondiale. Tuttavia, la Francia fu occupata abbastanza rapidamente, essendo circondata da Spagna, Germania e Italia. Non fu necessario neanche l’uso dell’atomica, che invece fu lanciata su Londra. L’Hydra finanziò anche dei movimenti nazionalisti e indipendentisti in Galles e Scozia. Così, anche gli Alleati caddero. L’Alsazia-Lorena tornò tedesca, la RSI si annesse Nizza, Savoia e Corsica e l’Irlanda ottenne l’Ulster, così come l’Argentina le Malvinas. La Francia divenne un regime sotto i vecchi collaborazionisti del regime di Vichy. In Inghilterra, Galles, Scozia e Cornovaglia furono create delle Repubbliche Nazionali, tutte vassalle dei Reiche.

“I paesi del Commonwealth divennero tutti Reichsprotektorate, tranne il Canada, che venne diviso in Reiche membri dei VRA e la Nuova Zelanda, dove la Regina Elisabetta fuggì e che fu omessa dalle cartine geografiche e dalla Storia. A proposito di Storia, dopo questa ennesima vittoria, avvenuta nel 1969, specialisti di tutto il mondo iniziarono a scrivere, o meglio, a riscrivere, l’unico manuale di Storia contemporanea autorizzato dall’Hydra, il ‘Geschichte Der Welt, von 1914 bis heute’.

“E così, alla fine, siamo giunti alla situazione politica che continua fino ai giorni nostri.” commentò l’agente.

“Ma qualcosa nel tuo tono di voce mi dice che non è finita qui, vero Phil?” intervenne Johnson.

“Hai ragione. Ricordate Peggy Carter, vero?”

Sia Winston che Skye annuirono.

“Bene, per non essere trovata dall’Hydra, aveva cambiato nome, abbandonato la direzione dello S.H.IE.L.D. e sposato un tale Paul Smith. I due avevano avuto un figlio e, siccome erano entrambi contro il governo di Zola, l’avevano voluto chiamare come il protagonista di un romanzo dispotico di successo, quindi…”

“Winston Smith, io.” mentre lo diceva, tremò. La sua cara madre non si chiamava Joyce Dugan, ma era una delle più grandi nemiche del Governo, la Peggy Carter che i libri di scuola gli avevano insegnato ad odiare, anche se lui non aveva mai ceduto al sentimento che invece pervadeva molti dei suoi compagni.

“Potete…” chiese, con un filo di voce. “… lasciarmi da solo per un po’?”

“Sì, Winston, ti posso capire…” disse Skye. “Ho avuto anch’io delle rivelazioni scioccanti sui miei genitori, se vuoi stare da solo ti posso lasciare la mia stanza.”

“Grazie, agente Johnson” replicò lui.

“Chiamami Daisy”. Poi, la ragazza lo condusse fino ad una stanza, gli aprì la porta e gli lasciò le chiavi. “Torna quando ti sentirai pronto.”

“Grazie, ag… Daisy” ripetè Winston, poi chiuse la porta e si sedette a pensare sulla prima sedia che trovò.

Il mondo nell'universo di « Der Rote Totenkopf » (vedi legenda a destra)

Il mondo nell'universo di « Der Rote Totenkopf » (vedi legenda a destra)

.

VI

Quando Winston uscì dalla stanza di Daisy sul Bus, il sole stava per tramontare. “È stata una giornata intensa, gente…”, commentò Coulson. “Penso che sia il momento per ognuno di noi di ritirarsi nella propria stanza. Winston, tu potresti prendere quella di Ward, che è di fronte a quella di Daisy…”

“Va bene, agente”, rispose lui.

“Chiamami Phil”, replicò l’altro.

Dopodiché, si ritirarono. Poco prima che entrasse nella sua stanza, Skye lo fermò: “Ehi, Winston… se hai bisogno di parlare di quello che hai scoperto oggi, io sono qui. Come ti ho detto, ho avuto anch’io un’esperienza simile.”

“Grazie, Daisy… solo che non me la sento ancora…”

“Posso immaginare… Buonanotte…”

“Buonanotte” rispose lui, prima di entrare nella camera.

Quella notte dormì poco. Pensò a lungo alle rivelazioni di quel giorno: non solo quelle su sua madre, che gli tolsero buona parte del sonno, ma anche quella sul mondo e sulla sua vera Storia. La versione di Coulson poteva benissimo essere falsa, ma, dentro di lui, Winston sapeva fosse quella giusta. Aveva sempre sentito qualcosa di sbagliato nella Storia che veniva insegnata a scuola. Si ricordò che, una volta, un suo compagno aveva detto, davanti all’insegnante, che suo padre e suo nonno sostenevano che Hitler non poteva vincere la guerra e soprattutto lanciare un’invasione navale degli Stati Uniti così in vasta scala. Il giorno dopo il ragazzo non era andato a scuola e non si era mai più visto. Gli insegnanti non commentarono mai la notizia e anche la madre di Winston gli aveva consigliato di fare altrettanto.

Il giorno dopo si alzò, dopo essere finalmente riuscito a chiudere occhio, con il sole già alto nel cielo. Non fece colazione, si lavò nel bagno annesso alla stanza e si vestì rapidamente, poi uscì e andò nella sala comune dove il giorno prima Coulson gli aveva raccontato quella che ormai era convinto fosse la verità.

“Buongiorno a tutti”, disse.

“Buongiorno, Winston! Alla buon’ora”, gli rispose Daisy, scherzando. Solo allora notò che lei, Fitz e Simmons erano gli unici nella stanza.

“Dove sono Coulson e May?” chiese allora.

“Sono scesi a terra ad organizzarsi con Ward per la missione”, gli spiegò Simmons, sorseggiando la sua tazza di caffè.

“Tra poco dovrebbero mettersi in contatto con noi”, aggiunse Fitz.

“Grazie, agenti Simmons e Fitz”

“Figurati, Winston. E puoi chiamarmi Leo”

“Anche a me puoi chiamare Jemma”

Winston sbadigliò. “C’è qualcosa che posso fare, in attesa che Coulson e May ci contattino?”

“Non saprei…” confessò l’agente Johnson. “Però su quel tavolo lì ci sono alcuni libri, tra cui "La svastica sul sole", le memorie di De Gaulle, sostanzialmente la versione estesa di quello che Coulson ci ha raccontato ieri…”

Lui si avvicinò al tavolo di cui l’ex-hacker aveva parlato e, dopo aver spostato un paio di libri, trovò quello che cercava: aveva una copertina nera, su cui era disegnata una piovra mentre inghiottiva un’aquila, che sapeva essere lo stemma degli Stati Uniti d’America, ma anche dello S.H.IE.L.D., e falce e martello, i simboli che l’Hydra insegnava a odiare a tutti i bambini dei VRA e del mondo. Sopra c’era scritto in piccolo il nome dell’autore, Charles de Gaulle, sotto al quale c’era il titolo e, in fondo, il sottotitolo "Come i Nazisti hanno perso e poi vinto". Lo prese e iniziò a leggerlo. Dopo una lunga introduzione scritta da uno storico italiano, Alessandro Barbero, fuggito in gioventù dalla RSI verso la Nuova Zelanda, dove si era specializzato in Storia Medievale, iniziava il primo capitolo, intitolato "1933. L’inizio della fine", dove venivano comparate la storia della salita al potere di Hitler secondo l’Hydra e quella vera.

Winston aveva quasi finito il capitolo 4, ovvero "1936. L’errore in Renania", quando il computer sul quale il giorno prima avevano ricevuto il messaggio di Ward cominciò a suonare. Gli agenti rimasti sul Bus più Winston andarono a sedersi sulle sedie lì davanti. Invece di vedere Coulson e May chiacchierare tutto sommato serenamente con Ward, videro i due agenti legati in una cella dell’Hydra, con davanti il loro carceriere: Ward!

Di fronte alla facce stupite di Daisy, Jemma e Leo, il traditore scoppiò a ridere. “Davvero non ve lo aspettavate? Loro sono prigionieri in un carcere di cui non vi rivelerò neanche sotto tortura il nome… e voi farete presto loro compagnia.” Rise ancora. Dopo che ebbe fatto il saluto romano dicendo “Heil Hydra!”, il messaggio terminò.

“Per gli occhiali di Zola…” disse Daisy, prima che sentissero un colpo provenire dal fondo dell’aereo.

.

VII

“Quelli erano i motori!” esclamarono in coro Fitz e Simmons.

Winston guardò fuori da un finestrino: dei caccia aerei dell’Hydra stavano attaccando il Bus.

Daisy prese in mano la situazione: “Allora, facciamo così: Leo, Jemma: andate a controllare i danni ai motori; Winston, vieni con me: cercheremo di pilotare quest’aereo.”

“Ma io…” tentò di protestare lui.

Mentre i due scienziati si dirigevano verso la sala motori, Skye lo esortò: “Tua madre pilotava anche aerei durante la guerra. Dovresti avercelo un po’ nel DNA, no?”

Winston storse il naso, non completamente convinto, ma, forse spinto dall’istinto di sopravvivenza, accettò e seguì Daisy nella cabina di pilotaggio.

“In realtà” confessò lei, mentre prendeva il posto del pilota e lui quello del copilota, “anch’io so poco: May mi ha insegnato qualcosa di teorico, ma non ha potuto rischiare col pratico.” Poi aggiunse, scherzando: “Sai com’è, con le pattuglie costanti dell’Hydra… rischiavo di schiantarmi contro un caccia del Führer”. Risero entrambi in contemporanea, poi però sentirono un altro tonfo provenire dal fondo dell’aereo. “Ok, forse è il caso di muoverci” commentò Daisy, prima di disattivare il pilota automatico, che per il momento li teneva fermi nei cieli sopra a Schiekago, e di prendere il controllo dell’aereo, tentando di evitare i razzi scagliati dagli aerei nemici.

Winston, totalmente in preda al panico, non poté fare a meno di notare che la fronte dell’ex-hacker era imperlata di sudore. “Cosa posso fare?” le chiese.

Skye era talmente concentrata sul tentare di pilotare il Bus che non sentì, o forse ignorò, la domanda e rispose al suo copilota solo dopo che egli l’ebbe ripetuta: “Ah sì, scusami! Attiva gli scudi. Il pulsante è alla tua destra.”

“Ho una dozzina di pulsanti alla mia destra” replicò lui, preoccupato.

“È blu” ribatté la pilota, tenendo gli occhi fissi sul radar.

“Ci sono quattro pulsanti blu!”

Daisy sbuffò, spazientita. “Non lo so! Cliccane uno a caso! Tanto l’autodistruzione è rossa, ne sono sicura!”

“Se lo dici tu…” disse Winston, timoroso, prima di tentare la sorte cliccando uno dei pulsanti. Una voce metallica allora esclamò: “Scudi attivati” e poterono entrambi tirare un sospiro di sollievo.

Tuttavia, non poterono distrarsi a lungo, siccome gli aerei dell’Hydra li incalzavano.

Ad un certo punto, nonostante Skye si districasse tra i vari ostacoli come un’aviatrice professionista, si ritrovarono circondati.“Sono da tutti i lati!” si lamentò, prima di imprecare. L’agente respirò profondamente, poi disse al suo copilota: “Winston… premi il pulsante arancione. Sono sicura che sia solo uno.”

“Sì, è uno” confermò lui, prima di schiacciarlo, fidandosi ciecamente. La stessa voce robotica di prima dichiarò: “Cannoni pronti all’uso.”

“Winston” Daisy si voltò verso di lui. “Vedi quei due grilletti dietro al tuo volante?”

“Sì.”

“Bene. Ora è il momento della controffensiva. Devi schiacciarli.”

“Cosa succederà?” chiese, incerto.

“Tu fidati di me. Quando ti dirò ‘Via!’, tu dovrai premerli ininterrottamente. Chiaro?”

“Ma…”

“Chiaro?”

“Sì.” disse lui, mettendo mano al volante e posando le dita sui grilletti.

“Bene.” commentò lei, prima di fare una manovra che chiunque avrebbe giudicato pazza. Iniziò a far roteare il Bus su se stesso, poi urlò: “Via!”

Allora Winston iniziò a sparare in continuazione e, nonostante credette più volte di star per vomitare, vide i caccia che li circondavano salire in aria e i loro piloti mettersi in salvo usando il seggiolino eiettabile.

Daisy li evitò, prima di fuggire rapidamente dallo spazio aereo della città e riattivare il pilota automatico solo sopra a spazi semidisabitati.

Lei e il suo copilota, con la testa che ancora girava per la manovra, uscirono dalla cabina di pilotaggio e si sedettero sui divanetti della sala comune, dove furono raggiunti da Fitz e Simmons, lievemente sporchi di carbone, poco dopo. Leo annunciò: “I motori sono salvi… per ora.”

“Però abbiamo bisogno di fermarci un attimo per sistemarli e, Daisy: non fare più manovre come quella di prima.” puntualizzò Jemma.

“Sì, scusatemi” replicò lei. “Non sapevo che altro fare. Eravamo circondati e…”

“Non hai bisogno di giustificarti, Daisy. Lo sappiamo.” la confortò Simmons.

“Quindi” disse Winston, riprendendo il discorso “abbiamo bisogno di un posto dove fermarci per riparare il Bus e anche riposare, giusto?”

“Giusto” risposero in coro i due scienziati.

“Penso di sapere dove potrebbe essere…”

“E dove?”

Lui sorrise e scherzò: “È il mio turno di essere enigmatico ora. Daisy, partiamo per Stafford, Kansas.”

Il Bus che parte dalla casa degli Smith-Carter in Kansas

.

VIII

Il Bus atterrò in un campo di mais, poco distante da una casa di campagna. Ciò che rimaneva del team di Coulson scese dalla rampa dell’aereo e seguì Winston che, con fare deciso, andava verso il portichetto davanti alla casa. Una volta che furono tutti e quattro arrivati, bussò alla porta.

Una voce maschile e giovane chiese da dietro alla porta: “Chi è?”

"Sono Winston, ho portato degli amici.”

La porta si aprì.

Dietro c’era un ragazzo sui venticinque, con i capelli castani e gli occhi azzurri, che indossava una camicia azzurra e dei jeans scuri. Tendendo la mano a Winston, disse: “Lei è il Signorino Smith, giusto? Io sono Edwin, Edwin Jarvis. Sostituisco papà Edward da quando è andato in pensione.”

“Edward è andato in pensione?” chiese Winston, mentre stringeva la mano ad Edwin ed entrava in casa, seguito a ruota dagli altri tre.

“Eh, già… papà era troppo anziano ormai… anche se nonno ha lavorato fino alla vecchiaia, devo dire…”

“Purtroppo non l’ho conosciuto, ma pare che il caro vecchio Edwin fosse una roccia… vero?”

“Già…” replicò il ragazzo. “Neanch’io ho fatto in tempo a conoscerlo…”

Intanto, Winston non si era accorto degli sguardi confusi di Leo, Jemma e Daisy, che gli chiese: “Winston, chi è lui? Ma soprattutto, dove siamo?”

“Ok, penso di dovervi un po’ di spiegazioni. Sedetevi pure sul divano.” Una volta che i tre agenti si furono seduti sul divano, iniziò a parlare: “Lui è Edwin Jarvis, maggiordomo di questa casa e badante di mia madre… perché sì, vi ho portato nella casa dove sono cresciuto e dove ho vissuto prima di trasferirmi a Neuhamburg per studiare e poi lavorare.”

“Ora capisco” commentò Leo.

“A proposito di sua madre, Winston…” lo interruppe Edwin.

“Dimmi.” replicò lui, voltandosi a guardare il maggiordomo con un volto preoccupato.

“… vede, sta molto male e volevo chiamarla, ma non mi rispondeva… per fortuna che ora è arrivato….”

Winston si fece scuro in volto. “Potevi dirmelo prima, Edwin… portami da lei. E dammi pure del tu. Daisy, Leo, Jemma: accomodatevi pure.”

“Va bene, Winston” replicò il ragazzo. “Seguimi”

Mentre percorrevano il corridoio in direzione della camera di Peggy Carter, o Joyce Dugan, come si faceva chiamare, i due furono raggiunti da Johnson.

“Daisy? Cosa ci fai qui?” le chiese Winston, stupito e anche un po’ contrariato.

“Vengo con voi.” rispose lei, prontamente. Quando vide che l’altro era sul punto di controbattere, gli mise un dito sulle labbra, dicendogli: “Non ho finito. Sei mio amico: in questo momento tua madre sta male e io voglio esserti vicina. Poi, vuoi mica che mi perda l’occasione di incontrare Peggy Carter?” Rimosse il dito dalle sue labbra. “Ora puoi parlare” commentò, sorridendo.

Lui sospirò. “E sia. Ma non combinare casini e lascia fare a me.”

Lei annuì, poco prima che Edwin bussasse alla porta. “Signora Smith… è sveglia?” chiese.

“Sì, Edwin, entra pure. Cosa c’è?”

“Ho una sorpresa per voi.”

“Sono vecchia, Edwin: non mi fai più sorprese.” replicò la voce di un anziana che proveniva da oltre la porta.

“Invece, signora, credo che stavolta la sorprenderò…”

“Va bene, allora mostrami questa sorpresa…”

Edwin fece cenno a Winston di entrare e lui, sorridendo, mise piede nella stanza che era stata di entrambi i suoi genitori, ma dove ora sua madre stava sola nel letto.

“Winston…” disse lei, sorpresa, gli occhi lucidi. “… pensavo che ti avrei rivisto solo attraverso uno schermo…”

Lui prese una sedia e la mise di fianco al letto, in modo da poter stare vicino a sua madre e stringerle le mani. “E invece no, mamma… eccomi qui.”

“Fatti abbracciare…”

“Va bene, mamma…”

Lei si alzò a fatica dal materasso e strinse il figlio in un abbraccio sincero, che durò per qualche minuto.

Alla sua fine, Winston confessò: “Mamma… devo dirti una cosa.”

“Riguarda la ragazza che ci sta guardando dalla porta?” chiese lei, in tono giocoso. “A proposito, dille pure di entrare.”

“No, mamma, Daisy è solo un amica…”

“Ne sei sicuro?” replicò la signora Smith, sorridendo giocosamente.

“Sì, mamma.”

Joyce rise. “Su, falla entrare, cosa aspetti? Non è mica galante lasciare una signorina ad aspettare…”

“Ma mamma…” tentò di ribattere Winston.

“Falla entrare”

“Dovevo dirti una cosa…”

“Me la dirai quando lei sarà qui con noi.”

“Sei davvero cocciuta, eh, mamma?” si lamentò il figlio, prima di fare cenno a Daisy di entrare.

L’agente, visibilmente emozionata, si avvicinò all’anziana e disse: “Signora Carter, è un onore per me conoscerla…”

La signora Smith fece finta di non capire: “Come mi hai chiamata?”

“Mamma” intervenne allora il figlio. “È quello che volevo dirti. So tutto. Di te, dell’Hydra, dello S.H.I.E.L.D.”

“Oh…” fece lei. “Allora penso di doverti un po’ di spiegazioni…”

“So già tutto, mamma. Ci ha già pensato l’agente Coulson.”

Peggy strinse ancora più forte le mani di Winston: “Mi dispiace, Win… Avrei voluto che, se mai fosse avvenuto, tu lo venissi a sapere da me…”

“Tranquilla, mamma…” rispose lui, prima di abbracciarla.

Terminato l’abbraccio, i tre continuarono a conversare a lungo e Winston notò che Daisy rideva sempre alle sue battute e viceversa; inoltre, si scambiarono degli sguardi abbastanza imbarazzati, ma carichi di elettricità, così come lui aveva percepito l’aria quando le loro mani si erano sfiorate.

La loro conversazione fu interrotta dall’arrivo di Edwin: “Signora Smith, mi sono permesso di preparare del tè per gli altri due visitatori ora accomodati nel soggiorno. Non è che anche lei e i suoi due ospiti lo desiderate?”

“Io no, grazie, Edwin. Voi due? Volete andare a berlo con i vostri due amici?”

“Se posso…” mormorò Daisy.

“Tranquilla, Daisy. Vai pure.” la rassicurò Peggy.

L’altra la ringraziò e si alzò, dirigendosi verso la porta. Sull’uscio, si fermò a guardare Winston. “Vieni?” gli chiese.

Lui guardò sua madre, che annuì, sorridendo. Gli sussurrò all’orecchio: “Tienitela stretta questa ragazza. Non lasciarla scappare.”

Il figlio non reagì a quest’osservazione della madre, perché, pur volendo contraddirla, una parte di lui sapeva che l’anziano agente Carter aveva ragione.

Il triste paesaggio di Mosca dopo i bombardamenti nucleari da parte dell'Hydra

.

IX

Dalla conversazione che Winston e Daisy ebbero con Fitz e Simmons emerse che i due scienziati avevano bisogno di fermarsi una settimana circa per riparare il Bus e, dopo aver chiesto informazioni ad Edwin, Winston constatò che avrebbe potuto ospitarli in casa, dato che aveva una camera degli ospiti (dove avrebbero dormito Fitz e Simmons) e lui cedette la sua vecchia camera a Daisy, decidendo di dormire sul divano-letto che c’era in soggiorno.

Il tempo volò e in breve giunse l’ora di cena. Edwin preparò una cena molto magra, siccome doveva seguire la dieta imposta dai medici all’anziana signora Smith: riso bollito come primo e, come secondo, un po’ di formaggio e spinaci bolliti. A rendere un po’ più godibile il pasto furono le fragole che i Jarvis coltivavano nel giardino della villetta di Stafford da almeno quarant’anni, se non di più.

Poco prima di andare a dormire, Winston andò a salutare sua madre. Rispetto a quel pomeriggio, le sue condizioni di salute sembravano essere peggiorate, ma lei sorrideva serena.

“Mamma…” disse Winston, dopo averla sentita tossire molte volte e averle misurato la febbre, che era molto alta. “Sei sicura che non mi devo preoccupare? Devo dire ad Edwin di chiamare il dottore?”

“Tranquillo, Winston. È un dolorino da nulla” disse lei.

“Mamma, mi spiace dirtelo, ma sei troppo anziana per percepire una febbre, o forse una bronchite, come ‘un dolorino da nulla’. Chiamo il dottore”

“No, Winston”

Lui la ignorò e fece per prendere il cellulare.

“Winston Paul Steven Smith…” Peggy lo stava guardando minacciosa. E il figlio sapeva che era abbastanza arrabbiata quando usava il suo nome completo.

“Va bene, mamma” si arrese lui. “Perché devi essere sempre così testarda, anche quando stai male?”

“Sai che lo sei anche tu quando vuoi, vero Winston? E restalo sempre”

“Non cambiare discorso, mamma. Sei davvero sicura che non debba chiamare il dottore?”

“Vai a dormire, Winston. Tranquillo.”

Lui la guardò storto, prima di avvicinarsi e baciarla sulla guancia. “Buonanotte, mamma.”

“Buonanotte, Win” replicò lei.

Uscito dalla porta, Winston si trovò davanti Daisy, che gli chiese: “Come va?”

Lui scosse la testa. “Male. È molto malata e, nella sua cocciutaggine, mi costringe a non chiamare alcun medico.”

“Ti posso capire, Winston” disse Johnson. “Sei sicuro di voler dormire sul divano?”

“Sì, Daisy, tranquilla.”

“Buonanotte, Winston”

“Buonanotte, Daisy” rispose lui, facendo per dirigersi verso il soggiorno.

I due si scambiarono un ultimo sguardo e Winston sentì l’aria farsi pesante, perché piena di elettricità. Poi si voltarono, lei andò verso la sua stanza e Winston verso il soggiorno, dove Edwin aveva già preparato il divano-letto.

Si mise sotto le coperte e, prima di dormire, lesse ancora alcuni capitoli de "La svastica sul sole", poi si addormentò.

La mattina dopo fu svegliato da un preoccupato Edwin. “Winston, svelto, vestiti! Stanno bussando violentemente alla porta.”

Lui obbedì, si sfilo il pigiama e indossò i vestiti del giorno prima. Poco dopo, anche Daisy, Jemma e Leo arrivarono in salotto.

Fuori continuavano a bussare. Edwin guardò dallo spioncino. Da come sobbalzò, Winston capì che la situazione era grave. Infatti il maggiordomo disse: “È SS Agent con due compagni! Io mi nasconderei, fossi in voi. Prendete l’uscita sul retro e avviatevi verso il vostro aereo.”

“Cos’è tutto questo trambusto?” chiese allora Peggy, che incredibilmente era riuscita ad alzarsi dal letto ed era ora in soggiorno.

“Mamma, torna a letto.” le disse prontamente Winston.

“Signora Carter, suo figlio ha ragione.” intervenne Daisy. “È una situazione delicata.”

“Questa è ancora casa mia, quindi qui decido io!” sbottò lei. “Edwin, cosa succede?”

Lui balbettò qualcosa di incomprensibile, essendo in mezzo tra due fuochi.

“Edwin!” lo rimproverò la signora Smith.

“E va bene.” cedette lui. “Qui fuori ci sono SS Agent e due soldati Hydra. È un miracolo che non abbiano ancora sfondato la porta. La mia idea è che voi scappiate usando la porta sul retro e saliate sull’aereo invisibile. Io li intratterrò e mostrerò loro che non c’è nulla di sospetto.”

“No”, si oppose l’agente Carter. “Edwin, tu scapperai con loro. Del resto, stanno cercando Peggy Carter dagli anni Sessanta: sono vecchia, e andrò incontro ad una morte da eroina, che ho sempre desiderato.”

Winston sentì le lacrime uscirgli dagli occhi automaticamente: “Mamma…”

“Winston, lo so che non è il modo migliore per salutarci. Ma, ora come ora, è l’unico. Fidati.”

Lui l’abbracciò. “Non voglio perderti… ti ho appena riavuta…”

Anche sua madre stava piangendo durante quell’abbraccio, che fu interrotto da un’imprecazione che proveniva fuori dalla porta:

“Aprite quella porta, herrführer nochmal! “ esclamò la voce di Jonathan Walker, che tante volte Winston aveva sentito nei documentari propagandistici sui Rächer.

Peggy interruppe l’abbraccio e baciò suo figlio sulla fronte. Gli diede in mano un fascicolo e un libretto rosso. “Tieni questi, ti saranno utili più avanti. Ora andate” disse.

Winston non riusciva ad andarsene e fu trascinato via in lacrime da Daisy, che aveva anche lei gli occhi lucidi. Seppe solo in seguito, leggendo un rapporto Hydra rubato, quello che accadde.

Sua madre aveva aperto la porta e detto a SS Agent, con un tono di sfida: “Chi stava cercando, bel giovanotto corrotto dal nazismo?”

Al che, lui aveva risposto: “Cercavo dei rinnegati S.H.I.E.L.D., che avevamo tracciato fin qui. Li avete per caso visti?”

“Penso ne abbiate una qui davanti”, lo aveva provocato, aggiungendo poi: “Sapete chi hanno baciato queste labbra?”

“No” aveva ribattuto lui, secco.

“Capitan America!” aveva urlato lei. “E non il vostro finto Kapitän Amerika… quello vero. Steve Rogers!”

“È impazzita, capo.” aveva comunicato uno dei due soldati Hydra a Walker.

“Sì.” aveva confermato lui, voltandosi verso l’uscita. “Terminatela. Io riferirò al Führer che Margaret Carter non è più una minaccia.”

I due avevano sparato e l’anziana non si era mossa. Era caduta a terra, sanguinante, e aveva pronunciato solo due parole, prima di spegnersi: “Paul… arrivo…”

.

X

Daisy, Leo, Jemma e Edwin dovettero trascinare Winston a forza per portarlo sul Bus. Le sue lacrime, già molte, aumentarono dopo che sentì i colpi di pistola provenire dall’interno della casa.

Una volta sull’aereo, lui si sedette su uno dei divanetti della sala comune, appoggio il fascicolo e il libro rosso sul tavolino di fronte a lui e continuò a piangere, consolato da tutti tranne Daisy, che si era invece diretta nella cabina di pilotaggio per scappare da quel posto.

Winston si maledì. Come gli era venuto in mente di coinvolgere sua madre in quella vicenda? Se solo non li avesse portati lì, lei sarebbe stata ancora viva.

Scacciò quei pensieri. Troppo dolorosi. Pensò a cosa gli avrebbe detto lei: “Smettila di piangerti addosso, Winston; ciò che è stato è stato e non può tornare indietro. Piuttosto di pensare a cosa hai sbagliato, pensa al tuo futuro e a cosa potresti fare per migliorarlo.” Gliel’aveva detto una volta, dopo che, da bambino, aveva schiaffeggiato un suo compagno durante un litigio, ma tornava utile ancora in quel momento.

Perciò si asciugò le lacrime con la felpa e guardò quello che sua madre le aveva lasciato prima di morire.

Vide che il libretto rosso aveva sulla copertina una scritta in quello che sembrava il dimenticato alfabeto sovietico, che lui non conosceva, quindi lo ignorò e prese piuttosto il fascicolo. Su di esso era timbrato un simbolo con un rapace e la scritta “SSR” sopra esso.

Simmons gli spiegò: “La SSR, o Strategic Scientific Reserve, era il corrispondente Alleato dell’Hydra Nazista, che portò alla nascita di Capitan America e di cui tua madre fu uno degli esponenti più noti. Dopo la fondazione dello S.H.I.E.L.D., venne assorbita in quest’ultimo.”

“Grazie, Jemma” rispose Winston, prima di notare il nome del fascicolo, datato 1955: “Capitan America: possibile locazione”.

Anche quando gli altri lo videro, rimasero stupiti. Incuriosito e senza indugio, Winston aprì il fascicolo ed iniziò a leggere la lettera che conteneva:

“CONFIDENZIALE.

Da: Agente Bradley Lloyd

A: Direttore Chester Phillips

Io, Bradley Lloyd, agente della SSR, sono stato mandato ad assistere una missione in Antartide e a riportare cosa si sarebbe scoperto al Direttore Phillips, che a sua volta avrebbe riferito al Presidente Eisenhower le scoperte. Tuttavia, mentre gli scienziati provvedevano al carotaggio del ghiaccio in una grotta, io mi sono momentaneamente allontanato e quello che ho visto mi ha lasciato stupito. In lontananza, brillava quello che sembrava uno scudo a stelle e strisce, simile a quello di Capitan America. Tuttavia, ho allontanato quel pensiero come sogno infantile. Ho pensato che il freddo mi stesse dando alla testa. Per curiosità, il giorno dopo sono tornato nello stesso luogo e ho visto nuovamente lo scudo, ma non mi sono avvicinato ulteriormente.

Con la presente chiedo quindi al Direttore di autorizzare una spedizione in Antartide per verificare se quello che ho visto potrebbe essere effettivamente lo scudo di Capitan America e se di fianco ad esso si trova il corpo a lungo perduto dell’eroe.

Allego anche le coordinate del punto esatto in cui ho visto lo scudo.

Cordialmente,

Bradley Lloyd.”


Sotto, quella che il figlio riconobbe come la fine grafia di sua madre Peggy annotava: “Lloyd si ammalò per il freddo qualche giorno dopo e morì. Nello stesso anno, la SSR confluì nello S.H.I.E.L.D. e questo documento andò quasi perso, fino a quando non lo ritrovai cercando di salvare il salvabile degli archivi dall’Hydra.”

Quando finì di leggerla, Winston rimase a bocca aperta, così come anche Fitz, Simmons ed Edwin dopo che l’ebbe passata loro.

“Questo significa…” iniziò a dire Jemma.

“…che abbiamo le coordinate per trovare, forse ancora vivo seppur congelato, Capitan America!” completò la frase Leo.

Lo comunicarono a Daisy, che riuscì a lasciare la cabina di pilotaggio solo dopo aver impostato il pilota automatico, e rimase anche lei sbalordita. “Dobbiamo dirlo alla Direttrice Hill! Dovremmo chiederle l’autorizzazione per una missione! Se trovassimo Capitan America…”

“Sì, Daisy” confermò Jemma. “Ma la Direttrice ora è al CDR e siamo sicuri che il Bus regga un volo fino alla Nuova Zelanda?”

“Fermi tutti!” le interruppe Edwin. “Cosa diamine è la Nuova Zelanda?”

“E soprattutto, cos’è il CDR?” aggiunse Winston.

“In breve: Edwin, la Nuova Zelanda è la nostra unica via di salvezza, l’unico pezzo di mondo che l’Hydra non ha conquistato e quindi ha fatto dimenticare; Winston, CDR sta per Congresso Delle Resistenze, ed è una riunione annuale che si tiene a Wellington, la capitale neozelandese, in cui i capi di tutte le Resistenze globali fanno il punto della situazione e decidono il da farsi. Oltre allo S.H.I.E.L.D. ci sono il KGB, l’MI6 e molti altri…”

Dopo che Edwin sembrò aver capito, Skye riprese il discorso: “Sì, il Bus ce la può fare. Però dobbiamo partire subito. Siete tutti sicuri di voler andare a Wellington?”

Tutti annuirono, anche perché non avevano altra scelta.

“Bene” disse lei. “Winston, seguimi in cabina. Si va in Nuova Zelanda, gente!”

.

XI

Winston e Daisy impostarono la rotta per Wellington, la capitale del Regno Unito di Nuova Zelanda. Ci sarebbero volute 16 ore. Appena lo seppe, Winston si stupì: sarebbero arrivati alle due di notte del giorno dopo.

Quindi, non appena il pilota automatico fu programmato, andò nella sua camera e impostò la sveglia per l’una e mezza: temeva si sarebbe dimenticato. Dopodiché, andò nella sala comune e continuò a leggere La svastica sul sole. Quella lettura si stava rivelando più interessante di quanto avrebbe mai potuto immaginare, ma gli serviva anche a fuggire da Daisy.

Mentre erano in cabina, i loro sguardi si erano incrociati più volte e Winston aveva faticato a sostenere il contatto visivo, così come aveva sentito una carica elettrica percorrergli il corpo quando le loro mani si erano toccate quando entrambi avevano premuto lo stesso pulsante.

Se non fosse stato per Fitz e Simmons, anche il pranzo e la cena sarebbero stati silenziosi in modo imbarazzante.

Infine, intorno alle nove e mezza di sera decisero di ritirarsi nelle loro camere e fu lì che avvenne.

Winston stava per entrare nella sua camera quando Daisy lo raggiunse e, prima di entrare nella stanza di fronte, gli disse: “Buonanotte, Winston”

Al che, lui rispose: “Buonanotte anche a te, Daisy.” Poi, decise di sciogliere l’imbarazzo facendo una battuta: “Ci vediamo tra qualche ora”

Risero insieme e, alla fine della risata, i loro sguardi si incrociarono nuovamente e una sorta di magia prese possesso dei loro corpi. Lei si avvicinò a lui e lui a lei, poi entrambi misero le loro mani sulle guance dell’altro e si baciarono appassionatamente.

La sveglia per Winston suonò all’una e mezza.

Di fianco a lui, anche Daisy si alzò ed entrambi si rivestirono. Non parlarono di quello che era successo tra loro quella notte, anche perché lui sarebbe stato molto imbarazzato a farlo.

Una volta pronti, si recarono in cabina di pilotaggio e fecero atterrare l’aereo sopra una pista con il simbolo dello S.H.I.E.L.D. disegnato sopra il cemento.

Non appena anche Leo, Jemma e Edwin furono svegli, scesero dal Bus. Venne loro incontro una donna abbastanza giovane, con due occhi azzurri e i capelli castani legati in una coda di cavallo. Indossava un’uniforme blu dello S.H.I.E.L.D.

Daisy le tese la mano. “Direttrice Hill”

“Agente Johnson” rispose l’altra, stringendogliela. Poi, sorridendo, aggiunse: “Solo tu potevi farmi svegliare a questa tarda ora.”

Dopo aver salutato Leo e Jemma, tese la mano a Winston.

“Tu dovresti essere…”

“Winston Smith, direttrice.” rispose. “Lieto di conoscerti.”

“Il piacere è tutto mio. Ho sentito di tua madre e ti faccio le mie più vive condoglianze. Non l’ho mai conosciuta, se non come eroina del passato. È morta da eroina, come è vissuta.”

“Grazie” disse lui, con gli occhi lucidi, come diventavano ogni volta che pensava a sua madre.

“E tu saresti?” chiese la direttrice, spostando la sua attenzione verso Edwin. “L’agente Johnson non ti cita nel suo rapporto”

“Sono Edwin Jarvis” si presentò lui.

“Era il maggiordomo dell’agente Carter” spiegò Daisy. “È fuggito con noi da SS Agent, ma non ho fatto in tempo a citarlo nel rapporto…”

“Non fa niente” rispose Maria Hill e Winston vide chiaramente Johnson tirare un sospiro di sollievo. “Su, muoviamoci e guardiamo quello che avete scoperto.” aggiunse dopo, iniziando a camminare dalla pista verso un edificio lì vicino.

Incerto, Winston guardò Daisy che gli sorrise e gli fece cenno di precederla. Lui obbedì e seguì la direttrice nell’edificio, che poi scoprì essere la principale base dello S.H.I.E.L.D. in Nuova Zelanda.

Andarono in una sala con un tavolo al centro; una volta lì, Hill ordinò: “Mostratemi questi famigerati documenti”.

Winston prese il fascicolo e il libro e li mise sul tavolo.

La Direttrice quasi ignorò il secondo, mentre prese in mano il primo, incuriosita, ed iniziò a leggerlo. Quando arrivò alla fine, i suoi occhi erano spalancati dallo stupore. “Se questi dati si rivelassero fondati, potremmo ritrovare Capitan America e avere un alleato, anzi un simbolo, nella lotta contro l’Hydra!”

“Inoltre” disse una voce dallo spicciato accento dell’Ostland, che apparteneva ad una donna decisamente attraente dai lunghi ricci rossi appena entrata nella stanza, “dimostrerebbe che la Storia così come raccontata da Zola è falsa.”

“Hai ragione, Natalia” convenne Maria Hill.

“Scusatemi per la scortesia” rispose l’altra donna, che Daisy guardava con evidente invidia. “Non mi sono nemmeno presentata: sono Natalia Romanova, seconda in comando, insieme alla mia sorellina Yelena Belova, di Vladimir Putin, capo del KGB”

Romanova strinse le mani ad ognuno di loro e Winston vide Daisy ingelosirsi mentre si presentava alla donna. Terminate le presentazioni, Hill chiese a Natalia, porgendole il libro rosso: “Nat, già che sei qui, ci potresti dare una mano con questo?”

“Certamente” rispose l’altra, prima di leggere: “Zimniy Soldat: kody zapuska i vyklyucheniya, che vuol dire qualcosa come Soldato d’Inverno: codici di avviamento e spegnimento”

“Se impariamo ad usarlo…” intervenne Fitz.

“…potremmo togliere il povero Bucky Barnes dal limbo in cui l’Hydra lo tiene!” terminò Simmons.

“Molto bene…” commentò Hill. “Anche questo verrà portato in Congresso. Ora torniamo a dormire: domani sarà una giornata intensa.”

.

XII

Il Palazzo del Congresso si ergeva, in tutta la sua bellezza, davanti a loro. Un grattacielo la cui facciata era fatta di solo specchi che riflettevano lo skyline della città. Da come rimasero a bocca aperta, Winston capì che lo vedevano per la prima volta anche Daisy, Leo e Jemma. Edwin non era voluto venire perché sosteneva che le grandi assemblee non facevano per lui.

Il loro stupore fu interrotto dalla disillusione della Direttrice, che di sicuro l’aveva già visto molte volte. “Su, non fate i turisti e sbrigatevi; del resto, avete già visto qualcosa di simile a Neuhamburg, no?”

Tutti la guardarono perplessi.

“Il Palazzo dell’Asse.” spiegò lei. “Questo palazzo è un’esatta replica del grattacielo del Segretariato delle Nazioni Unite, il quale è stato poi ridipinto di nero e i suoi specchi sostituito con vetri scuri.”

Allora tutto tornò nella testa di Winston e anche in quella di Daisy, come confermò la sua prolungata A di stupore.

Dopodiché, entrarono nell’edificio. Dopo aver consegnato in reception tutte le armi, arrivarono in una sala comune molto affollata.

Maria Hill venne raggiunta da un’altra donna alta con i capelli verdi: indossava degli occhiali da sole e, sulla giacca, portava un distintivo con una spada raffigurata sopra e poco sotto la scritta “S.W.O.R.D.”.

“Hill, questi sono i rampolli di Coulson? Non mi meraviglio che lui e May siano stati catturati!” disse la donna, ridendo sadicamente, prima di allontanarsi.

Daisy stava per replicarle, ma la Direttrice la bloccò con una mano. “Ferma, agente Johnson: non fare caso a lei. Abigail Brand adora infastidirci.”

“Chi era quella donna?” chiese allora Skye.

“Abigail Brand è la Direttrice dello S.W.O.R.D., una parte dello S.H.I.E.L.D. che si è distaccata con il tempo perché sostenevano troppo ‘morbida’ la linea di Fury” spiegò Hill.

Proprio in quel momento si avvicinò un gruppo di tre uomini: uno calvo, uno robusto e un prete abbastanza anziano. Il primo salutò amichevolmente Maria Hill dicendole, con uno spiccato accento siciliano che Winston aveva sentito in bocca ai molti criminali nei film sui mafiosi: “Sempre i soliti problemi con Brand?”

Lei rispose al suo saluto e confermò: “Già…”

“Questi i protetti di Coulson sono?” chiese poi, indicando Winston, Daisy e Fitzsimmons.

“Sì, sono loro.”

L’uomo strinse le mani a ciascuno di loro. “Il Commissario Salvo Montalbano sono, capo del Comitato di Liberazione Nazionale, la Resistenza italiana.” si presentò. Poi aggiunse: “Con me sono i miei vice, il Commissario Rizzo” e indicò l’uomo massiccio, che salutò con un cenno della mano, “e Don Matteo Bondini-Minelli” aggiunse, facendo cenno al prete.

Dopo questo giro di presentazioni, conversarono per un po’ e Winston trovò molto simpatici tutti e tre gli italiani. Alla fine, si allontanarono, ma il Commissario Montalbano assicurò che avrebbe votato a loro favore.

Dopo un po’ di tempo, le porte su cui la sala comune dava si aprirono e tutti entrarono. La Direttrice disse: “Seguitemi.”

La Sala del Congresso, come veniva chiamata, era meravigliosa e lasciò tutti a bocca aperta. Tuttavia, non ebbero il tempo di ammirarla: si sedettero sulle sedie loro destinate. Subito dopo, un uomo anziano entrò nella stanza e tutti, al suo cospetto, si alzarono in piedi. Una telecamera iniziò a riprenderlo e la banda al suo seguito iniziò a suonare un inno. Winston vide i rappresentanti dell’MI6 mettersi la mano sul cuore e riuscì a riconoscere qualche parola dal labiale del loro leader, James Bond.

“Quell’uomo è Re Carlo III del Regno Unito, figlio di Elisabetta II, la regina fuggita a causa dell’Hydra. Apre solennemente le riunioni del CDR più importanti con un suo discorso.” spiegò Hill.

Il monarca disse qualche parola sull’importanza della democrazia e della lotta all’Hydra, ma quasi subito concluse dicendo: “Ma ora lascio il posto a Maria Hill, neoDirettrice dello Strategic Homeland Intervention, Enforcement and Logistics Division, altresì noto come S.H.I.E.L.D.”

La Direttrice si alzò e fece cenno a Winston, Daisy, Leo e Jemma di seguirla, poi li guidò lungo il corridoio che dalle loro sedie portava fino al palco dove il sovrano aveva letto il suo discorso.

Una volta lì, ringraziò il sovrano, che lasciò il palco e si andò a sedere in prima fila con la sua scorta. Dopodiché, iniziò a parlare: “Concittadini di questo mondo, colleghi del CDR, amici: da lunghi anni ormai combattiamo contro l’Hydra e molte volte i nostri sforzi, i nostri sacrifici, le morti di molti nostri compagni e amici ci hanno fatto credere che la Libertà che ognuno di noi vuole ridare al proprio Paese sia una chimera irraggiungibile. Quando ho saputo che anche Nick Fury, il mio predecessore, era stato catturato, l’ho pensato anch’io e ho quasi pensato di rinunciare; poi, pochi giorni fa, la qui presente Daisy Johnson, una delle più recenti reclute dello S.H.I.E.L.D., mi ha inviato un rapporto con notizie stravolgenti. Da un lato, l’agente Grant Ward, uno dei nostri migliori sul campo, ci aveva traditi, consegnando all’Hydra Philip Coulson e Melinda May; dall’altro, però, Peggy Carter, sacrificandosi eroicamente contro SS Agent, aveva consegnato al figlio, il qui presente Winston Smith, un vecchio fascicolo SSR in cui l’agente Bradley Lloyd segnalava all’allora Direttore Chester Phillips una possibile posizione del corpo congelato di Capitan America. Dei miei assistenti vi stanno distribuendo una fotocopia di quel fascicolo proprio in questo momento, cosicché possiate consultarlo. Io chiedo, con effetto immediato, l’autorizzazione del Congresso per una missione in Antartide per recuperare Capitan America. Mi sono consultata con due nostri scienziati, Jane Foster ed Erik Selvig, che mi hanno riferito che Rogers potrebbe essere ancora vivo e mi hanno assicurato che abbiamo le tecnologie adatte per, passatemi il termine, scongelarlo. Se c’è anche solo una minima possibilità, dobbiamo provarci.”

Molti dei presenti bisbigliarono, perplessi.

Uno di loro si alzò. Era un uomo massiccio, alto, con i capelli scuri quasi rasati e due profondi occhi neri che incutevano timore. Era vestito da motociclista e non nascondeva le fondine che pendevano ai lati dei suoi jeans. Winston scorse Montalbano guardarlo con sorpresa e scuotere la testa in segno di disapprovazione.

Winston lo fece notare a Leo, di fianco a lui, che gli spiegò: “L’uomo che si è appena alzato è il camorrista Gennaro Savastano. Dopo che il Bestrafer ha sterminato quasi tutto il suo clan, ha giurato eterna vendetta contro l’Hydra, anche se fa il doppio gioco e finge di laborare per Kingpin. La sua cellula è in competizione con il CLN di Montalbano, che disapprova i suoi modi violenti e pragmatici.”

Savastano disse, con il suo spiccato accento napoletano: “Non abbiamo bisogno di supereroi. La loro era è finita e i pochi rimasti sono al soldo dell’Hydra. Uno di loro ha sterminato la mia famiglia. E dov’era Capitan America quando’è successo? Non abbiamo bisogno di lui!”

Il suo entourage scoppiò in un applauso, interrotto da un colpo di tosse.

Ad emetterlo era stato Vladimir Putin, capo del KGB. O almeno così intuì Winston, dato che era seduto tra Natalia e un’altra donna bionda, probabilmente Yelena Belova. Putin disse: “Compagno Savastano, anch’io ho pensato la tua stessa cosa ieri quando Natalia Romanova, la mia seconda in comando, me ne ha parlato per la prima volta: la Grande Madre Russia non ha bisogno di eroi! Abbiamo già scacciato dalla nostra patria i Nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale, lo faremo ancora una volta! Ci ho riflettuto e poi ho anche ascoltato le parole della Direttrice Hill: non so se anche tu hai avuto l’occasione, ma io ho conosciuto Peggy Carter. Era una delle donne migliori che questo mondo abbia mai avuto e, se lei si è sacrificata, significa che ne valeva la pena. Fidati.”

Quelle parole quasi commossero Winston, che, da lontano, ringraziò il capo del KGB con lo sguardo mentre quello si sedeva. Anche Savastano si sedette.

Altri leader delle varie resistenze espressero le loro opinioni, principalmente a favore della missione in Antartide: i principi T’Challa e Shuri del Wakanda ricordarono che Re Azzuri, loro nonno, aveva combattuto a fianco di Rogers contro l’Hydra durante il Secondo Conflitto Mondiale; anche James Bond ricordò affettuosamente Peggy Carter, mentre Abigail Brand continuò ad opporsi alla proposta.

Alla fine, Re Carlo III chiuse il dibattito e ordinò che ogni leader esprimesse il suo voto.

Al termine dello scrutinio, il monarca annunciò: “Vince questa votazione il sì!”

Tutti i membri della squadra si guardarono, increduli. Si batterono il cinque e, non riuscendo a trattenere la gioia, Winston e Daisy si baciarono.

.

XIII

Antartide, tre mesi dopo

Winston chiuse il diario di bordo. Non ne poteva più del clima e di molti altri fattori: come gli era venuto in mente di andare da solo su quel pezzo di ghiaccio? Poi si ricordò che non l’avevo scelto lui: c’era bisogno di qualcuno del team a cui Peggy Carter aveva affidato il fascicolo con su scritte le informazioni nella missione che era stata chiamata “Operazione Ghiacciolo”. Fitz e Simmons, nonostante fossero più adatti per l’aspetto ricercativo, non avevano esperienza sul campo in caso la stazione fosse stata scoperta e attaccata dall’Hydra, mentre Daisy aveva dovuto sostituire Ward come infiltrata nell’Hydra per il Progetto Rinascita. Winston cercava il più possibile di non pensare a lei: gli mancava troppo.

In realtà solo non era: c’erano molti ricercatori provenienti da quasi tutte le Resistenze, comandati da Erik Selvig e Jane Foster (capitani della spedizione), e Putin aveva anche voluto inviare anche Yelena Belova, mentre Natalia aveva affiancato Daisy come infiltrata nell’Hydra. Sebbene all’inizio sembrasse un po’ timida e scontrosa, la seconda in comando del KGB si era rivelata la cosa più simile ad un amica che Winston avesse avuto in quei tre mesi; peccato che ora fosse presa da un altro progetto, che la teneva impegnata per quasi tutto il giorno.

Andò nella sala comune della stazione di ricerca e lì trovò un gruppo di scienziati –dalla lingua che parlavano parevano italiani. Fingendo di ignorarli, Winston si sedette sul divano e prese il telefono.

Aprì l’applicazione che usava per i messaggi per scrivere a Daisy, ma subito il telefono gli vibrò: era Yelena che lo chiamava. Rispose e se lo avvicinò all’orecchio: “Dimmi tutto, Yelena.”

“Tu hai letto « La svastica sul sole », giusto?” gli chiese la russa.

“Certo… l’ho finito un paio di mesi fa…” rispose lui.

“Puoi venire qui? Penso che il nostro ospite abbia bisogno di una lezioncina di Storia.”

“Ovviamente.” Winston riattaccò, si alzò dal divano e si diresse, attraverso i corridoi della stazione, alla palestra, dove l’agente del KGB passava la maggior parte del suo tempo. Spinse la porta ed entrò.

Davanti a sé, oltre a Yelena, si trovò anche un uomo che sembrava fuori dal tempo, uscito da un film di fantascienza come Zurück in die Zukunft. Nella sua tuta a stelle strisce e in una forma smagliante pur avendo più di cent’anni, di fronte a Winston c’era Steve Rogers, alias Capitan America.

.

XIV

Passò ancora un mese prima che Rogers fosse giudicato pronto per scendere in campo dalla Direttrice Hill.

Lui, Winston e Yelena furono i primi ad andarsene prima che la stazione fosse smantellata.

“Che la fortuna vi assista” disse Selvig, salutandoli.

Lo stesso fece Jane Foster, aggiungendo: “So che può sembrare un ulteriore peso, ma… il mondo conta su di voi. Salvatelo”

“Ho già avuto il peso di una nazione sulle mie spalle, signorina Foster” le rispose Rogers, facendo il saluto militare. Finiti i saluti, il trio salì sull’aereo. Quasi subito, Rogers prese La svastica sul sole (Winston gliel’aveva prestato dopo averlo finito) dal suo zaino e si sedette isolato dagli altri.

Dopo circa un’ora di viaggio, Winston sussurrò a Yelena, che aveva più intimità con Capitan America per via delle ore che avevano passato insieme in palestra, molte di più di quelle che il supersoldato aveva trascorso studiando la Storia con Winston: “Cos’ha Cap?”

“Non saprei. È da un po’ di giorni che è così… forse teme il mondo esterno?”

“Bé, in effetti… anch’io avrei paura di confrontarmi con un mondo di ottant’anni più giovane di me e in cui dominano i nemici che ho combattuto per una vita intera…”

“… e in cui, soprattutto, il tuo migliore amico è diventato una marionetta nelle mani dei già citati nemici.” intervenne Rogers, sorprendendo sia Yelena che Winston. “Nonostante voi abbiate provato a nascondermelo, mi sono documentato sui Rächer, o come si chiamano… e ho riconosciuto il nome, seppur storpiato, di Bucky nella scheda su Kapitän Amerika.”

Il sangue nelle vene del figlio di Peggy Carter si gelò e, come intuì dallo sguardo che si erano scambiati, lo stesso era accaduto alla seconda in comando del KGB.

“Steve…” provò a dire lei, ma Rogers la interruppe subito, con tono pacato: “Non dovete giustificarvi: non ve ne sto facendo una colpa e probabilmente anch’io avrei fatto lo stesso. Però vi chiedo solo un po’ di comprensione se starò solo per un po’.”

“Va benissimo, Cap. Se hai bisogno, noi siamo qui” rispose Winston, sfoggiando il suo migliore sorriso empatico. Mentre l’inviato dello S.H.I.E.L.D. osservava il Capitano tornare al suo posto a leggere, pensò che lui e quella leggenda vivente avevano qualcosa in comune: in poco tempo, la loro vita era stata stravolta. E forse solo in quel momento si accorse di quanto la sua esistenza fosse cambiata da quel freddo giorno di gennaio in cui era stato rapito da Coulson. Povero Coulson, pensò: chissà dov’era finito, se era ancora vivo. Winston scartò quest’eventualità dalla sua mente: Coulson non poteva essere morto, doveva essere ancora in vita.

Per distrarsi da questi pensieri, prese il libro che aveva iniziato in Antartide: The Triumphant Eagle, di Lorenzo Anteri (noto internazionalmente come Lorentz Anthärie). Nonostante l’autore, originario della Repubblica Sociale Italiana, fosse stato marchiato come criminale dal RAfUch (ReichsAmt für Uchronie, ovvero il Ministero del Terzo Reich che controllava la diffusione di storie alternative), il romanzo era diventato un bestseller in Nuova Zelanda, dove l’autore si era rifugiato scortato dagli agenti della cellula S.H.I.E.L.D. Das Waldlein, comandata dall’intrepido William Riker (chiamato Wilhelm Rayker sui manifesti da ricercato). Il romanzo raccontava di un mondo dove l’Hydra non dominava il mondo (proprio per questo era stato indicizzato come “libro proibito”) e in cui un gruppo di agenti dello S.H.I.E.L.D., insieme ad alcuni dei supereroi chiamati Avengers, sventavano un tentativo da parte dell’Hydra di prendere il potere. Per certi versi, era molto simile ad un altro romanzo ben più famoso, cioè La locusta si trascinerà a stento di Philipp K. Dick: quest’ultimo non era bandito dal Führer, ma solamente sconsigliato perché il suo punto di divergenza era inserito nella Storia come raccontata dalla Geschichte Der Welt.

Tra queste riflessioni e letture, il tempo volò e in breve arrivarono in Nuova Zelanda. Ad attenderli sulla pista di atterraggio c’erano non solo Hill, Putin, Montalbano e Bond (le loro Resistenze erano state quelle a contribuire di più alla missione), ma anche Re Carlo stesso. Il monarca fu il primo ad essere salutato da Capitan America quando questi scese dall’aereo. Rogers fece per inchinarsi, ma Carlo lo fermò: “Non serve, Capitano. Dovrei essere io –se non fosse per la mia età avanzata– ad inchinarmi al Tuo cospetto. Sarai la scintilla che scatenerà il fuoco della libertà. Sarai colui che riporterà il mondo com’era prima che uccidessero Kennedy. Avevo solo 15 anni quando Zola si proclamo Führer dei Vereinigten Reiche e ventuno quando mio padre morì per il bombardamento nucleare di Londra, permettendo a me, alla mia cara madre e ai miei fratelli di fuggire qui in nuova Zelanda. Da allora sogno che qualcuno vendichi mio padre, e con lui tutte le persone uccise dall’Hydra.”

“Ti capisco, Maestà.” rispose Rogers. “Anche se non conta quanto un padre o un intero popolo, l’Hydra ha preso Bucky, il mio migliore amico, quasi un fratello per me, l’ha torturato, gli ha fatto il lavaggio del cervello e l’ha trasformato in un suo scagnozzo. Ti prometto che farò il possibile affinché Zola e compagni paghino amaramente quello che hanno fatto a tutti i popoli della terra, soprattutto quello russo, privato della sua lingua, della sua cultura e della sua identità e ridotto in una quasi totale schiavitù” aggiunse poi, rivolgendosi con lo sguardo a Putin, che lo ringraziò con un cenno della testa.

Dopo la stretta di mani con i capi del KGB, del CLN e dell’MI6, Capitan America salutò la Direttrice Hill.

“Vorrei stare qui a scambiare chiacchiere, Capitano” disse lei. “Ma ci sono giunte importanti notizie dalle nostre infiltrate: in questo momento si trovano nella non distante Treffpunktstadt, una volta chiamata Canberra, capitale del Reichsprotektorat Südland. Seguitemi, le informazioni sono abbastanza confidenziali.”

“Direttore Bond, lascio a voi il diritto di rappresentarmi.” disse Carlo III.

“Ma non dovrebbe essere il Generale Hamilton a rappresentarvi nelle riunioni ufficiali?” si oppose l’ex-agente 007.

“Il Generale Hamilton mi rappresenta per la Nuova Zelanda” replicò Carlo. “Ma da oggi, io torno ad essere Re d’Inghilterra – e voi sarete il mio Primo Ministro.”

Detto questo, il monarca si congedò, lasciando tutti a bocca aperta. O meglio, quasi tutti. Hill infatti disse: “Su, muoviamoci – delle informazioni di importanza non indifferente ci attendono.”

[continua]

Lorenzo Anteri

.

Lasciamo ora spazio al racconto di Sandro Degiani, scritto nel marzo 2004:

Ritorno al passato

Supponete di trovare parcheggiata sotto casa la DeLorean con cui nel 1985 Marty McFly tornò indietro di 30 anni in "Ritorno al Futuro".  Nella vostra buca delle lettere un mazzo di chiavi ed un bigliettino:  “E’ tua per un giorno - BUON DIVERTIMENTO!”
Qui c’è un po’ di “copiatura” e di presa in prestito di un mezzo da un film… ma è solo una scusa per rendere possibile un confronto tra un futuro desiderato nel passato ed un presente che non è il futuro sognato. È chiaro.. ? No? Allora leggetevi il racconto!

.

DESTINAZIONE.... Marzo 1973. Qui non incontrate vostra madre e vostro padre, non c'è da cambiare la vostra vita secondo la legge del successo e del sogno americano. Supponiamo invece che incontriate una persona vostra coetanea, che so, una ragazza, a cui siete ansiosi di raccontare come cambierà la sua vita nei futuri 30 anni: il suo futuro, il vostro passato.

Prima le domande storiche, le più importanti: niente guerra mondiale nucleare, la fine della guerra in Vietnam, l’invasione dell’Afghanistan da parte dell’URSS con il conseguente boicottaggio delle Olimpiadi , un nuovo Vietnam per la Russia e il conseguente crollo del sistema socialista, i paesi ex-comunisti entrati nella NATO, l’Europa dei 22 dalla Spagna alla Turchia, L’Euro e la scomparsa del Franco, del Marco,  della Peseta della Dracma, la ex-Jugoslavia, il Kossovo e dintorni, il Kuwait nel 1992 e la futura annuciata guerra, forzata e inutile, in Iraq. E ancora Bin Laden, le twin towers. e l’11 Settembre,  In Italia, il sequestro Moro, le Brigate Rosse, il PSI di Craxi, Tangentopoli, l’esilo di Craxi ad Hammamed e l'ascesa di Berlusconi politico.

Ma la vostra amica è ansiosa di conoscere, e voi friggete dalla voglia di raccontarglielo, i meravigliosi progressi della tecnologia da allora a oggi.

Ragazza: - Si può andare in gita sulla Luna?-

Voi: -Beh, no... veramente dopo il programma Apollo non ci siamo più andati…!

R.: - Ma su Marte ci siamo andati vero?

V.: - Beh, ogni tanto si fa’ un progetto ma poi tutto finisce li. ci vuole troppo tempo, troppi soldi…

R.: - Ma c’è una Stazione Spaziale in orbita?

V.: - Beh, c’era quella Russa degli anni ’70 ma era vecchia ed venuta giù, adesso ne stiamo facendo una nuova ma due Shuttle sono esplosi e ne restano solo due e non riusciamo più a rifarne altri,  non ce la facciamo a mandare su tutti i pezzi che servono ma forse tra dieci anni riusciamo a finirla senza la parte Europea.

R.: -Abbiamo trovato un combustibile alternativo al petrolio?-

V.: -No, credo di no…

R.: - Fusione nucleare?

V.: -Non ne parla più nessuno...

R: - Ma almeno non muore più nessuno di fame... vero?

V.: - Solo qualche milione di bambini all'anno... e quasi solo in Africa! In India sono riusciti ad essere autosufficienti come cibo e muoiono solo più per i monsoni, i terremoti, le malattie, l’AIDS e le guerra strisciante con il Pakistan.

R.: - Possiamo volare, spostarci velocemente?

V.: - Beh non proprio, usiamo ancora i Jumbo Jet.... e il Concorde non vola più! Ma il prossimo Airbus porterà 800 passeggeri e costa di meno andare a Londra in aereo che in treno.

R.: - E  i trasporti pubblici? Quanto ci vuole per attraversare il centro di Milano? Torino ha la Metropolitana?

Anche qui, nessuna buona notizia....

R.: - Ma le auto vanno ad idrogeno vero? Sono sicure, guidate elettronicamente, hanno il radar e non ci sono più incidenti per la nebbia…

V.: - Veramente solo Sabato scorso per la nebbia si sono tamponati in 200 e ne sono morti 18 sulla Milano Venezia... però le auto sono tutte catalizzate!

R.: -Beh, allora sarà calato l'inquinamento nelle città?-

V.: -No...

R.: -...nel mondo?-

V.: -No, ma il buco nell'ozono dicono che si sta richiudendo, per il 2050 forse tutto tornera come prima e potremo prendere il sole senza paura di prenderci un cancro alla pelle!

R.: -Dimmi tu, allora, cosa è cambiato in meglio?

V.: -I telefonini...-

R.: -Cosa c'entrano? Quelli ci sono anche adesso.-

V.: -No, da noi sono... portatili, e più piccoli, e poi ce l'hanno tutti, anche i bambini-

R.: -Che necessità c'è che tutti (anche i bambini?) abbiano un telefono portatile?-

V.: -La comodità, la reperibilità...-

R.: -Senti, per noi la reperibilità è un problema, ci sono aziende che pagano cospicui extra per averla temporaneamente dai propri dipendenti, e voi la considerate un vantaggio?-

V.: -... ma poi ci sono gli SMS, i GSM, gli UMTS, puoi fare delle fotografie digitali e trasmetterle via IRSA o anche via MMS, poi c'è anche il WCDMA, il GPRS -

Dal suo sguardo un po' schifato capite che butta male, e cambiate discorso:

V.: -I computer! Ce ne sono di potentissimi!-

R.: -Alludi alle macchine per fare i calcoli, che usano i militari, o che alcune aziende usano per fare contabilità e paghe a altre aziende?-

V.: -Sì, quelli. Ma da noi sono molto più potenti. E costano poco! Pensa, ce n'è praticamente uno in ogni casa!-

R.: -Interessante, ma a che cosa vi servono?-

V.: -Per giocare a solitario! ... ma anche per scrivere, mandare messaggi-

R.: -Anche noi facciamo queste cose, senza le vostre macchine "potentissime"-

Un'improvvisa illuminazione:

V.: -Ci colleghiamo a Internet!-

R.: -Che cos'è?-

V.: -Una rete che collega i computer: università, biblioteche, centri di ricerca...-

R.: -Beh, una cosa del genere credo che esista anche ora.-

V.: -Ma fra trent'anni tutti i computer del mondo saranno connessi tra loro.-

R.: -Tutti?-

V. (barando un po'): -Tutti!-

R.: -Ma cosa potremmo farci io, mio fratello e, soprattutto, mia mamma con una connessione di calcolatori in rete?-

V.: -Potreste scaricare le suonerie ed i loghi per il cellulare, gli aggiornamenti agli antivirus, sai, per la sicurezza. E poi inoltrare le catene di S. Antonio via mail... quello che fanno tutti.-

R.: -No, calma. Ora mi spieghi tutto quello che hai detto, antivirus, sicurezza-.

V.: -Lascia perdere...

In preda ad una cocente umiliazione riprendete posto sulla DeLorean, digitate marzo 2003 e partite scomparendo nel nulla, lasciando solo due scie di fuoco, sperando che almeno quelle facciano colpo.

Solo a viaggio ormai irreversibile, vi viene in mente che avreste potuto citare i progressi della medicina, il fatto che che oggi dal cancro si può guarire. Ma lei, con quello sguardo strafottente, avrebbe sicuramente trovato di che ridire anche su questo. Già, lei. Dove l'abbiamo lasciata?

Non l'avevate notata, parcheggiata nella viuzza laterale, una DeLorean simile alla vostra.

Lei sale, impugna un microfono, dice: -Operazione "un altro mondo è possibile": forse ne ho convinto un altro. Torno alla base.

La ragazza digita "Marzo 2033" e scompare tra due scie di fuoco.

Sandro Degiani

.

Dopo 5 anni l’ho riletto e non riesco ad aggiungere molto alla lista delle conquiste della nostra Civiltà rispetto al 2002… c’è stata la Seconda Guerra del Golfo, il prezzo del petrolio è aumentato, l’Effetto Serra anche, da Messina a Reggio Calabria si va ancora in vaporetto… la nuova Alfa Romeo che stiamo progettando per il 2009 avrà un nuovo motore FIAT… un turbo a benzina di 1400 cc.
Ragazza mia, ritorna indietro che ne hai ancora da convincere!

.

Illustrazione della brillante disegnatrice Virna Raimondi

.

La palla passa a Spartaco Mencaroni:

Prezzo di Mercato

Vi do volentieri in pasto questo breve racconto distopico sulla Guerra di ndipendenza Americana, che nasce da un concetto forse interessante per il gruppo: l'intera campagna è stata segnata, per i coloni, da un'impressionante numero di sconfitte sul campo e da una quasi costante inferiorità strategica e tattica. Alla fine, si può dire che più che i cannoni, a vincere la guerra per gli USA furono la presenza di alleati ingombranti, in primis la Francia, e le ripercussioni della guerra sulla scena politica internazionale (oltre che i costi e la crisi economica dell'Inghilterra pre-industriale).

Ma cosa accade se uno soltanto di questi fattori viene meno, lasciando un equilibrio sospeso? Se la Francia non scende in campo a fianco delle Colonie e la situazione si cristallizza, con le Colonie battute e formalmente legate alla madrepatria, ma percosse da una inesauribile fibrillazione di rivolta e malcontento?

Qui, l'esito di un possibile scenario in cui questo stato di cose si protrae per 300 anni. Nella Timeline propedeutica a questo racconto, la Dichiarazione di Indipendenza non è mai stata firmata e i signori Washington, Jefferson e Adams non sono nati nel XVIII secolo...

.

- Un’altra pinta, ragazza!

In risposta al suo sguardo eloquente, faccio comparire sul tavolo un mucchietto di talleri. Diavolo, me la posso permettere: gli inglesi sono dei gran bastardi, ma pagano bene.

Sono entrato nella bettola poco prima del tramonto, seguendo una rotta confusa fra le baracche lungo il fiume. La luce metallica del cielo sopra l’Atlantico punteggiava di riflessi inquieti la distesa di tetti bassi, che digradano verso il basso corso del Charles River, tingendosi di toni ad ogni istante più cupi. Ho scelto questo tavolo, vicino alla finestra, e attraverso i vetri bisunti osservo morire il giorno: mi fa compagnia un boccale pieno di piscio chiaro e schiumoso che qui nelle Colonie si ostinano a chiamare birra. Un uomo potrebbe affogare in un barile di questa roba, prima di riuscire ad ubriacarsi come si deve.

I seni della cameriera si allontanano ballonzolando. La ragazza si gira e io rimango a fissare i suoi fianchi generosi che ondeggiano fra i tavoli, fino a scomparire nei meandri fumosi del locale, come uno vecchio veliero fra le nebbie della baia. In un istante, l’assalto dei ricordi mi piega lo stomaco in una morsa crudele: mentre cerco di non crollare dalla sedia, penso per l’ennesima volta che tornare a Boston sia stato un errore.

Nel buio galleggiano gli occhi di Elize; il ricordo di quelle gemme di cobalto, scure come l’oceano furioso di burrasca, mi ha dannato. Mi inseguono da dentro, spingendomi verso un destino di cui non conosco l’esito e che non posso evitare. È successo tre notti fa, mentre gli uomini della guarnigione sfondavano le paratie del Perroquet, verso poppa, sorprendendo tutti gli altri nei loro letti; in quell'attimo la mia anima era dentro di lei, più di quanto lo fosse il mio corpo; al culmine della passione inestricabile, che ci aggrovigliava sulle lenzuola sudate, quegli occhi li avevo visti brillare, selvaggi di vita, scintillanti di un’estasi che – lo capii solo in un istante – non avrei mai più ritrovato.

Distolsi lo sguardo dal suo corpo candido, che si dibatteva come una farfalla fra le mani ruvide dei soldati, mentre la trascinavano fuori. La vidi poco dopo, tremante sul molo, avvolta in un telo lacero che le avevano gettato addosso. Era incatenata con gli altri ragazzi. Tom e John stavano in piedi con l’aria intontita, strappati al sonno della vigilia di quel giorno fatto per una gloriosa battaglia, a lungo preparata. Sul mare aleggiava già l’alba che li avrebbe visti invece penzolare della forca. Quando passai davanti a loro, scortato da due gendarmi, tutti loro mi fissarono una sola volta, per poi distogliere gli occhi con disprezzo. Tutti tranne lei: Liz mi tenne lo sguardo addosso per tutto il tempo nel quale percorsi la banchina, aprii le mani per ricevere il prezzo del mio tradimento, e infine mi inoltrai nell’ultima ora della notte. Sentivo le sue pupille grigie che mi trapassavano l’anima, sapendo già che non era rimorso, quel che provavo, ma rimpianto per averla perduta.

- Ehi! Sveglia!

Lame di luce si conficcano nel cervello; sono le urla e il tocco della mano rude del locandiere. Ondeggio, mi alzo. Metto a fuoco un volto tozzo e ottuso, chiazzato di grasso.

- Se vuoi dormire, affitta una stanza.

Con un miracoloso palpito di lucidità, indovino la direzione del suo sguardo avido e allungo la mano sul portamonete, che giace invitante sopra al tavolo.

- Un’altra volta, amico.

Stento a riconoscere la mia stessa voce, impastata di alcool e rammarico. Pochi istanti dopo l’aria della notte mi schiude nuovamente le braccia. Dio, perché sono rimasto qui? A cosa può servire? Qualunque cosa faccia non la riporterà in vita, e nemmeno i ragazzi. Ma una parte di me finge di credere che non sia inutile, che le loro vite ne risparmieranno molte altre.

Scivolo per le strade di periferia, affondando nella foschia e nella penombra, lontano i viali illuminati e le sontuose passerelle in stile europeo della nuova Boston. Ben presto riconosco i luoghi; sento con l’anima l’atmosfera dei miei giorni più folli; nel naso, l’odore di coperte bruciate e salsedine dei dock. Quaggiù l’umida fragranza del legno si mescola al sapore metallico della libertà, sempre più intrisa di sangue. Per un attimo sento riaffiorare l’antico palpito, che mi fece imbracciare le armi e correre dietro a tutte quelle panzane, buone per gli idealisti con conversano al caldo dei salotti scintillanti di Philadelphia, o fra i fruscii di gonnelle a Parigi.

Fuochi sui bidoni e cumuli di immondizia punteggiano il familiare orizzonte; due file di vecchie facciate, corrose dal mare e dal fumo, che scendono verso il mare come i bordi infetti di una tortuosa ferita. In mezzo alle case, stravaccata sulle rovine fangose del marciapiede, brulica un’accozzaglia di corpi senza speranza, che ipocritamente, dopo una lercia carneficina, definiamo “liberi”.

Ed eccoli qui, i figli della libertà! Donne lacerate nei bordelli, uomini stroncati nei campi di battaglia, bambini cenciosi, ridotti a contendersi il cibo con i topi. Ecco un popolo piegato dall’umiliazione e spinto con la faccia a terra; i suoi soldati, perennemente sconfitti, non sanno più guardare in faccia i loro figli e giacciono accanto ai commercianti falliti, strangolati dalle tasse dell’impero. Sono i rifiuti dell’indipendenza, l’aborto di un Paese che è rimasto seduto troppo a lungo al tavolo verde della Storia, consapevole di non avere buone carte da giocare.

Questa irrimediabile agonia è l’unico risultato di una guerra schifosa che si trascina inutilmente da tre secoli. Un cicalio sommesso e una vibrazione dietro al collo mi avvertono di essere giunto a destinazione. Un anonimo portone scrostato maschera perfettamente una lastra di vetrocemento e titanio, dalla quale spuntano i tasti di una pulsantiera a sensore biometrico. Fisso negli occhi il meccanismo che mi schiude l’accesso alla caserma della Polizia Imperiale.

Un volto ottuso di mercenario tedesco si schiude in un sorriso sbilenco mentre lo scanner retinico gli comunica chi sono.

- Herr Washington… - sussurra, con il sordo disprezzo che anche i vincitori riservano ai voltagabbana.

Mentre scivolo dentro, il microdisco della Dichiarazione di Indipendenza mi pesa contro il fianco: non riesco a tenere fuori dalla mente il pensiero della cifra che mi daranno in cambio… Gli occhi di Liz mi costringono a pensare a Jefferson e Adams: rivedo i loro volti, mentre il boia li preparava per l’iniezione letale. Sembravano più perplessi che spaventati, incapaci di comprendere cosa fosse andato storto, quella mattina del 4 luglio 2076, e perché mai la Rivolta di Boston fosse fallita.

Spartaco Mencaroni

.

Così commenta Enrico Pellerito:

Complimenti. Ti dirò che se non ci fosse stata la tua spiegazione iniziale sul contesto temporale, ho percepito all'inizio come se la storia avvenisse nel 18° secolo, mentre siamo ben dentro il 21°, e questa impressione è magistralmente esposta.

Un solo appunto, trattasi non già di una mancata guerra di secessione, altrimenti conosciuta come guerra civile, bensì di una mancata guerra d'indipendenza, che negli USA è conosciuta anche come rivoluzione americana.

Ma su quali basi far si che ancora esista un impero britannico dopo tutti i sommovimenti che hanno "sconvolto" il mondo, compresi la corona e il governo di Sua Maestà, durante l'800 e dopo due conflitti mondiali?

Tutto ciò che ha scosso il panorama globale in termini di lotte sociali, presa di coscienza popolare, ottenimento di diritti civili, potrebbe mantenere ancora un controllo sulle "colonie" a meno che non venga applicata una politica dittatoriale?

.

Gli risponde l'autore:

Il bello della narrativa fantastica è che non si deve spiegare tutto  ;-)  Scherzi a parte, l'idea alla base di questa distopia è che gli Inglesi abbiano mantenuto appunto un controllo dittatoriale sulle loro colonie. Senza la presenza degli USA sulla scena mondiale, e con la Corona britannica che mantiene i propri domini d'oltreoceano, anche gli imperi sovranazionali europei potrebbero superare lo sconvolgimento del Risorgimento. Magari non avverrebbe nemmeno la Rivoluzione Francese, scoraggiata dal destino dei patrioti Americani. E in realtà nel racconto l'accenno ai salotti parigini vuole suggerire proprio questo. Nnon venendo mai messo in crisi il "sistema", poiché non si verificano eventi che comportano il definitivo successo di coloro che subiscono un dominio, la situazione mondiale si cristallizza senza che si concretizzi alcun Illuminismo in campo sociale e politico. Senza la rivoluzione americana, però, il timore è che la democratizzazione dei poteri assoluti possa non avvenire affatto, e che i governi rimangano di stampo settecentesco.

.

Novelle di Sandro Degiani

Il Console Pharaon Ulysses Kursk 1943 Capoverde 1944 New York 1946 Jevah Ritorno al Passato La minaccia del Krang Il Bianco muove e dà matto in tre mosse Gatto di Bordo Pilota Anche gli Dei devono morire Il Valore di un giorno Viaggio di un secondo Briciole Breve Storia del primo McDonald su Marte Volpiano Sud

.

Torna indietro